Calore e siccità che causano la morte delle foreste a livello globale

Le foreste svolgono un ruolo fondamentale nella stabilizzazione del clima regolando gli ecosistemi e proteggendo la biodiversità, ma l'aumento delle temperature e il clima più secco le mettono a rischio.

Aprile 25, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Una nuova ricerca lo indica temperature globali in aumento e periodi prolungati di siccità stanno causando eventi di morte delle foreste a livello globale.

Dal 675 un team di scienziati internazionali ha esaminato il decesso delle foreste in 1970 località.

Quello che abbiamo scoperto è che su scala globale, c'era questo andamento costantemente più caldo e più secco... che può mostrarci quanto insolitamente caldo o secco deve diventare perché le foreste siano a rischio di morte.- William Hammond, ecofisiologo vegetale, University of Florida

Analizzando questi episodi e confrontandoli con i dati climatici esistenti, gli scienziati sono stati in grado di identificare la temperatura locale e le condizioni di siccità che hanno determinato gli eventi di mortalità degli alberi. È stato quindi creato un database georeferenziato globale.

Nell' studio pubblicato in Nature Communications, i ricercatori hanno affermato che mancano dati su come gli ecosistemi forestali sopravviveranno all'aumento delle temperature medie associate all'azione antropica cambiamento climatico.

Vedi anche:Gli incendi stanno diventando più frequenti e intensi a livello globale, scoprono i ricercatori

"Manca la determinazione quantitativa della comunanza nelle anomalie climatiche associate agli impulsi di mortalità degli alberi... necessaria per comprendere il ruolo di eventi climatici estremi nei modelli globali di morte degli alberi", hanno scritto gli scienziati.

La morte diffusa degli alberi può rivelarsi eccezionalmente dannosa per gli sforzi globali mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici.

pubblicità

L'ultimo stato delle foreste del mondo rapporto dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura e dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, ha affermato che questi ecosistemi unici coprono solo il 30% della superficie terrestre globale ma ospitano la stragrande maggioranza delle piante terrestri e delle specie animali.

Le foreste svolgono un ruolo fondamentale nella stabilizzazione del clima regolando gli ecosistemi e proteggere la biodiversità. Oltre a sostenere il sostentamento di grandi popolazioni, i ricercatori hanno sottolineato come le foreste siano composte da oltre 60,000 specie di alberi, immagazzinano quasi la metà del carbonio terrestre e sequestrano fino a un terzo delle emissioni annuali di carbonio antropogenico.

Secondo l' Consiglio oleicolo internazionale, "un ettaro di ulivi annulla l'impronta di carbonio annuale di una persona.

"La nostra analisi quantifica un globale '"impronta digitale della siccità più calda" da questi siti di mortalità degli alberi, effettivamente un segnale climatico più caldo e più secco per la mortalità degli alberi, in 675 località che comprendono 1,303 appezzamenti", hanno scritto i ricercatori.

"La frequenza di queste condizioni climatiche osservate durante l'anno di mortalità aumenta fortemente in modo non lineare sotto il riscaldamento previsto", hanno aggiunto. "Il nostro database fornisce anche la base iniziale per un ulteriore monitoraggio quantitativo, a terra, sviluppato dalla comunità della mortalità globale degli alberi”.

"Quello che abbiamo scoperto è che su scala globale, c'era questo andamento costantemente più caldo e più secco... che può mostrarci quanto insolitamente caldo o secco deve diventare perché le foreste siano a rischio di morte", William Hammond, coautore e piantatore ecofisiologo presso l'Università della Florida, ha aggiunto in una nota.

Gli scienziati hanno sottolineato come l'aumento delle temperature minacci le foreste in diversi modi, tra cui l'amplificazione della siccità atmosferica, intensificando la siccità del suolo e causando stress da calore alle piante. Con l'aumento della temperatura, i terreni e gli alberi perdono acqua più rapidamente.

Un ambiente più caldo può anche innescare eventi letali in modi inaspettati, secondo Cuauhtémoc Sáenz-Romero, coautore e ricercatore presso l'Universidad Michoacana de San Nicolás de Hidalgo in Messico.

"Negli ultimi anni, la stagione secca e calda da marzo a maggio è ancora più secca del solito, ma anche più calda che mai", ha affermato. "Questa combinazione sta provocando molto stress sugli alberi prima dell'arrivo della prossima stagione delle piogge da giugno a ottobre".

"Ad esempio, nel 2021, più di 8,000 alberi maturi sono stati uccisi da scolitidi nella Riserva della Biosfera delle Farfalle Monarca nel Messico centrale", ha aggiunto Sáenz-Romero. "The effetto della Niña La corrente dell'Oceano Pacifico ha portato a condizioni più asciutte e più calde; una combinazione mortale che ha favorito le epidemie di parassiti”.

Secondo i ricercatori, lo studio mostra un'accelerazione generale delle condizioni climatiche distruttive destinate a peggiorare nel tempo man mano che le temperature continuano a salire.

"Le foreste storiche della Terra, in particolare, devono affrontare un futuro impegnativo, che include cambiamenti drammatici nell'estensione, nella composizione, nell'età e nella struttura di queste foreste uniche e insostituibili, con conseguenze su scala planetaria per la biodiversità e il ciclo dell'acqua e del carbonio", hanno scritto gli autori.

Nelle loro conclusioni, gli scienziati hanno sottolineato come le foreste siano essenziali negli sforzi per mitigare gli impatti della crisi climatica. Tuttavia, la loro capacità di stare come pozzi di carbonio è strettamente correlata alla loro capacità di sopravvivenza.

"Le piante fanno un lavoro fenomenale catturando e sequestrando il carbonio", ha detto Hammond. "Ma la morte delle piante non solo impedisce loro di svolgere questo ruolo critico di cattura del carbonio, ma le piante iniziano anche a rilasciare carbonio mentre decadono".

"I nostri risultati mostrano che limitare il riscaldamento a 2 °C al di sopra dei livelli preindustriali potrebbe ridurre la frequenza di queste condizioni climatiche associate agli eventi di mortalità degli alberi osservati a meno della metà di quanto previsto a 4 °C", hanno scritto i ricercatori.

"Gli sforzi per proteggere il clima mondiale dall'eccessivo riscaldamento saranno probabilmente decisivi nel determinare la futura persistenza di molte delle foreste della Terra”, hanno aggiunto.

Il database composto dai ricercatori è ora disponibile sul Sito web della rete internazionale della mortalità degli alberi, dove gli scienziati che collaborano possono anche aggiungere dati per fornire un quadro più ampio e una comprensione più ampia degli eventi di morte delle foreste.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti