Nonostante la siccità, l'anticipazione di un promettente raccolto di olive in Cile

I produttori si aspettano un raccolto di olive migliore rispetto allo scorso anno, ma sono preoccupati per l'inflazione e l'impatto dell'aumento dei prezzi sulla domanda.

Olio d'oliva Aurora
Di Daniel Dawson
20 marzo 2023 14:01 UTC
750
Olio d'oliva Aurora

Nonostante la siccità in corso in gran parte della fertile valle centrale del paese, i coltivatori e i produttori di tutto il Cile sono ottimisti riguardo all'imminente raccolta delle olive.

Secondo l'agenzia meteorologica del Paese, il deficit idrologico nella regione ha continuato a crescere a dicembre, ultimo mese per il quale sono disponibili i dati. L'intera valle centrale, che ospita la maggior parte degli uliveti del paese, è ora in una moderata siccità.

Tutto indica che la qualità di questa produzione è molto migliore rispetto allo scorso anno.- Ismael Heiremans, direttore agroindustriale, Olivos del Sur

Tuttavia, i produttori si aspettano che il raccolto del 2023 superi il Vendemmia 2022, che ha prodotto 21,000 tonnellate di olio d'oliva, leggermente al di sotto della media mobile quinquennale.

"Apparentemente, è meglio dell'anno scorso, ma sapremo quando il raccolto sarà finito ", ha detto Gabriela Moglia, direttore generale di ChileOliva, un'associazione di produttori Olive Oil Times.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2023

La maggior parte dei produttori prevede che la raccolta inizi a metà aprile e prosegua fino a giugno, a seconda delle condizioni meteorologiche.

Nel boschetti di Olivos del Sur, il più grande produttore del paese, ha detto il manager agroindustriale Ismael Heiremans Olive Oil Times che la vendemmia sarebbe iniziata nella seconda settimana di aprile e si sarebbe protratta fino alla fine di giugno.

Ha detto che Olivos del Sur prevede di produrre 3.1 milioni di litri, più o meno come l'azienda ha fatto l'anno scorso. "Tutto indica che la qualità di questa produzione è molto migliore rispetto allo scorso anno", ha affermato. "Speriamo anche che questa stagione sia priva di gelate".

Anche Santiago Sarquis, direttore commerciale di Aura Olive Oil, prevede un raccolto medio quest'anno. Disse Olive Oil Times che la sua azienda avrebbe raccolto i suoi 1,070 ettari di uliveti a partire dalla fine di aprile.

"Quest'anno, in generale, si stima un raccolto medio; l'ultimo raccolto è stato relativamente scarso per l'industria ed è stato duramente colpito da una gelata durante il mese di maggio", ha affermato. "Quest'anno, per il momento, non ci sono grossi problemi dal punto di vista agricolo".

José Manuel Reyes, direttore commerciale di Agricola Pobeña, Ha detto Olive Oil Times prevede buoni risultati quando, nella seconda settimana di aprile, inizierà anche la vendemmia aziendale.

"Per questo raccolto, speriamo di ottenere ottimi risultati in termini di chilogrammi di frutta per ettaro", ha affermato. "Quest'anno abbiamo avuto più pioggia rispetto agli ultimi due anni, il che ci ha permesso di irrigare meglio l'oliveto rispetto agli anni precedenti".

"Prevediamo inoltre di avere una resa in petrolio migliore rispetto allo scorso anno, che è stata ben al di sotto della media storica", ha aggiunto Manuel Reyes.

Mentre la pioggia tempestiva ha aiutato ad irrigare i boschetti di Agrícola Pobeña in tempo per il raccolto, Moglia ha affermato che la siccità rimane la principale preoccupazione per i produttori a livello nazionale.

"Rimane la sfida principale per l'agricoltura in generale", ha affermato. "Fortunatamente, gli esperti meteorologici hanno indicato che questo inverno [da giugno a settembre] potrebbe essere più umido rispetto agli anni precedenti”.

Poiché il consumo di olio d'oliva rimane piuttosto basso in Cile rispetto alla produzione - i 20 milioni di persone del paese hanno consumato una media di 9,400 tonnellate di olio d'oliva all'anno nell'ultimo mezzo decennio - molti produttori concentrano i loro sforzi sulle esportazioni.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, l'anno scorso il paese ha esportato tonnellate di olio d'oliva 7,300. Nell'ultimo mezzo decennio, il Cile ha esportato il 62% della sua produzione.

pubblicità

Lo ha detto Claudio Lovazzano, responsabile marketing di Olivos del Sur Olive Oil Times che i mal di testa creati dalla pandemia di Covid-19 e dalle interruzioni della catena di approvvigionamento globale hanno lasciato il posto a nuove sfide.

"Un mercato piuttosto instabile a causa dell'inflazione globale e locale, che ha fatto lievitare i costi di tutti gli input e il calo della produzione di olio d’oliva in Europa, fa salire molto i prezzi, rallentando molto i consumi ", ha affermato. "C'è anche un po' di incertezza nei tassi di cambio, qualcosa che ci colpisce un po' in quanto società principalmente esportatrice".

Sarquis ha fatto eco a queste preoccupazioni prezzi in rialzo. Mentre crede che aiuterà gli esportatori all'ingrosso, ha detto che l'aumento dei prezzi sarebbe più complicato per le esportazioni in bottiglia.

"Da un punto di vista commerciale, il prezzo di PoolRed [il database online dell'olio d'oliva gestito dal governo andaluso] è molto alto, il che aiuta molto i venditori all'ingrosso ", ha affermato Sarquis. "I venditori di bottiglie sono un po' più complicati perché è molto difficile trasferire quel prezzo al cliente finale".

Tuttavia, Manuel Reyes è meno preoccupato per alcuni di questi fattori, esprimendo sollievo per il fatto che le tariffe di spedizione globali siano finalmente scese dai massimi senza precedenti degli ultimi due anni.

"Negli anni precedenti abbiamo affrontato la contrazione di molti mercati a causa del Covid-19, sommata alle tariffe e alle condizioni elevate del nolo marittimo; quest'anno, abbiamo uno scenario più positivo in questo senso", ha affermato.

"Pertanto, crediamo che la grande sfida sarà nella raccolta e nel processo per poter ottenere buoni raccolti mantenendo sempre la nostra attenzione alla qualità", ha concluso Manuel Reyes.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati