`I ricercatori utilizzano gli ultrasuoni per rilevare l'olio d'oliva adulterato - Olive Oil Times

I ricercatori utilizzano gli ultrasuoni per rilevare l'olio d'oliva adulterato

Di Ofeoritse Daibo
10 marzo 2024 22:56 UTC

Come storicamente alti prezzi dell'olio d'oliva hanno reso le autorità, i rivenditori e i consumatori più cauti furto più frode, i ricercatori dell'Università dell'Estremadura hanno trovato un modo per rilevare l'olio d'oliva adulterato utilizzando gli ultrasuoni.

“[Questo] pionieristico studio mostra che gli ultrasuoni (onde sonore al di fuori della portata dell’udito umano) possono rilevare diversi tipi di oli in base alla loro frequenza unica delle onde sonore”, ha affermato Antonio Jiménez, professore di fisica applicata all’Università dell’Estremadura.

Finora abbiamo ottenuto ottimi risultati e abbiamo scoperto che l'intensità con cui viaggiano le onde e la loro distanza cambiano in base al tipo di olio. Ogni olio ha un suono acustico diverso.- Antonio Jiménez, professore di fisica, Università dell'Estremadura

Sebbene il suo team abbia iniziato la ricerca sulle onde ultrasoniche più di due decenni fa, ha iniziato a lavorare sull'analisi dell'olio d'oliva solo nel 2017. 

"Abbiamo già effettuato ricerche su vini, miele, salumi e persino oggetti come pietre e strutture archeologiche”, ha affermato Jiménez.

Vedi anche:I ricercatori sviluppano un metodo più semplice ed economico per misurare l'acidità libera

Una volta che il team ha iniziato a studiare l’olio d’oliva e altri oli commestibili, ha cercato di distinguere i profili acustici dell’olio d’oliva, dell’olio di girasole e dell’olio di soia. "Successivamente, abbiamo combinato diversi oli per studiare la miscela con olio di oliva e di girasole", ha aggiunto Jiménez.

L'olio di girasole è uno degli oli commestibili più comunemente usati nell'adulterazione olio extravergine d'oliva a causa del suo prezzo basso e del profilo di acidi grassi simile, soprattutto quando viene utilizzato olio di girasole alto oleico.

L'olio extra vergine di oliva può essere adulterato con solo il 5% di altri oli commestibili, il che rende molto diverso rilevare un cambiamento di sapore. Di conseguenza, Jiménez ritiene che questo nuovo metodo si rivelerà prezioso.

"I trasduttori a ultrasuoni vengono immersi nell’olio per analizzarlo”, ha affermato. "Questi trasduttori sono come microfoni”, in grado di rilevare gli ultrasuoni nella gamma di due milioni di hertz rispetto alla gamma di 25 hertz che l’orecchio umano può rilevare. 

Jiménez ha spiegato che i ricercatori possono quindi determinare se l'olio d'oliva è autentico in base a "come suona l'olio", aggiungendo che gli oli hanno "proprietà diverse, come l’acidità o gli acidi grassi, ai quali gli ultrasuoni sono estremamente sensibili, per cui verrà rilevato qualsiasi cambiamento nella loro struttura fisica”.

"Abbiamo inviato onde sonore attraverso l’olio e abbiamo ascoltato ciò che ritornava utilizzando uno speciale dispositivo in grado di leggere le onde sonore”, ha detto Jiménez. "I risultati sono stati eccezionali.” 

"Siamo stati in grado di distinguere l'olio extra vergine di oliva con solo l'1% di olio d'oliva raffinato o olio di girasole ", ha aggiunto. "Normalmente, fino al 10% di adulterazione non è rilevabile dal consumatore, ma il nostro dispositivo è in grado di rilevare solo l’1% di variazione nell’olio”.

Rispetto ai metodi tradizionali utilizzati per rilevare l'adulterazione dell'olio d'oliva, Jiménez ha affermato che gli ultrasuoni non sono invasivi, il che significa che non è necessario che il campione venga alterato fisicamente o chimicamente per effettuare la determinazione.

"È molto simile a una donna incinta che va dal medico per un'ecografia per sapere se avrà un maschio, una femmina o due gemelli”, ha detto. "Naturalmente, il feto non subisce alcun danno. Ebbene, lo stesso vale per il petrolio”. 

Jiménez ha anche pubblicizzato il metodo degli ultrasuoni come più pratico rispetto ad altri metodi utilizzati per testare l'adulterazione dell'olio d'oliva, che spesso richiede costose attrezzature di laboratorio. 

"La nostra tecnica è anche economicamente conveniente e portatile”, ha affermato. "Il dispositivo può essere spostato dove si trovano i campioni di olio.

"Finora abbiamo ottenuto ottimi risultati e abbiamo scoperto che l’intensità con cui viaggiano le onde e la loro distanza cambiano in base al tipo di petrolio”, ha aggiunto Jiménez. "Ogni olio ha un suono acustico diverso.”

Il leggero cambiamento nei profili chimici degli oli extra vergini di oliva significa che anche la tecnologia potrebbe farlo determinare la provenienza dell'olio d'oliva

Le autorità potrebbero identificare se un olio extra vergine di oliva con a Denominazione d'origine protetta or Indicazione geografica protetta l'etichetta è autentica confrontando i risultati con campioni noti.

"Ora vogliamo fare un ulteriore passo avanti e provare ad analizzare i componenti degli acidi grassi in un dato campione, come la quantità di omega‑3 o omega‑6 e i trigliceridi in generale”, ha affermato Jiménez.

"Una volta operativi, ci aspettiamo che questi test vengano impiegati negli stabilimenti e nei negozi”, ha aggiunto. "Il processo può essere eseguito su larga scala senza una vasta formazione accademica per utilizzare il dispositivo”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati