Ancora una volta, gli olivicoltori del Mediterraneo occidentale affrontano una grave siccità

In Andalusia, gli uliveti non piovosi sono sterili. Situazioni simili sono state segnalate in Nord Africa. I funzionari in Europa si stanno concentrando sul suolo per mitigare la siccità.
Il terreno incrinato del bacino idrico di La Vinuela Malaga, Spagna - 22 marzo 2023 (Foto di Jesus Merida / SOPA Images/Sipa USA)(Sipa via AP Images)
Di Máté Pálfi
26 giugno 2023 15:07 UTC

Negli uliveti irrigati, gli agricoltori in Andalusia stanno lottando per fornire acqua sufficiente ai loro alberi per resistere alle dure condizioni estive.

Il le recenti piogge hanno portato un po' di sollievo allo sviluppo dell'olivo, ma l'allegagione complessiva è stata deludente, con abbondanza di boschetti aridi.

I funzionari affermano che la raccolta delle olive andaluse dovrebbe essere più breve a causa di cambiamento climatico; le alte temperature e la siccità prolungata hanno portato a frutti più bassi e un accumulo di olio significativamente inferiore.

Vedi anche:Il ministro dell'agricoltura andaluso spinge per un settore dell'olio d'oliva più resiliente

Nuovamente, le alte temperature primaverili hanno portato a fioriture precoci tra gli uliveti della più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo. A queste sono seguite le temperature torride di maggio, che hanno danneggiato la fioritura e impedito a molti alberi di produrre frutti.

"Il raccolto piovoso è considerato perso, mentre nei terreni irrigati cerchiamo di aggiungere meno acqua possibile il più spesso possibile perché l'acqua che abbiamo dovrà durare fino a giugno, luglio, agosto e settembre", Juan Luis Ávila, il capo del coordinatore delle organizzazioni per l'agricoltura e l'allevamento (COAG), ha detto ai media locali.

Secondo Ávila, in Andalusia ci sono 400 metri cubi d'acqua riservati all'agricoltura, rispetto ai soliti 1,500 metri cubi. La persistente siccità ha anche ridotto l'umidità del suolo, diminuito il flusso dei fiumi e rallentato la crescita di piante e colture.

In risposta, il governo spagnolo ha recentemente approvato a Pacchetto di sostegno finanziario da 2 miliardi di euro migliorare le infrastrutture idriche e fornire aiuti diretti ad allevatori e agricoltori.

Inoltre, l'ultimo rapporto dell'Osservatorio Copernicus sulla siccità evidenzia l'entità della scarsità d'acqua nel Mediterraneo occidentale, dove la grave siccità è diventata la norma negli ultimi anni.

Le temperature nel sud della Spagna, Marocco, Algeria, Italia settentrionale e Francia meridionale sono state di 2.5 ºC sopra la media, con alcune aree che hanno registrato un allarmante aumento di 4 ºC tra maggio 2022 e aprile 2023.

I dati del Centro comune di ricerca della Commissione europea mostrano che la portata dei fiumi nel Mediterraneo occidentale è estremamente bassa a causa delle precipitazioni inadeguate.

Di conseguenza, la maggior parte del Mediterraneo occidentale è attualmente in condizioni di allerta e allerta, i due livelli più gravi, secondo l'indicatore combinato di siccità, che incorpora dati su precipitazioni, umidità del suolo e stress vegetativo.

La penisola iberica (escluso il nord del Portogallo), il Nord Africa e la Francia centro-meridionale hanno registrato un significativo stress vegetativo, tra cui fallimenti colturali e drupe di olivo più piccole del solito.

Le previsioni di rendimento per la regione del Maghreb sono crollate ben al di sotto dei livelli medi, sollevando preoccupazioni per la fioritura dei raccolti in Marocco, Algeria e Tunisia.

Di fronte all'intensificarsi delle condizioni di siccità nella penisola iberica e alle previsioni di resa ridotta, c'è un po' di sollievo in altre parti d'Europa.

Adeguate precipitazioni nei Balcani, in Turchia e in alcune parti dell'Italia e della Francia hanno fornito un po' di tregua ai paesi della regione.

La rete dei mercati agricoli mediterranei ha sottolineato la necessità di migliorare la gestione del suolo in risposta alla siccità. La Commissione Europea lo è dovrebbe proporre una legge sul suolo quest'estate.

La proposta di legge promuoverebbe la salute del suolo e lavorerebbe per rendere il settore agricolo dell'Unione europea più resistente alla siccità.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati