Xylella è arrivata in Italia da una fabbrica di caffè costaricana, affermano i ricercatori

Uno studio ha concluso che i genomi di Xylella fastidiosa negli ulivi pugliesi discendevano direttamente dalle piante di caffè costaricane.

Piante di caffè a San Jeronimo, Costa Rica
Marzo 8, 2022
di Francesca Gorini
Piante di caffè a San Jeronimo, Costa Rica

Notizie recenti

Un team internazionale di scienziati ha studiato la domanda permanente di come Xylella fastidiosa arrivato in Europa e adattato al suo nuovo ambiente.

The studio, pubblicato su Microbial Genomics, getta nuova luce sull'origine dei batteri Xylella fastidiosa e su come si è evoluto il patogeno, uccidendo milioni di ulivi in Puglia.

La nostra analisi suggerisce che il patogeno fosse arrivato in Italia con una singola introduzione dal Costa Rica, confermando il 2008 come l'anno più probabile in cui Xylella è stata introdotta in Italia.- Maria Saponari, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Mentre la presenza del batterio era originariamente confermato in Europa nel 2013, rimangono pochissime informazioni sulla relazione biologica tra i genotipi dei batteri e le specie vegetali ospiti, che è particolarmente rilevante come Xylella fastidiosa continua a diffondersi Attraverso l'Europa.

Analizzando una popolazione di ceppi di olivi italiani e genomi strettamente correlati di altre specie e luoghi di piante, i ricercatori hanno concluso che l'epidemia italiana è stata causata da una singola pianta di caffè importata dall'America centrale nel 2008.

Vedi anche:I ricercatori trovano un'altra malattia che affligge gli uliveti in Puglia

Lo studio è durato cinque anni, dal 2013 al 2017, durante i quali gli scienziati hanno raccolto campioni di ramoscelli da oltre 70 alberi con la sindrome del declino rapido delle olive, la malattia causata da Xylella fastidiosa, utilizzando un nuovo protocollo per estrarre il DNA degli alberi.

Le sequenze genomiche dell'isolato di Xylella fastidiosa che interessano gli ulivi sono state quindi confrontate con tre isolati di caffè e oleandri del Costa Rica, che erano stati precedentemente sequenziati ed erano pubblicamente disponibili.

pubblicità

Studi precedenti – e numerose segnalazioni di piante di caffè infettate da Xylella fastidiosa importate in Europa dal Centro America – ha identificato lo stesso batterio in alcune piante del Centro America. Tuttavia, non c'erano prove scientifiche di parentela genetica tra gli isolati di caffè del Costa Rica e gli isolati di olivo Puglia.

Il confronto dei dati delle sequenze genetiche riportate nello studio ha dimostrato che il batterio Xylella fastidiosa degli ulivi è direttamente correlato alle varianti centroamericane.

I dati suggeriscono anche che il contagio sia avvenuto con l'introduzione di un "pianta del caffè infetta asintomatica, probabilmente portata in Italia come pianta ornamentale.

Lo studio è stato condotto da un team internazionale composto da scienziati provenienti da Stati Uniti, Francia e Italia.

Tra gli autori, la biologa italiana Maria Saponari del Consiglio Nazionale delle Ricerche in Puglia è stata la prima a rilevare la Xyella fastidiosa nella vicina regione del Salento nel 2013.

europa-xylella-arrivata-in-italia-da-una-costa-ricana-ricercatori-di-piante-di-caffè-say-olive-oiltimes

Abbattimento degli ulivi in ​​Puglia, Italia (Getty Images)

"Precedentemente pensato per essere limitato alle Americhe, il rilevamento della Xylella fastidiosa in Europa ha sollevato nuove preoccupazioni in tutto il mondo a causa del suo potenziale altamente nocivo", ha affermato. "Il primo rapporto confermato in Europa nel 2013 è stato presto seguito dalla sua progressiva individuazione in diversi altri paesi dell'UE".

"L'agente patogeno ha gradualmente ampliato la sua area geografica in tutto il mondo, nonché la sua capacità di formare nuove associazioni con le piante ospiti", ha aggiunto. "In questo quadro, abbiamo utilizzato uno strumento genomico per studiare i processi che guidano un batterio emergente verso un'epidemia di malattie delle piante".

"Con particolare riguardo alla diffusione del batterio nella Puglia meridionale, i dati genomici hanno permesso di ricostruire l'insorgenza della Sindrome del Declino Rapido dell'Olivo, che ha portato alla morte di diversi milioni di ulivi, con significative conseguenze ambientali, sociali, politiche ed economiche ”, ha continuato Saponari.

"La nostra analisi suggerisce che l'agente patogeno era arrivato in Italia con una singola introduzione dal Costa Rica, confermando il 2008 come l'anno più probabile in cui Xylella è stata introdotta in Italia", ha aggiunto. "Ciò è coerente con le prime segnalazioni degli agricoltori pugliesi di alberi infetti nel 2010 poiché il periodo di incubazione della malattia può durare più di due anni”.

Le piante del caffè sono molto utilizzate in giardini, ville e resort: il loro fogliame verde intenso le rende ideali per arredare gli spazi esterni.

"Mentre nelle zone più fredde la pianta viene quasi sempre tenuta all'interno; nel Salento molto probabilmente è stato tenuto all'esterno, favorendo così il contagio”, ha detto Saponari.

Per dimostrare che la Xylella fastidiosa potrebbe essere stata trasmessa da una specie all'altra, i ricercatori hanno anche condotto esperimenti in cui hanno inoculato i batteri nelle piante di caffè e diffuso l'infezione agli ulivi in ​​modo controllato utilizzando spittlebugs, il vettore naturale di Xylella fastidiosa.

"I risultati mostrano che le piante di caffè possono rappresentare un vettore latente del batterio", hanno concluso i ricercatori.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti