`La Banca mondiale investe quasi 30 miliardi di euro per migliorare la sicurezza alimentare globale - Olive Oil Times

La Banca mondiale investe quasi 30 miliardi di euro per migliorare la sicurezza alimentare globale

Giu. 15, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Una grande iniziativa globale per rafforzare la sicurezza alimentare Lo ha annunciato la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo.

Nei prossimi 15 mesi, la Banca Mondiale schiererà oltre 28 miliardi di euro in un'ampia gamma di progetti che finanziano lo sviluppo agricolo, coprono le famiglie vulnerabili dall'aumento dei prezzi dei generi alimentari e progetti di gestione dell'acqua e irrigazione.

I paesi dovrebbero compiere sforzi concertati per aumentare la fornitura di energia e fertilizzanti, aiutare gli agricoltori ad aumentare le piantagioni e i raccolti e rimuovere le politiche che bloccano le esportazioni e le importazioni.- David Malpass, presidente, Gruppo Banca Mondiale

La banca ha affermato che una parte dell'investimento sosterrà anche gli agricoltori e faciliterà il commercio.

L'obiettivo del finanziamento è rafforzare i sistemi alimentari globali per renderli più sostenibili e resilienti ai rischi posti eventi meteorologici estremi, agenti patogeni e malattie, conflitti e interruzioni del commercio.

Vedi anche:La crisi in Ucraina chiede di abbandonare l'agricoltura biologica, afferma il CEO di Syngenta

I funzionari della banca hanno anche avvertito che la crisi alimentare globale sta peggiorando.

"Gli aumenti dei prezzi dei generi alimentari stanno avendo effetti devastanti sui più poveri e vulnerabili", ha affermato David Malpass, presidente del Gruppo della Banca Mondiale. "Per informare e stabilizzare i mercati, è fondamentale che i paesi facciano ora dichiarazioni chiare sugli aumenti futuri della produzione in risposta all'invasione russa dell'Ucraina".

pubblicità

"I paesi dovrebbero compiere sforzi concertati per aumentare la fornitura di energia e fertilizzanti, aiutare gli agricoltori ad aumentare le piantagioni e i raccolti e rimuovere le politiche che bloccare le esportazioni e importazioni, deviare il cibo in biocarburanti o incoraggiare lo stoccaggio non necessario", ha aggiunto.

La Banca Mondiale sta attualmente attuando un piano di investimenti da 11 miliardi di euro con i suoi paesi partner. Questi fondi sono destinati a ridurre la crisi della sicurezza alimentare.

Al Vertice mondiale sull'alimentazione del 1996, i delegati approvarono una definizione di sicurezza alimentare che definiva il termine come "quando tutte le persone, in ogni momento, hanno accesso fisico ed economico a cibo sufficiente, sicuro e nutriente che soddisfi le loro esigenze dietetiche e preferenze alimentari per una vita attiva e sana”.

La prima parte dei fondi della banca andrà principalmente in Africa e Medio Oriente, Europa orientale, Asia centrale e Asia meridionale.

Altri 17.4 miliardi di euro provengono dal portafoglio esistente della banca incentrato su progetti relativi a questioni relative alla sicurezza alimentare e nutrizionale, che coprono l'agricoltura e le risorse naturali, la nutrizione, la protezione sociale e altri settori.

"Questa risposta attingerà all'intera gamma di strumenti di finanziamento bancario e sarà integrata da un lavoro analitico", ha affermato la Banca mondiale.

L'istituzione ha aggiunto come l'esperienza della crisi globale dei prezzi alimentari del 2007/08 abbia consentito alla banca di sviluppare nuovi programmi, che hanno finanziato più di 100 progetti in 49 paesi per contrastare l'effetto peggiore della crisi.

"La Banca mondiale ospita anche il Programma globale per l'agricoltura e la sicurezza alimentare (GAFSP), che è un fondo di intermediario finanziario esistente dedicato al miglioramento della sicurezza alimentare nei paesi a basso reddito e che potrebbe essere reintegrato per aiutare a finanziare la risposta all'attuale crisi alimentare globale ". ha detto la banca.

Nata nel 1944 come strumento finanziario per finanziare la ricostruzione del secondo dopoguerra, la Banca Mondiale si è evoluta in un'istituzione finanziaria globale multifunzionale profondamente coinvolta nei sistemi alimentari.

Tra i tanti progetti finanziati dalla banca, alcuni sono diretti a progetti di olivicoltura nei paesi in via di sviluppo, combattere l'epidemia di obesità, promuovendo la salute e contrastando il peggiori effetti del cambiamento climatico.

Negli ultimi 70 anni, la Banca Mondiale ha visto crescere il suo impegno finanziario da 463 milioni di euro di prestiti dichiarati nel 1947 a 56 miliardi di euro nel 2015. "obiettivi gemelli” includono la fine della povertà estrema entro il 2030 e l'aumento della prosperità condivisa del 40% più povero della popolazione in tutti i paesi.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti