Le forze agronomiche e macroeconomiche dietro i prezzi dell’olio d’oliva in Italia

Nonostante la prevista ripresa della produzione in Italia, i prezzi probabilmente rimarranno elevati. Gli agricoltori dovranno adattarsi a una nuova realtà.

Gli uliveti di Donnafugatta in Sicilia (Foto: F. Gambina)
Di Pietro Fanciulli
21 novembre 2023 14:43 UTC
1025
Gli uliveti di Donnafugatta in Sicilia (Foto: F. Gambina)

Olio d'oliva i prezzi in Italia sono aumentati dal 90 al 130% da settembre 2022, riflettendo una combinazione di fattori agronomici e macroeconomici che hanno complicato la situazione per produttori e consumatori.

Cambiamento climatico, mosca di frutta d'oliva infestazioni, inflazione, carenza di manodopera e importazioni hanno creato una tempesta perfetta per il settore italiano dell'olio d'oliva.

Per noi tutti i costi sono aumentati a causa dell’inflazione e ogni anno è sempre più difficile trovare manodopera specializzata. Tuttavia non possiamo aumentare troppo i prezzi.-Eugenio Ranchino, Frantoio Ranchino

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Agronomy, negli ultimi anni in Italia i cambiamenti climatici hanno avuto un impatto significativo sulla produzione olivicola, modificando le aree idonee alla coltivazione dell’olivo ed esacerbando eventi meteorologici estremi.

Se da un lato il cambiamento climatico ha reso possibile la coltivazione dell’olivo in aree dove prima non era possibile – come in molte regioni settentrionali e montuose d’Italia – dall’altro ha reso la coltivazione dell’olivo più difficile e imprevedibile nelle aree tradizionali.

Vedi anche:La produzione globale di olio d'oliva è destinata al secondo anno consecutivo di declino

Ad esempio, l’estate e l’inverno scorsi sono stati molto secchi, causando la siccità degli alberi. Poi, durante la fioritura, il tempo ventoso e piovoso ha comportato una scarsa allegagione e, di conseguenza, una minore resa delle olive.

In generale, le stagioni cambiano più velocemente di quanto gli alberi possano adattarsi, contribuendo alla tendenza al calo della produzione in Italia negli ultimi tre decenni.

Il cambiamento climatico ha inoltre creato condizioni favorevoli alla mosca dell’olivo, il parassita più dannoso per le colture, e alla diffusione di altri parassiti e malattie.

A causa delle temperature medie più elevate durante tutto l'anno, soprattutto in inverno, il suo tasso di sopravvivenza e i cicli riproduttivi sono notevolmente aumentati.

Inoltre, la scorsa estate in Italia, il clima è stato più umido rispetto agli altri anni, facilitando la sopravvivenza delle larve della mosca dell'olivo, che hanno maggiori probabilità di morire in un clima caldo e secco.

A causa degli impatti dei cambiamenti climatici, le regioni meridionali italiane stanno riscontrando maggiori problemi di siccità, mentre le aree più colpite dalla mosca dell’olivo si stanno spostando verso nord.

"Quest'estate è stata calda e secca qui in Sicilia, e questo ha creato un ambiente sfavorevole per la mosca dell'olivo ", ha affermato Giuseppe Milano, agronomo presso l'azienda vinicola e produttrice di olio d'oliva Donnafugata. "Abbiamo utilizzato delle trappole a feromoni in via precauzionale, ma non abbiamo avuto bisogno di alcun intervento aggiuntivo per proteggere le nostre olive, e questo ci ha permesso anche di avere un raccolto migliore rispetto alla scorsa stagione”.

imprese-produttive-europa-le-forze-agronomiche-e-macroeconomiche-dietro i-prezzi-dell-olio-d-oliva-in-italia-olio-d-oliva-times

Il clima sempre più caldo e secco della Sicilia ha limitato la comparsa della mosca dell'olivo negli oliveti di Donnafugata. (Foto: F. Gambina)

Le olive attaccate dalle mosche perdono gran parte delle loro qualità nutritive a causa dell'ossidazione prematura. Oltre a una resa ridotta negli oliveti colpiti, ci sono anche maggiori rischi di una produzione di qualità inferiore.

Insieme alle sfide agronomiche aggravate dal cambiamento climatico, l’alto costo della vita, ma soprattutto la mancanza di manodopera disponibile, stanno causando molti problemi ai produttori.

In Europa e soprattutto in Italia, il costo della vita è aumentato in modo significativo a causa della crescente inflazione, che ha raggiunto oltre il -% nell'ultimo anno, secondo i dati ufficiali dell'Istituto Nazionale di Statistica.

L’aumento dei prezzi ha causato una serie di reazioni a catena nel mercato. Inoltre, le guerre e le speculazioni di mercato hanno reso la situazione economica ancora più difficile per i piccoli produttori.

Tutti i costi per gli agricoltori sono aumentati, soprattutto fertilizzanti, combustibili e attrezzature. Questi crescenti costi di produzione sono stati successivamente trasferiti al consumatore, aggravando l’aumento dei prezzi dell’olio d’oliva.

pubblicità
pubblicità

Ma il problema più grande per gli olivicoltori è la mancanza di manodopera per la raccolta, la coltivazione e altre operazioni specifiche come la potatura.

La carenza di manodopera è dovuta al fatto che il lavoro agricolo ha perso attrattiva tra i giovani che preferiscono lavori meno fisici. Tuttavia, è ulteriormente esacerbato da salari bassi e instabili, che rendono difficile attrarre e trattenere la forza lavoro qualificata necessaria per specifiche operazioni di olivo.

"Per noi tutti i costi sono aumentati a causa dell’inflazione e ogni anno è sempre più difficile trovare manodopera specializzata”, spiega Eugenio Ranchino del Frantoio Ranchino in Umbria. "Tuttavia non possiamo aumentare troppo i prezzi; altrimenti avremmo difficoltà a venderlo ai nostri affezionati clienti, che sono per lo più locali”.

L’incapacità di mantenere una forza lavoro qualificata da un raccolto all’altro sta causando molti problemi di gestione e aumentando i costi che, a lungo termine, potrebbero causare il possibile abbandono dei terreni.

Ci sono sussidi da parte di Politica agricola comune per sostenere gli olivicoltori tradizionali e prevenire l’abbandono, ma molti nel settore sostengono che questi non siano sufficienti.

Oltre agli impatti del cambiamento climatico e della situazione macroeconomica, i prezzi dell'olio d'oliva in Italia sono influenzati anche dalla generale mancanza di offerta a livello nazionale e internazionale.

Si prevede che l'Italia produrrà circa 289,000 tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2023/24, superando il rendimento dello scorso anno di circa il 20% e la media quinquennale del -%.

Tuttavia, questa produzione non è sufficiente a soddisfare la domanda del mercato interno e di quello di esportazione. In media, L'Italia vende un milione di tonnellate di olio d'oliva ogni anno, importando ciò che non produce internamente.

In genere gli imbottigliatori italiani si rivolgono a Grecia, Spagna e Tunisia per far fronte al deficit. Tuttavia, il raccolto storicamente scarso della Spagna lo scorso anno e la previsione di un altro basso rendimento quest'anno hanno fatto sì che gli imbottigliatori si siano dovuti rivolgere altrove, tra cui Turchia e Marocco.

Questo rimpasto è stato ulteriormente complicato quando entrambi i paesi hanno vietato le esportazioni sfuse all’inizio dell’autunno per arginare l’aumento dei prezzi in patria.

"Non molti sanno che esistono anche le più grandi aziende di confezionamento dell'olio d'oliva in Italia ", ha affermato Giulio Mannelli, presidente dell'associazione Aprol. "Produciamo solo circa il trenta per cento della produzione nazionale e la maggior parte dell'olio d'oliva proviene dalle importazioni.

"Questo problema è aggravato dall’enorme calo della produzione quest’anno e dall’aumento della domanda, soprattutto dall’estero e attraverso il commercio elettronico”, ha aggiunto.

L'adattamento alla mutevole situazione climatica e macroeconomica degli uliveti sarà fondamentale per il settore. Ci sono alcune soluzioni; uno potrebbe esserlo ricerca genetica su nuove cultivar di ulivi più resistenti ai cambiamenti climatici.

Un’altra soluzione potrebbe venire dalla raccolta dati e dall’analisi del paesaggio per trovare nuove aree di coltivazione più adatte, integrando stazioni meteorologiche nelle aree esistenti e utilizzando modelli predittivi per prevenire danni da condizioni meteorologiche estreme e infestazioni di parassiti.

Una soluzione alla mancanza di forza lavoro specializzata e all’aumento dei costi potrebbe essere la formazione di nuovi lavoratori migranti o le applicazioni tecnologiche. Le nuove tecnologie potrebbero provenire dall’agricoltura di precisione che utilizza droni, dalla meccanizzazione di molte operazioni manuali e dall’adozione di piantagioni superintensive [ad alta e altissima densità] per aumentare l’efficienza produttiva.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati