Nuovo Aiuti Finanziari per Mugnai Pugliesi Paralizzati di Xylella Fastidiosa

I mugnai avranno diritto a pagamenti fino a € 200,000. Il nuovo finanziamento di 35 milioni di euro fa parte del più ampio piano di ripresa del settore olivicolo.
Salento, Puglia, Italia
Giu. 18, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali italiano fornirà 35 milioni di euro ai frantoi italiani colpiti dalla diffusione di Xylella fastidiosa nella regione meridionale italiana di Puglia.

I fondi saranno disponibili per le aziende idonee entro le prossime settimane. Il supporto fa parte di un più ampio Piano da 300 milioni di euro aiutare le aree più colpite a rilanciare le attività legate all'olivicoltura e alla produzione di olio ove possibile per rilanciare l'economia locale.

La devastazione causata da Xylella fastidiosa ha influito significativamente sui volumi di produzione delle aziende molitorie locali, principalmente nel Salento, nella parte meridionale della regione.

Vedi anche:Il progetto europeo LIFE Resilience offre strumenti per mitigare la diffusione della Xylella

Per essere presi in considerazione per i fondi, le aziende devono documentare la differenza tra i Anno del raccolto 2019/20 volumi di produzione e le rese medie delle vendemmie 2012/13 e 2013/14. Quelli sono ampiamente considerati gli ultimi raccolti di olive prima Viene introdotta la Xylella fastidiosa in Puglia.

Il decreto prevede anche una nuova tornata di fondi che saranno disponibili entro la fine dell'anno, incentrata sulla Anno del raccolto 2020/21.

pubblicità

Entrambi i turni erano stati attesi con impazienza dai mugnai locali, che in diverse occasioni avevano chiesto al governo di accelerare il processo.

Il decreto del ministero, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, concede all'Agenzia nazionale per il finanziamento agricolo (Agea) 30 giorni per stabilire le procedure specifiche che consentiranno ai mugnai di chiedere un massimo di 200,000 euro di fondi di recupero.

"A causa della diffusione della Xylella fastidiosa, molti frantoi pugliesi hanno ridotto o addirittura interrotto la loro attività di trasformazione delle olive ", ha affermato Giuseppe L'Abbate, membro del parlamento pugliese ed ex sottosegretario di stato all'agricoltura.

Vedi anche:Il tribunale interrompe la rimozione degli alberi millenari infetti da Xylella in Puglia

"Quei fondi... saranno ulteriormente sostenuti dalle misure incluse nel Piano nazionale per la ripresa e la resilienza volti al rilancio infrastrutturale e di ammodernamento dei frantoi ”, ha aggiunto. "Rappresenta un'occasione unica di innovazione e ripresa per migliorare la competitività e mantenere l'eccellenza di uno dei prodotti alimentari più rilevanti del Made in Italy”.

Dal 2013, Xylella fastidiosa ha contribuito alla morte di milioni di ulivi in ​​Puglia, che rimane la regione produttrice di olio d'oliva più importante d'Italia.

Nel 2021, l'associazione agricola nazionale italiana, Confagricoltura, ha stimato che oltre 150,000 ettari di uliveti erano stati colpiti dalla sindrome del declino rapido dell'olivo (QODS), la malattia causata da Xylella fastidiosa.

Insieme ai fondi per i mugnai, le autorità nazionali e locali pugliesi hanno varato una serie di misure per arginare la diffusione della malattia e ripristinare le aree colpite.

"L'obiettivo dei progetti in corso è riportare l'agricoltura e il reddito nelle aree gravemente colpite dalla Xylella", ha detto Pantaleo Piccinno, presidente del Distretto Qualità Agricoltura Salento-Jonico (DAJS). Olive Oil Times nel mese di aprile.

"Stiamo lavorando con un nuovo approccio, per sostituire gli uliveti distrutti con nuove colture, rimodellare il nostro territorio e dare forza alle sue eccellenze agricole ", ha aggiunto.



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti