`Olio d'oliva esente dal divieto di importazione del Pakistan - Olive Oil Times

Olio d'oliva esente dal divieto di importazione del Pakistan

Può. 25, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

La Pakistan FMCG Importers Association protesta con vigore contro la decisione di Islamabad di fermare le importazioni di decine di prodotti alimentari e beni considerati "non essenziale."

La decisione del governo è stata annunciata la scorsa settimana come parte di un pacchetto di misure urgenti necessarie per portare stabilità all'economia in bilico del paese.

(Per) tutti quegli articoli di lusso non essenziali che non vengono utilizzati dal grande pubblico, è stato imposto un divieto totale alla loro importazione. C'è una situazione di emergenza nel Paese.- Marriyum Aurangzeb, ministro dell'Informazione pakistano

Attualmente, gli oli commestibili e gli oli d'oliva non sono inclusi nel divieto, con l'elenco completo degli articoli vietati soggetto a continui aggiornamenti.

Tra gli alimenti vietati la pasta, i sughi, il pesce, i surgelati, la frutta, la frutta secca, i succhi, le marmellate e le gelatine. Altri beni vietati includono automobili, scarpe, tappeti, mobili, stoviglie, cioccolato, strumenti musicali e cosmetici.

Vedi anche:L'ondata di caldo record e la siccità in Pakistan minacciano i raccolti e l'olivicoltura

Il ministro dell'Informazione Marriyum Aurangzeb ha detto ai media che il minimo inclusi "tutti quegli oggetti di lusso non essenziali che non vengono utilizzati dal grande pubblico, è stato imposto un divieto totale alla loro importazione".

"C'è una situazione di emergenza nel Paese", ha aggiunto. Non è noto per quanto tempo verrà distribuito il divieto.

pubblicità

L'associazione degli importatori locali ha avvertito che l'improvvisa decisione del governo devasterà l'intero settore delle importazioni, con il crollo delle entrate derivanti da tasse e dazi.

I funzionari della PFIA hanno notato che migliaia di aziende che pagano regolarmente le tasse saranno costrette a chiudere sulla scia del divieto, mentre centinaia di migliaia di persone perderanno il lavoro, con ampie conseguenze socioeconomiche.

Dal momento che il divieto riguarda il cibo per gli animali, a Karachi è stata vista una grande protesta. Secondo media locali, una coalizione di importatori alimentari, veterinari, rivenditori e proprietari di animali domestici ha chiesto la rimozione del divieto sugli alimenti per animali.

Secondo Aurangzeb, il divieto di importazione del governo e altre misure di austerità aiuteranno a risparmiare fino a 5.6 miliardi di euro ogni anno. Il ministro ha aggiunto che il divieto di importazione dovrebbe portare fino a 470 milioni di euro di risparmio.

Vedi anche:Gli olivicoltori in Pakistan cercano assistenza governativa per scalare la produzione

Secondo i media locali, il 62 per cento dell'intero conto di importazione di aprile, circa 3.75 miliardi di euro, riguardava combustibili, generi alimentari, prodotti e prodotti chimici per l'agricoltura.

L'aggravarsi della crisi economica sta paralizzando il paese ed è uno dei motivi principali per la destituzione dell'ex primo ministro Imran Khan con un voto di sfiducia il mese scorso.

Il Paese sta attualmente negoziando finanziamenti straordinari con il Fondo Monetario Internazionale (FMI), il cui sostegno dipende dalla capacità del Paese di introdurre riforme economiche.

"Gli elementi essenziali consumati dalla classe media non possono essere toccati, quindi l'onere deve ricadere sul taglio del consumo delle élite", Asif Arshalan H. Soomro, analista economico, ha detto a Gulf News.

"Ogni piccola misura aiuta a breve termine poiché abbiamo poco tempo", ha aggiunto. "Anche risparmiare 500 milioni di dollari (470 milioni di euro) al mese è importante perché significa negoziare con il FMI per altri 500 milioni di dollari che avrebbero ulteriori alleanze".

Secondo il Times of India, il disavanzo delle partite correnti del Pakistan supera il 4.5 per cento del prodotto interno lordo, in uno scenario in cui il conto delle importazioni è salito a 61.4 miliardi di euro contro i 24.6 miliardi di euro delle esportazioni degli ultimi 10 mesi.

Anche le riserve nazionali si stanno rapidamente prosciugando, passando da 15.3 miliardi di euro di fine febbraio a 9.4 miliardi di euro a maggio.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti