L'acclamato produttore calabrese condivide approfondimenti su miscelazione, agricoltura biologica e oleoturismo

Il produttore dietro Enotre discute le sfide e le opportunità per gli olivicoltori nella seconda regione italiana produttrice di olio d'oliva.

Pietro Pollizzi
Di Paolo DeAndreis
24 luglio 2023 17:42 UTC
588
Pietro Pollizzi

Pietro Pollizzi, titolare di Entre, crede fermamente che le miscele trasmettano le migliori caratteristiche di olio extravergine d'oliva.

Il produttore calabrese è stato rafforzato nelle sue convinzioni dopo il suo marchio Deciso, una miscela biologica di media intensità, guadagnato un Gold Award Al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Alcuni credono davvero che avere un frutteto biologico significhi non fare nulla al boschetto. Al contrario, significa mettere in atto pratiche compatibili con la natura.- Pietro Pollizzi, titolare, Enotre

"Una buona miscela sarà sempre più ricca di un olio extra vergine di oliva monocultivar in quanto portatore di un profilo organolettico più ricco ", ha detto Olive Oil Times.

All'edizione 2023 del più grande concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva, le miscele sono state al centro dell'attenzione, guadagnando oltre 300 dei 747 premi totali al concorso.

Vedi anche:Profili del produttore

"È sempre più difficile produrre miscele direttamente dal campo ", ha affermato Pollizzi a proposito della pratica di raccogliere e trasformare olive di diverse cultivar contemporaneamente.

"È difficile spiegare ai clienti che la natura cambia anno dopo anno, quindi una miscela in una stagione potrebbe avere alcune caratteristiche diverse dalla miscela prodotta la stagione precedente", ha affermato.

"Il mercato chiede sempre di più di separare le cultivar; sta arrivando a chiedere di separare le rese dei singoli alberi”, ha aggiunto Pollizzi. "La maggior parte delle miscele sono fatte così, a partire dagli oli di oliva separati ottenuti dalle diverse cultivar.

Questa pratica facilita il bilanciamento della miscela e l'ottenimento di prodotti simili attraverso le stagioni. "In un contesto industriale, separare le cultivar potrebbe avere un significato. A proposito, ottenere lo stesso prodotto anno dopo anno richiede competenze significative", ha affermato.

I sapori di Deciso nascono dalle olive Carolea e Ottobratica, varietà di olive tradizionali calabresi. Al loro bouquet si aggiunge l'oliva Nocellara Messinese, originaria della vicina Sicilia.

"Questo è il nostro patrimonio. Tuttavia, queste sono solo alcune delle tante cultivar che curiamo sulle nostre colline”, ha affermato Pollizzi.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-l-acclamato-produttore-calabrese-europeo-condivide-approfondimenti-sulla-miscelazione-agricoltura-biologica-e-oleoturismo-i-tempi-dell-olio-d-oliva

Raccolta delle olive negli oliveti collinari di Enotre in Calabria, Italia

Gli uliveti di Pollizzi si trovano nel cuore della Calabria, la parte più sud-occidentale della penisola italiana e la seconda regione produttrice di olio d'oliva del paese. I boschetti si trovano ai piedi tra La Sila, un altopiano montuoso, e il Mar Ionio.

Gli ulivi beneficiano della brezza mediterranea e del terreno favorevole, che ospita le olive da quasi tre millenni. E lì, Pollizzi sta sperimentando molte cultivar diverse.

Negli ultimi otto anni si è preso cura dei frutteti che appartenevano alla sua famiglia e ha lanciato la sua attuale impresa. L'agriturismo prende il nome dall'antico popolo degli Enotri, popolazione che si ritiene provenga dalla Grecia. Si stabilirono nella zona nel 13th Secolo a.C. e vi prosperò per almeno sei secoli.

"Da quando abbiamo iniziato questa nuova avventura, abbiamo iniziato a sperimentare per identificare le varietà che potrebbero beneficiare maggiormente di questa posizione unica", ha affermato Pollizzi.

Tra i suoi quasi 800 ulivi, Pollizzi coltiva molte note cultivar italiane, come Leccio del Corno, Nostrana di Brisighella, Nocellara del Belice e Grignano, una varietà comune nel nord Italia.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-l-acclamato-produttore-calabrese-europeo-condivide-approfondimenti-sulla-miscelazione-agricoltura-biologica-e-oleoturismo-i-tempi-dell-olio-d-oliva

Pollizzi sperimenta l'olivicoltura tradizionale e non nei suoi oliveti in Calabria.

"Ho anche iniziato a sperimentare con Itrana ", ha detto Pollizzi, riferendosi a una cultivar originaria del centro Italia, la cui popolarità tra gli olivicoltori è cresciuta notevolmente negli ultimi anni.

"Gli alberi di Itrana si stanno adattando meravigliosamente alla nostra regione e trasmettono quel sapore speciale del pomodoro, sia esso la foglia del pomodoro verde o il sapore maturo del pomodoro maturo", ha aggiunto.

pubblicità
pubblicità

"Mi appassiona molto scoprire come queste cultivar possano insediarsi in Calabria. Ovviamente mi concentro anche su cultivar localmente più comuni, come Ottobratica, Cassanese, Carolea e Coratina", ha proseguito.

Numerosi percorsi formativi e nuove esperienze hanno permesso a Pollizzi di evolvere la tradizione olearia dei suoi avi. "La prima lezione che ho imparato è che la qualità non arriva dall'oggi al domani", ha affermato. "Richiede dedizione, conoscenza e passione. Richiede anche attrezzatura, tempo e fatica”.

Per conservare meglio il suolo in Calabria, Pollizzi introdusse i terrazzamenti con pendenze solitamente associati alla tradizione contadina toscana.

"Abbiamo fatto quelli Mura ciclopiche, "Ha detto. "Non solo sono belle, ma esercitano anche un effetto drenante, poiché mantengono compatto il terreno dei terrazzi e permettono all'acqua di defluire senza causare danni”.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-l-acclamato-produttore-calabrese-europeo-condivide-approfondimenti-sulla-miscelazione-agricoltura-biologica-e-oleoturismo-i-tempi-dell-olio-d-oliva

Mura ciclopiche

La passione di Pollizzi per l'olivicoltura è sbocciata un paio di decenni fa dopo che ha iniziato a prendersi cura di più di 600 alberi all'estremità opposta dell'Italia, nel nord del Veneto.

"A volte i proprietari di quei frutteti non hanno il tempo oi mezzi per prendersene cura. E non mi dispiace il lavoro ", ha detto.

"In quegli uliveti puoi trovare la cultivar locale Marzemino e altre, come Lecce del Corno, Frantoio, Leccino, Pendolino e persino Coratina. Producono tipi di miscele completamente diversi", ha osservato.

Tutta la produzione di Enotre in Calabria è certificata biologica. "In Veneto al momento non siamo certificati, ma applichiamo lo stesso approccio”, ha affermato.

Pollizzi ha spiegato come potrebbe significare l'olivicoltura biologica costi di produzione più elevati rispetto all'agricoltura convenzionale. Tuttavia, una tale scelta corrisponde all'approccio dell'agricoltore alla natura.

"Alcuni credono davvero che avere un frutteto biologico significhi non fare nulla per il boschetto", ha detto. "Al contrario, significa mettere in atto pratiche compatibili con la natura e l'ambiente circostante e con gli alberi».

Mentre gli alberi in Calabria godono di venti miti e condizioni asciutte sfavorevoli a parassiti come la mosca dell'olivo, in Veneto le condizioni sono ben diverse.

"Posso dire che l'approccio biologico è più facile in Calabria, come in Veneto, le temperature sono diverse, e anche se gli alberi si trovano sulle colline, sentono ancora l'umidità della Pianura Padana”, ha detto Pollizzi. "Ciò significa che la mosca dell'olivo e le infezioni fungine tendono ad essere più presenti".

Anche in Calabria, però, le sfide non mancano. "Con tutte le precipitazioni che abbiamo avuto, non ci si può astenere dall'aiutare gli alberi con trattamenti organici compatibili come trattamenti a base di rame o bacillus thuringensis [un batterio comune utilizzato nell'agricoltura biologica in tutto il mondo]", ha affermato Pollizzi.

"Nella nostra zona, puoi scommettere che malattie come la macchia di pavone saranno comuni", ha aggiunto. "Vedrai falene olivastre, scarabei di corteccia o tonchi di otiorhynchus.

Seguendo le ultime tendenze e basandosi sul suo contesto storico, Enotre si sta aprendo anche a oleotourism, con degustazioni tra gli ulivi e passeggiate nella natura.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-l-acclamato-produttore-calabrese-europeo-condivide-approfondimenti-sulla-miscelazione-agricoltura-biologica-e-oleoturismo-i-tempi-dell-olio-d-oliva

Pollizzi ospita una passeggiata nella scenografica Riserva del fiume Vergari.

"I nostri uliveti fanno parte di una delle passeggiate nella Riserva del fiume Vergari, una splendida località che attira fino a 30,000 turisti all'anno ", ha affermato Pollizzi.

"Sono stato uno dei sostenitori di questo progetto sin dall'inizio", ha aggiunto. "I turisti attraversano i frutteti di Enotre, camminando tra gli ulivi, e raggiungono un vicino monastero. La riserva fa parte del Cammino Basiliano”, ha detto Pollizzi, riferendosi alla rete di 1,500 chilometri di sentieri storici e naturalistici ispirati alla vita di San Basilio.

"La passeggiata è ora conosciuta come la passeggiata degli Enotri”, ha concluso. "I turisti nel mese di ottobre potranno sperimentare la raccolta delle olive e visitare località di grande interesse nelle vicinanze, come Tropea. Sarà un'esperienza enogastronomica pratica e un modo per entrare in contatto con la cultura locale”.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati