La Niña è tornata, portando pioggia e siccità per il secondo anno consecutivo

L'Organizzazione meteorologica mondiale prevede che a La Niña il clima sarà più fresco e umido in Australia. California, Europa e Sud America sperimenteranno un clima molto più caldo e secco.

Dicembre 20, 2021
di Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Per il secondo anno consecutivo, il fenomeno meteorologico noto come la bambina si è sviluppato nell'Oceano Pacifico e dovrebbe continuare fino al 2022.

Si prevede che la controparte dell'avversario e più noto El Niño intensificherà la pioggia e la siccità in diverse regioni del mondo.

Il 2021 sarà uno dei 10 anni più caldi mai registrati, piuttosto che l'anno più caldo. Questa è una tregua di breve durata e non... riduce l'urgenza dell'azione per il clima.- Petteri Taalas, segretario generale, WMO

Mentre El Niño è collegato al riscaldamento anomalo dell'Oceano Pacifico equatoriale orientale, La Niña comporta il raffreddamento di questa parte significativa dell'oceano.

Vedi anche:I meteorologi confermano la temperatura record dell'Artico

L'effetto di raffreddamento provoca cambiamenti nella circolazione atmosferica o nei venti, nella pressione dell'aria e nelle precipitazioni, alterando i modelli meteorologici in tutto il mondo.

Secondo l'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), la La Niña 2021/22 sarà debole o moderata rispetto al 2020/21.

Tuttavia, comporta ancora la possibilità di colpire settori sensibili come l'approvvigionamento idrico, la salute, la gestione dei disastri e l'agricoltura perché è probabile che alcune aree ricevano più precipitazioni rispetto ad altre, con alcune regioni che sopportano periodi di siccità prolungati.

mondo-la-nina-torna-porta-pioggia-e-siccità-per-il-secondo-anno-consecutivo-tempi-dell'olio-d'oliva

Precipitazioni previste variazioni a causa di La Niña. (Immagine: WMO)

"Gli impatti [di La Niña] possono davvero diffondersi in tutto il mondo a causa del modo in cui funziona la circolazione globale", ha detto al Financial Times Tim Stockdale, ricercatore presso il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine.

Il WMO prevede un inverno insolitamente caldo per l'Artico e l'Asia settentrionale, il Nord America orientale e l'Europa. Temperature superiori alla media sono previste anche nel Pacifico meridionale e nell'Africa equatoriale.

Si prevede che il Sud America, il Nord America nordoccidentale, il subcontinente indiano, il Sud-est asiatico e l'Australia registreranno un clima più fresco del solito.

"L'impatto di raffreddamento di La Niña 2020/21 - che si fa sentire tipicamente nella seconda metà dell'evento - significa che il 2021 sarà uno dei 10 anni più caldi mai registrati, piuttosto che l'anno più caldo", ha affermato il segretario generale dell'OMM Petteri Taalas. "Questa è una tregua di breve durata e non inverte la tendenza al riscaldamento a lungo termine né riduce la urgenza di un'azione per il clima. "

mondo-la-nina-torna-porta-pioggia-e-siccità-per-il-secondo-anno-consecutivo-tempi-dell'olio-d'oliva

Sbalzi di temperatura previsti a causa di La Niña. Immagine: WMO

Gli effetti di La Niña includono anche periodi di siccità anormalmente lunghi in Asia centrale e Nord e Sud America. La Niña dell'anno scorso è stata collegata a una siccità in corso in Afghanistan. Nel frattempo, si prevede che gli Stati Uniti nordoccidentali sperimenteranno condizioni insolitamente umide durante tutto l'anno.

"Buono per [il nord-ovest], probabilmente non così buono per la California centrale e meridionale", ha detto a ABC News Mike Halpert, vicedirettore del centro di previsione del clima della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti.

Il fenomeno provoca anche precipitazioni più elevate del normale insieme a cicloni nel sud-est asiatico e in Australia, che hanno registrato il novembre 2021 più piovoso in 121 anni di storia registrata.

Inoltre, è probabile che più paesi risentano degli effetti di La Niña perché le popolazioni vulnerabili sono state duramente colpite da eventi meteorologici estremi negli ultimi anni e il Pandemia di covid-19.

Secondo il WMO, c'è una probabilità del 90% che le temperature della superficie del mare tropicale del Pacifico rimangano ai livelli di La Niña fino alla fine del 2021 e una probabilità del 75% che le temperature rimangano ai livelli di La Niña fino al primo trimestre del 2022.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti