I ricercatori studiano in che modo la mancanza di ore di freddo influisce sullo sviluppo delle olive e sulla qualità dell'olio

La mancanza di ore di freddo ha comportato periodi di fioritura più lunghi, un maggiore accumulo di olio e una chimica dell'olio distinta nelle olive coltivate nel clima subtropicale di Tenerife.

Guacimara Medina (a sinistra) a Tenerife (Foto: Lorenzo León)
Di Daniel Dawson
14 novembre 2022 17:47 UTC
1866
Guacimara Medina (a sinistra) a Tenerife (Foto: Lorenzo León)

L'aumento delle temperature medie annuali in gran parte del mondo olivicolo ha creato l'incertezza sul fatto che gli ulivi riceveranno dalle 200 alle 600 ore di freddo necessarie tra 2 ºC e 10 ºC necessarie per consentire la vernalizzazione.

Ricercatori dell'Istituto andaluso di ricerca e formazione per l'agricoltura, la pesca, l'alimentazione e la produzione biologica (IFAPA) e le Isole Canarie stanno lavorando a uno studio in corso per determinare quale delle varietà di olive più famose al mondo potrebbe essere meglio preparata per l'aumento delle temperature invernali nella regione più produttiva della Terra per la produzione di olio d'oliva.

I modelli teorici... prevedono che quando non c'è freddo invernale, l'olivo non fiorirà. Ma quando siamo andati alle Isole Canarie, abbiamo scoperto che ciò che accade effettivamente quando non c'è freddo invernale è molto diverso.- Raúl de la Rosa, ricercatore senior IFAPA

"Siamo molto preoccupati cambiamento climaticoe c'erano molti documenti o modelli che prevedevano cosa accadrà con il cambiamento climatico in futuro nel Mediterraneo con le olive ", ha detto Raúl de la Rosa, ricercatore senior presso IFAPA Olive Oil Times.

"Tuttavia, tutti i modelli erano basati su presupposti teorici e non sono state fatte prove pratiche su ciò che accade quando si piantano ulivi in ​​un luogo dove non c'è inverno ", ha aggiunto.

Vedi anche:Sperimenta con le varietà di olive nordafricane che danno frutti in Croazia

Nell'isola di Tenerife, la più grande e popolosa delle Isole Canarie, l'olivicoltura commerciale è iniziata nel 2005.

Secondo dati dall'Aemet, l'agenzia meteorologica statale, le temperature medie invernali nelle parti arabili dell'isola vanno da 12.5 ºC a 17.5 ºC, con minime medie giornaliere comprese tra 10 ºC e 12.5 ºC. In Andalusia, le temperature medie invernali generalmente sono comprese tra 2 ºC e 10 ºC.

Alcuni modelli climatici prevedono che l'attuale tendenza al riscaldamento farà sì che le temperature invernali dell'Andalusia corrispondano maggiormente a quelle delle Isole Canarie nei prossimi 30 anni.

Negli ultimi sei anni, i ricercatori IFAPA e i loro partner locali hanno piantato Picual, Hojiblanca, Cornicabra, Arbequina, Coratina, Korneiki e Martina – un incrocio di Picual (noto anche come Marteño) e Arbequina – vicino a Córdoba e Málaga, in Andalusia, e a Tenerife.

Ognuna delle tre posizioni dei boschetti ha climi notevolmente diversi, con i boschetti vicino a Málaga che registrano temperature invernali medie leggermente più elevate rispetto a quelle di Córdoba.

Ciò ha aiutato i ricercatori a determinare che la temperatura stava causando le principali differenze tra lo sviluppo delle olive a Tenerife e Córdoba invece di altri fattori come la composizione del suolo.

Dall'inizio dello studio, i ricercatori hanno osservato diverse marcate differenze nel comportamento delle olive a Tenerife rispetto all'Andalusia, con le differenze più evidenti che riguardano il periodo di fioritura dell'olivo, l'accumulo di olio e la composizione chimica.

"I modelli teorici che sono stati prodotti qui nella penisola prevedono che quando non c'è freddo invernale, l'olivo non fiorirà ", ha detto de la Rosa. "Ma quando siamo andati alle Isole Canarie, abbiamo scoperto che ciò che accade effettivamente quando non c'è freddo invernale è molto diverso".

Invece, Guacimara Medina, tecnico di divulgazione agricola e Ph.D. ricercatore coinvolto nello studio, ha detto Olive Oil Times che le olive piantate nelle Isole Canarie hanno due periodi di fioritura da gennaio a maggio.

"Quando non c'è freddo invernale, gli ulivi fioriscono sempre, ma per molto più tempo che in Andalusia, e ci sono diversi periodi di fioritura da gennaio a maggio", ha detto. "Il periodo di fioritura è più lungo e gli ulivi fioriscono per tre mesi, a volte di più”.

A causa dei lunghi periodi di fioritura e della loro natura non endemica a Tenerife, Medina ha aggiunto che gli alberi erano sempre più suscettibili ai danni dei parassiti, richiedendo un intervento fitosanitario più intenso.

Vedi anche:Il cambiamento climatico sta mettendo a dura prova la produzione di olio d'oliva andaluso

Insieme al periodo di fioritura, Medina ha affermato che l'accumulo di olio era molto più elevato nelle olive coltivate sull'isola.

"A causa delle temperature miti, l'accumulo di petrolio non si ferma", ha detto. "In condizioni mediterranee, la sistemazione dell'olio termina quando le temperature diminuiscono".

pubblicità
pubblicità

Tuttavia, il clima subtropicale di Tenerife significa che l'accumulo di olio può raggiungere fino al 60%, rispetto al 20% delle varietà più efficienti dell'Andalusia.

La fioritura precoce e il continuo accumulo di olio significano anche che molte olive sono pronte per essere raccolte entro la fine di luglio o l'inizio di agosto nelle Isole Canarie, rendendolo il primo palazzo a produrre olio d'oliva ogni anno di raccolto nell'Unione Europea.

Di conseguenza, Medina ha affermato che i produttori locali dell'isola stanno cercando una certificazione geografica protetta, come una Denominazione di Origine Protetta (DOP) o un'Indicazione Geografica Protetta (IGP), per aiutare a promuovere gli oli dell'isola.

In termini di composizione chimica, Medina ha affermato che le olive coltivate a Tenerife hanno una distinzione profilo polifenolico rispetto alle loro controparti in Andalusia.

"I polifenoli sono diversi e più alti che in Andalusia", ha detto. Nello specifico, ci sono più tocoferoli, un composto chimico organico con attività della vitamina E, negli oli delle Canarie che negli oli andalusi.

Tuttavia, temperature più elevate durante tutto l'anno riducono anche significativamente il margine di errore durante il processo di trasformazione per garantire che tutto l'olio prodotto soddisfi i olio extravergine d'oliva standard.

De la Rosa ha affermato che altri studi hanno dimostrato che quando l'accumulo di olio nelle olive Arbequina avviene a temperature più elevate, le concentrazioni di acido oleico diminuiscono mentre le concentrazioni di acido linoleico aumentano.

"Quindi la stabilità del petrolio è molto bassa", ha detto. "Questo è un grosso problema. In futuro, se l'accumulo di olio si verifica a una temperatura più elevata, influirà negativamente sulla qualità delle olive".

"Il nostro compito è cercare cultivar con la stabilità geneticamente più elevata dell'olio", ha aggiunto.

Ad esempio, de la Rosa ha detto che Martina - l'incrocio tra Picual e Arbequina - ha mostrato risultati promettenti. "Quindi forse in uno scenario climatico futuro, utilizzeremo principalmente cultivar come quelle", ha affermato.

Tuttavia, prima di poter giungere a conclusioni concrete, le sperimentazioni di ricerca – la più recente delle quali iniziata sei mesi fa – devono proseguire.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati