L'olivicoltura è la chiave per salvare le foreste del Belucistan

Funzionari e attivisti ambientali ritengono che l'olivicoltura e la produzione di olio potrebbero aiutare a prevenire il disboscamento illegale nelle foreste selvagge.

La riduzione delle foreste di ulivi nel Belucistan
Giu. 11, 2022
Di Rafiullah Mandokhail
La riduzione delle foreste di ulivi nel Belucistan

Notizie recenti

Non c'è dubbio che le foreste svolgono un ruolo fondamentale nella lotta contro il impatto del cambiamento climatico, mitigando le inondazioni, regolando il clima e arricchendo la biodiversità.

Tuttavia, le preziose foreste nella provincia del Belucistan, nel Pakistan occidentale, colpita dalla povertà, si stanno riducendo e il degrado forestale è continuato per decenni a un ritmo allarmante.

Se non verranno presi immediatamente provvedimenti tempestivi e concreti, le foreste rimanenti scompariranno nel prossimo futuro.- Sheikh Khaliq Dad Mandokhail, vicedirettore, dipartimento dell'ambiente locale

Distribuito su 347,190 chilometri quadrati, che costituiscono quasi il 44 per cento dell'area totale del Pakistan, il Belucistan condivide i confini con l'Afghanistan e l'Iran. 

L'area stimata degli uliveti nella provincia è solo dello 0.2%, con l'80% delle foreste di proprietà delle comunità locali o degli indigeni. Il resto è di proprietà del governo e gestito dal suo dipartimento forestale come foreste demaniali. 

Vedi anche:Il governo pakistano lancia il programma di sviluppo agricolo

Le foreste di ulivi sopravvissute più significative sono quelle sotto il controllo del governo.

Il Belucistan un tempo era noto per la sua ricca copertura forestale. Tuttavia, le entità della criminalità organizzata sostenute dalla popolazione locale hanno abbattuto molte foreste naturali e trasportato il legno da un'area all'altra. 

Asia-produzione-di-olivicoltura-è-la-chiave-per-salvare-le-foreste-del-balochistan-tempi-di-olio-d-oliva

Una foresta selvaggia con innesti di cultivar italiane e spagnole (Rafiullah Mandokhail for Olive Oil Times)

La questione è stata più volte portata all'attenzione delle autorità interessate, ma senza alcun risultato.

Nelle parti settentrionali del Belucistan – i distretti di Zhob, Sherani e Musakhail – le foreste rientrano nella catena dei monsoni dal punto di vista climatico. 

Tuttavia, le persone in questa regione sono povere e non hanno fonti alternative per cucinare o riscaldare in inverno. I pascoli vicino alla foresta sono anche gli unici luoghi adatti per pascolare il loro bestiame. Le olive selvatiche sono usate come foraggio. 

Mentre alcune comunità locali si sono impegnate a non tagliare la foresta, la pressione economica ha lasciato le comunità emarginate senza altra scelta che tagliare e immagazzinare il bosco di ulivi.

Zhob, che confina con l'Afghanistan e il Waziristan meridionale, è un'area di montagne verdi e lussureggianti e foreste espansive e diversificate. Tuttavia, il disboscamento illegale combinato con l'apatia dei funzionari locali significa che gli uliveti selvatici stanno rapidamente diminuendo.

Hussain Alam, un attivista di Zhob, ha affermato che le forze dell'ordine sono assenti o appartengono alla stessa tribù, il che significa che non interferiranno con i taglialegna illegali per evitare faide tribali.

Asia-produzione-di-olivicoltura-è-la-chiave-per-salvare-le-foreste-del-balochistan-tempi-di-olio-d-oliva

Un contadino locale, Abdul Qayum (Rafiullah Mandokhail per Olive Oil Times)

"Gli abitanti delle zone remote e collinari usano gli ulivi come legna da ardere per cucinare e bruciare come combustibile ", ha detto Alam. "Allo stesso modo, di solito danno da mangiare al loro bestiame rami d'ulivo e frutta in inverno. La mancanza di disponibilità di gas è uno dei fattori che contribuiscono”.

Sultan Lawoon, funzionario della foresta e della fauna selvatica, afferma che la povertà, l'analfabetismo e la disoccupazione sono i principali fattori che hanno costretto la popolazione locale ad abbattere gli ulivi selvatici.

"Gli indigeni non solo tagliano gli alberi come combustibile, ma vendono anche il legno sul mercato aperto per soddisfare i loro bisogni”, ha affermato.

Asia-produzione-di-olivicoltura-è-la-chiave-per-salvare-le-foreste-del-balochistan-tempi-di-olio-d-oliva

Checkpoint sull'autostrada Balochistan-Khyber Pashtoonkhwa per controllare il contrabbando di legname (Rafiullah Mandokhail for Olive Oil Times)

Gli ambientalisti dicono che la deforestazione ha un impatto tangibile negativo sulla bellezza naturale della zona e sul numero di animali selvatici e uccelli in via di estinzione. 

La deforestazione contribuisce anche alla siccità, alla scarsa ritenzione delle precipitazioni, all'inquinamento ambientale, all'erosione della terra fertile e alla distruzione degli ecosistemi e della biodiversità. 

Aggiungono che la società civile e le organizzazioni che lavorano sull'ambiente e sulla conservazione delle foreste devono adottare misure concrete per proteggere queste inestimabili foreste.

Secondo gli esperti di agricoltura e silvicoltura, se la deforestazione rimane incontrollata, queste foreste diventeranno sempre più rare nella provincia. Sostengono che una soluzione è migliorare la situazione economica delle comunità locali promuovere l'olivicoltura.

Lo sceicco Khaliq Dad Mandokhail, vicedirettore presso il dipartimento dell'ambiente locale, ha affermato che piantare olive è una delle migliori soluzioni basate sulla natura per ridurre i rischi di cambiamento climatico.

"Se non verranno presi immediatamente provvedimenti tempestivi e concreti, le foreste rimanenti scompariranno nel prossimo futuro", ha affermato. "Il Dipartimento forestale dovrebbe essere dotato di migliori strumenti di monitoraggio, la gente del posto dovrebbe essere dotata di combustibili alternativi come il gas e le leggi sul taglio delle foreste devono essere modificate".

Abdul Qayyum è residente a Ghbargei, nello Sherani Balochistan, che vanta abbondanti foreste di ulivi selvatici. 

Ha innestato varietà spagnole e italiane con olivi selvatici su circa cinque ettari di ulivi nella foresta naturale locale, che produce tra i 3,000 ei 4,000 litri di olio d'oliva all'anno.

"Il meccanismo dell'innesto è stato utilizzato nell'area collinare", ha affermato. "Durante l'ultima stagione di raccolta, sono riuscito a guadagnare 1 milione di rupie (€ 4,700) vendendo olio d'oliva. 

Qayyum ritiene che non ci fosse raccolto più adatto alla regione delle olive in quanto tollerano la siccità e di solito vengono raccolte in ottobre. 

Le olive vengono raccolte dagli alberi e l'olio estratto viene trasportato in altre parti del paese.

Secondo le statistiche del Dipartimento forestale, le foreste di ulivi selvatici coprono 41,000 ettari del distretto di Sherani, di cui 6,000 ettari sono di proprietà del Dipartimento forestale. La comunità locale possiede il resto. 

Asia-produzione-di-olivicoltura-è-la-chiave-per-salvare-le-foreste-del-balochistan-tempi-di-olio-d-oliva

Olivo selvatico secolare nello Zhob Balochistan (Rafiullah Mandokhail per Olive Oil Times)

"Per irrigare gli ulivi, è stato installato un sistema di irrigazione a goccia ", ha affermato Qayyum. "Dodici acri di foresta di ulivi naturali sono stati innestati con l'aiuto del World Wildlife Fund e dei fondi UK-Aid, mentre il sistema di irrigazione a goccia è stato installato con l'aiuto del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite e del Dipartimento per l'agricoltura e la gestione delle acque.

Per quanto riguarda il metodo di innesto, Qayyum ha affermato che i rami degli ulivi selvatici vengono tagliati con cura e la piantina spagnola è attaccata. Quindi, i due vengono uniti insieme con l'aiuto dell'argilla e fissati con plastica.

"L'innesto viene solitamente eseguito in primavera o nella stagione dei monsoni", ha affermato. "Ci sono milioni di ulivi selvatici a Zhob. Se l'innesto di varietà spagnole viene effettuato in tutta la foresta, alla fine rafforzerà le condizioni socio-economiche delle persone e ripristinerà la bellezza perduta delle foreste e del paesaggio".

Najeebullah Mandokhail, un funzionario agricolo responsabile dell'estrazione dell'olio d'oliva in Belucistan, ha affermato che negli ultimi anni sono stati piantati 50,000 alberelli di ulivo in diverse parti di Zhob.

La vicina Loralai è la più grande olive oil producer in provincia. Nella regione sono stati piantati più di un milione di ulivi, comprese le varietà spagnole e italiane. Durante la recente stagione della raccolta, Mandokhail ha affermato che nella regione sono state prodotte 62,000 litri di olio.

"Un albero maturo, indipendentemente dal fatto che la varietà sia per olio d'oliva o olive da tavola – può produrre da 15 a 25 chilogrammi di frutta all'anno", ha affermato. "Occorrono, in media, 10 chilogrammi di olive di prima qualità per produrre un litro di olio d'oliva".

Lawoon, il funzionario del Dipartimento forestale, ha affermato che l'età degli ulivi è compresa tra 1,500 e 7,000 anni. 

Entro tre o cinque anni, i rami d'ulivo iniziano a dare frutti. Cento chilogrammi di olive selvatiche producono 10 litri di olio, mentre cento chilogrammi di olive da alberi innestati producono da 22 a 28 litri di olio d'oliva. Ci sono da 10 a 12 diverse varietà di olive adatte al clima di questa regione.

Anche i funzionari e gli agricoltori della contea dell'Asia meridionale ne vedono molti opportunità per olive oil produzione.

Il Pakistan, che spende 245 miliardi di rupie (1.16 miliardi di euro) per l'importazione di oli commestibili all'anno, ha 3.17 milioni di ettari di superficie potenziale per l'olivicoltura. Ciò consentirebbe agli agricoltori di produrre olio d'oliva per il consumo interno e le esportazioni. 

Il paese di recente è diventato il 19th membro dell'International Oil Council (CIO) e attualmente produce circa 1,500 tonnellate di olio d'oliva e 830 tonnellate di olive da tavola all'anno.

Nel giugno 2022, l'Italia ha annunciato che avrebbe investito nello sviluppo dell'olivicoltura e delle competenze tecniche nel biennio 'Progetto Olive Culture del valore di 1.5 milioni di euro.

L'Italia aveva precedentemente investito in operazioni di olivicoltura pakistana attraverso il supporto tecnico dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo in Pakistan. 

Il paese ha un grande potenziale per la produzione di olive, con 3.6 milioni di alberi che coprono già 12,500 ettari e prevede di piantarne altri 10 milioni su altri 30,400 ettari.

Il Belucistan è considerata una provincia molto promettente per la coltivazione dell'olivo e vanterà più di 500,000 alberi su 3,800 ettari entro il 2024. Si prevede che questo da solo genererà 1.16 miliardi di rupie (5.5 milioni di euro) e produrrà 16,000 tonnellate di olio d'oliva entro il 2027.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti