Il calore senza precedenti provoca ulteriori incendi in tutta la Grecia

Circa 4,500 ettari di uliveti sono stati bruciati in incendi in tutto il paese. Il governo promette aiuti, ma gli agricoltori vogliono qualcos'altro.

Cipro (foto AP)
Di Costas Vasilopoulos
14 agosto 2023 15:25 UTC
1099
Cipro (foto AP)

Le due settimane di ondate di caldo che hanno scosso la Grecia a metà luglio sono state seguite da dozzine di incendi divampati in tutto il paese, bruciando foreste e terreni agricoli e mietendo vittime.

In molte parti del paese le temperature sono salite sopra i 40 ºC per diversi giorni consecutivi, seccando la terra e creando le condizioni perfette per lo scoppio degli incendi.

Ogni giorno mi avventuro nei boschetti intorno al paese per valutare i danni agli ulivi… Purtroppo l'incendio ha inferto un duro colpo all'economia locale della zona.- Yiorgos Tsakalios, frantoiano di Rodi

"È stata un'ondata di caldo senza precedenti che è durata 15 giorni, mai registrata prima nel Paese", ha detto il meteorologo Yiorgos Papavasiliou. "Dopo la prima ondata di temperature elevate, abbiamo osservato il rapido aumento dell'infiammabilità già nei primi giorni. La cosa sorprendente era che interessava quasi tutto il Mediterraneo. "

Secondo le prime stime, più di 50,000 ettari di foreste e colture, inclusi 4,500 ettari di ulivi, sono stati consumati dagli incendi nel paese a luglio.

Vedi anche:I produttori di olio d'oliva in Grecia si preparano al forte calo della produzione

L'Attica occidentale, la regione della Magnesia nella Grecia centrale, l'Eubea meridionale, Rodi nel Mar Egeo e Corfù nel Mar Ionio hanno tutti subito la furia degli incendi catastrofici.

I vigili del fuoco provenienti da diversi paesi dell'Unione Europea e dalla Turchia sono arrivati ​​in Grecia per aiutare le loro controparti greche a contenere gli incendi.

Due morti sono stati segnalati a Magnesia, mentre un vigile del fuoco volontario a Rodi è morto per problemi respiratori dopo aver lottato con le fiamme al fronte.

Sulla piccola isola egea di Karystos, un aereo dei vigili del fuoco si è schiantato contro le colline mentre tentava di far cadere acqua sulle fiamme che bruciavano sull'isola da bassa quota. Entrambi i piloti sono stati dichiarati morti nello schianto.

Rodi, l'isola più grande del complesso del Dodecaneso e nota meta turistica, è stata tra le regioni greche più colpite dagli incendi.

Bruciando per oltre 10 giorni, le fiamme hanno distrutto le case nei villaggi di Asklipio e Gennadi e carbonizzato vaste aree di terreni agricoli, principalmente nella parte centrale e orientale dell'isola.

"Siamo in guerra con il fuoco", ha detto il primo ministro Kyriakos Mitsotakis in un discorso al parlamento greco. "Abbiamo sperimentato la devastazione in molte zone e, purtroppo, più recentemente a Rodi. L'isola è stata ferita.

Secondo la prima registrazione ufficiale dei danni, l'incendio a Rodi ha consumato 50,000 ulivi, insieme a 2,500 animali domestici e alveari.

business-europe-un-calore-senza-precedenti-scintilla-altri-incendi-in-grecia-tempi-dell-olio-d-oliva

Ulivo bruciato a Rodi (Foto: Yiorgos Tsakalios)

Servizio europeo di monitoraggio dell'atmosfera Copernicus (CAMS) riprese video pubblicate raffigurante la cicatrice dell'ustione dell'incendio su Rodi vista dallo spazio.

Circa 20,000 abitanti e turisti sono stati evacuati dagli insediamenti colpiti come Kiotari e Asklipio e da diverse località turistiche in quella che è stata descritta come la più grande operazione di evacuazione che il paese abbia mai visto.

Nel villaggio montuoso di Apollona, ​​nel centro dell'isola, il proprietario del mulino Yiorgos Tsakalios sta contando le ferite inflitte agli uliveti della zona dagli incendi.

"Ogni giorno mi avventuro nei boschi intorno al villaggio per valutare i danni agli ulivi ", ha detto Tsakalios Olive Oil Times.

pubblicità
pubblicità

"Ci affidiamo quasi completamente ai nostri ulivi per vivere poiché qui non ci sono altre colture e questa parte di Rodi non è turistica ", ha aggiunto. "Purtroppo l'incendio ha inferto un duro colpo all'economia locale della zona. Sulla base di stime approssimative, circa 15,000 ulivi hanno ceduto alle fiamme solo nella nostra zona.

Nel frattempo, il governo ha annunciato che gli olivicoltori del paese colpiti dagli incendi hanno diritto a un risarcimento finanziario di € 160 per ulivo danneggiato.

Tsakalios, tuttavia, ha sostenuto che le misure di riabilitazione per gli uliveti dell'isola si sarebbero rivelate più costruttive di qualsiasi sostegno finanziario.

"Il sostegno promesso dal governo è inutile", ha detto. "Il solo dare soldi non può riportare indietro i nostri alberi, alcuni dei quali erano secolari. Lo stato deve elaborare un piano globale per ripristinare i nostri uliveti bruciati ".

"Inoltre, i cervi vagano in gran numero a Rodi e qualsiasi giovane ulivo piantato non avrebbe alcuna possibilità di sopravvivere ", ha aggiunto Tsakalios. "Le piante selvatiche e l'erba non sono più lì dopo gli incendi, e i cervi vivono di tutto ciò che riescono a trovare ora. Ci deve essere una siepe di qualche tipo per tenerli lontani.

Nel Peloponneso occidentale sono scoppiati incendi in quattro diverse località nei comuni di Pyrgos e dell'Antica Olimpia. Diversi insediamenti sono stati evacuati poiché le fiamme hanno consumato vaste aree di campagna e raccolti e si sono avvicinate pericolosamente al sito archeologico di Olympia.

Le autorità hanno attivato il sistema antincendio automatizzato installato nel sito nel caso in cui le fiamme fossero andate fuori controllo.

Il sito archeologico di Olimpia, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, era stato precedentemente minacciato dal incendio dell'agosto 2021, che ha inghiottito più di 5,000 ettari di ulivi della zona.

Secondo Yiorgos Georgopoulos, il sindaco della città contemporanea dell'antica Olimpia, i bombardamenti aerei già operanti in altri due incendi nelle vicinanze sono stati la ragione per cui il sito archeologico di Olimpia e la città contemporanea sono rimasti intatti.

"Se non fosse stato per gli incendi di Karoutes e Paliovarvasena, che avevano già aerei in aria, le fiamme avrebbero raggiunto il nostro insediamento e il sito archeologico”, ha detto il sindaco. "Questo è ciò che ci ha salvato”.

Produttore locale pluripremiato Alexis Karabelas dell'AMG Karabelas, con sede vicino al sito archeologico di Olimpia, ha affermato che gli stabilimenti dell'azienda sono scampati per un pelo all'incendio.

"Le fiamme si sono avvicinate a noi fino a 2 chilometri, ma fortunatamente i vigili del fuoco sono riusciti a contenerle", ha detto Karabelas. Olive Oil Times. "È stata un'esperienza terribile.

Altri produttori della zona hanno delineato l'impatto negativo e duraturo degli incendi sull'industria dell'olio d'oliva del paese.

"Siamo riusciti a evitare l'incendio di luglio, ma l'incendio del 2021 ci ha quasi messo fuori servizio ", ha detto il produttore locale e proprietario del mulino Giannis Gouvas Olive Oil Times. "L'incendio ha consumato parte del mio frantoio e molti uliveti della zona, compreso il mio. Ho perso non solo i miei ulivi ma anche i miei clienti che sono rimasti senza olive da raccogliere e macinare.

"Lo Stato ha fornito un aiuto finanziario, ma non può risarcirci per le perdite che abbiamo subito", ha aggiunto. "Qualsiasi giovane ulivo piantato impiegherebbe anni per crescere.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati