`L'Italia fornirà 1.5 milioni di euro per lo sviluppo del settore dell'olio d'oliva pakistano - Olive Oil Times

L'Italia fornirà 1.5 milioni di euro per lo sviluppo del settore dell'olio d'oliva pakistano

Giu. 28, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un nuovo progetto di sviluppo congiunto italo-pakistano per l'industria olivicola è stato annunciato dall'ambasciatore italiano in Pakistan, Andreas Ferrarese.

L'iniziativa Olive Culture mira a promuovere la coltivazione dell'olivo in Pakistan, con un focus specifico sullo sviluppo delle filiere produttive e di approvvigionamento del settore.

È necessario ridurre i costi di produzione nella filiera olivicola con l'acquisizione di tecnologia e dare opportunità agli agricoltori locali.- Marco Marchetti, coordinatore del progetto, Ciheam Bari International

Secondo Ferrarese, 1.5 milioni di euro saranno impiegati nei prossimi 26 mesi nelle aree individuate dal Dipartimento pakistano dei semi oleosi in collaborazione con Ciheam Bari International, un'organizzazione di ricerca agronomica.

Ferrarese ha aggiunto che il progetto rafforzerà anche le relazioni con le parti interessate e migliorerà le tecniche di elaborazione.

Vedi anche:Centinaia di ulivi autoctoni bruciati negli incendi del Belucistan

Ferrarese ha detto la nuova avventura "rappresenta la continuazione di tutto il lavoro fatto in passato dall'Italia, con un approccio olistico che abbraccia tutte le fasi e le parti interessate."

Quattro decenni fa, l'Italia ha offerto supporto tecnico per valutare la fattibilità della moderna coltivazione nel Paese.

pubblicità

Dal 2012, il paese europeo ha fornito supporto tecnico e finanziario per la prima di numerose iniziative nel settore olivicolo, tra cui il "promozione dell'olivicoltura per lo sviluppo economico e l'alleviamento della povertà”.

L'ambasciatore italiano ha sottolineato come il Pakistan potrebbe diventare un importante paese produttore di olive in futuro, con olive oil produzione aiutare il governo ad abbassare il deficit commerciale del paese.

"Siamo felici di continuare con l'obiettivo di sviluppare una cultura olivicola sostenibile, moderna e ricca ", ha affermato Ferrarese. "Non vediamo l'ora che arrivi il momento in cui il Pakistan sarà tra i principali paesi produttori ed esportatori di olive nel mondo".

Marco Marchetti, il coordinatore del progetto di Ciheam Bari International, ha affermato che l'iniziativa aiuterebbe il Pakistan a produrre più olio d'oliva per una popolazione che consuma 4.5 milioni di tonnellate di oli commestibili all'anno.

Marchetti ha detto ai media locali che la promozione cultura dell'olio d'oliva includerà la diffusione della consapevolezza tra gli agricoltori sui valori dell'olio d'oliva mentre investono in tecnologia.

"È necessario ridurre i costi di produzione nella catena del valore delle olive con l'acquisizione di tecnologia e offrire opportunità agli agricoltori locali di vendere olive sul mercato a un buon prezzo ", ha affermato.

Marchetti ha citato precedenti progetti congiunti di sviluppo delle olive, come l'Accordo di scambio di debiti italiano con il Pakistan, che ha portato alla piantagione di 2,000 ettari di nuove piantagioni tra il 2012 e il 2015. Nel 2016, un altro accordo ha contribuito a creare tre frantoi d'oliva.

Ciheam Bari International è anche direttamente coinvolta nel finanziamento italiano in corso "meccanismo olistico e multiprofessionale dell'olivicoltura per un progetto di filiera dell'olio d'oliva pakistano”.

Secondo Marchetti, il nuovo progetto promuoverà il benefici alla salute of olio extravergine d'oliva e sostenere lo sviluppo delle competenze tecniche e degli standard di qualità per i laboratori di certificazione olearia e fitosanitari del Paese.

L'attuale progetto di coltura dell'olivo arriva come anche il governo pakistano aumentando la sua cooperazione con il Consiglio oleicolo internazionale (CIO).

Il paese è a un passo dall'adesione formale al CIO, ma sono già state discusse partnership per sostenere il settore olivicolo locale.

Ciheam, un'organizzazione intergovernativa composta da 13 paesi del Mediterraneo, è partner strategico del CIO dal 2016. All'inizio di giugno, durante il recente Consiglio dei membri del CIO ad Amman, in Giordania, le due organizzazioni hanno firmato un rinnovato accordo di cooperazione ad ampio raggio.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti