L'ondata di caldo record e la siccità in Pakistan minacciano i raccolti e l'olivicoltura

L'ondata di caldo senza precedenti ha anche causato inondazioni glaciali e interruzioni di corrente. Sono previsti ulteriori aumenti di temperatura.
Lago Attabad nel nord del Pakistan
Può. 16, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Il Pakistan è nel bel mezzo di una prolungata ondata di caldo, che ha causato gravi carenze d'acqua con ripercussioni sulla salute delle persone e sulla produzione agricola.

La scarsità d'acqua sta colpendo tutti i tipi di produttori agricoli. Secondo Manzoor Wassan, segretario all'agricoltura nella regione del Sindh, stanno interessando uliveti, cereali, mango, peperoni, palmeti e canna da zucchero.

C'è una grave carenza di acqua potabile nella provincia e problemi nei canali di irrigazione. L'economia dovrà affrontare maggiori difficoltà se la situazione non verrà affrontata.- Sharjeel Memon, segretaria delle informazioni del Sind

Insieme agli effetti perniciosi della siccità, gli agricoltori stanno anche cercando di riprendersi dalle massicce inondazioni causate dallo scioglimento dei ghiacciai nel nord montuoso del paese a causa del caldo estremo.

Il Sindh è una regione del Pakistan meridionale che ospita molte delle nazioni progetti di sviluppo olivicolo. La maggior parte di questi progetti si concentra sull'irrigazione ad alta densità e boschetti ad altissima densità.

Vedi anche:Gli olivicoltori in Pakistan cercano assistenza governativa per scalare la produzione

L'ondata di caldo record che ha colpito il paese ha portato le temperature a 45 °C in aprile e marzo.

L'aumento delle temperature, a sua volta, ha causato un aumento della domanda di elettricità per alimentare ventilatori e condizionatori d'aria, aggravando anche la crisi idrica.

pubblicità

Jacobabad, una città del Sindh, ha vissuto il suo aprile più caldo degli ultimi 122 anni, con temperature che hanno raggiunto i 49 °C.

Secondo l' Servizio di notizie delle Nazioni Unite, il dipartimento meteorologico pakistano avverte che i livelli di calore insoliti accelereranno lo scioglimento della neve e del ghiaccio nelle regioni montuose del Gilgit-Baltistan e del Khyber Pakhtunkwa, provocando probabilmente inondazioni di laghi glaciali o inondazioni improvvise in aree vulnerabili.

Wassan ha avvertito che l'acqua sta scomparendo dai canali utilizzati nel Sindh per l'irrigazione. La quota di acqua disponibile per l'agricoltura è ora diminuita del 47% e sta peggiorando di giorno in giorno.

Un allarme ancora più urgente è arrivato dal segretario all'informazione del Sindh, Sharjeel Memon, che ha rivolto un appello al governo federale per un rapido intervento.

"C'è una grave carenza di acqua potabile nella provincia e problemi nei canali di irrigazione”, ha affermato. "L'economia dovrà affrontare maggiori difficoltà se la situazione non verrà affrontata".

Secondo i funzionari locali, i bacini idrici del fiume Indo di Guddu, Sukkur e Kotri hanno visto i loro livelli diminuire in modo significativo e ora sono compresi tra il 40 e il 51% del livello normale.

Il fiume Indo è la fonte più importante per l'infrastruttura di distribuzione dell'acqua del paese.

Una ricerca recentemente pubblicata dal Pakistan Institute of Development Economics ha confermato che le cause della scarsità d'acqua del Paese sono legate alla rapida crescita della popolazione unita alla crescenti effetti del cambiamento climatico, che sta aggravando inondazioni e siccità.

Secondo l' studio, la scarsità d'acqua è dovuta anche a una cattiva gestione dell'acqua nel settore agricolo, a infrastrutture vecchie o inefficienti ea problemi diffusi di inquinamento delle acque.

I dati delle Nazioni Unite del 2021 citati dalla ricerca mostrano che solo il 36% della popolazione ha accesso ad acqua potabile sicura.

I dati mostrano anche che il sistema di irrigazione del paese riceve un tasso di efficienza inferiore al 39%. Dei 143 miliardi di metri cubi disponibili all'impianto del canale, solo 55 miliardi arrivano nei campi.

Il dato è emblematico delle sfide che i governi regionali e federali devono affrontare per sostenere la produzione agricola del Paese.

Mentre l'olivicoltura nel Sindh ha appena iniziato a svilupparsi, l'olivicoltura è stata il fulcro di molti sviluppi progetti in altre regioni del Pakistan negli ultimi anni.

Nell'ambito del progetto Ten Billion Tree Tsunami, il Pakistan sta coltivando migliaia di ulivi e mira a raggiungere presto quattro milioni di ettari di superficie olivicola.

Nel Sindh fu il primo uliveto ha recentemente annunciato, con diversi progetti di sviluppo in fase di esplorazione. modelli internazionali, compresa l'Italia, sono tra i maggiori finanziatori e investitori nel nascente settore olivicolo del Pakistan.

Il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) e i rappresentanti del governo pakistano hanno recentemente annunciato che il paese sta entrando nel consiglio come il suo 19th membro.

L'annuncio è arrivato in conseguenza del continuo sviluppo delle infrastrutture olivicole nel paese, inclusi vivai, laboratori e frantoi. Uno degli incentivi per aderire al CIO è il potenziale per rafforzare la cooperazione internazionale, che ha sostenuto le iniziative olivicole del paese.

"Il Pakistan sente la necessità di entrare in contatto con il consiglio mentre stanno sviluppando il loro settore olivicolo e il loro consumo interno di olio d'oliva cresce ", ha recentemente affermato Abdellatif Ghedira, direttore esecutivo del CIO Olive Oil Times.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti