Dopo raccolti eccezionali, rendimenti nettamente inferiori in Argentina

Si prevede che un raccolto "fuori anno", la mancanza di ore fredde ed eventi meteorologici estremi ridurranno la resa fino al 40%.

Presto inizierà la raccolta nei boschi di San Juan di Solfrut. (Foto: Solfrut)
Di Daniel Dawson
23 febbraio 2024 21:35 UTC
521
Presto inizierà la raccolta nei boschi di San Juan di Solfrut. (Foto: Solfrut)

L'inizio del raccolto 2024 in Argentina si sta avvicinando rapidamente, con i produttori delle principali regioni olivicole del paese, tra cui La Rioja e San Juan, che si preparano a un raccolto deludente.

Sebbene i dati ufficiali non siano stati pubblicati, la Federazione olivicola argentina (AOF) ha stimato che la nazione produttrice di olio d'oliva più significativa al di fuori del bacino del Mediterraneo ne produssero 35,000 tonnellate di olio d’oliva nel 2023.

Questo raccolto sarà probabilmente peggiore del precedente a causa di fattori climatici e perché dovrebbe essere un raccolto anomalo 'fuori anno" rispetto allo scorso anno.- Guillermo Kemo, direttore commerciale, Solfrut

Alcuni prevedevano che il rendimento di quest'anno sarebbe sceso in linea con la media dell'anno precedente 'i raccolti fuori anno – circa 27,000 tonnellate – mentre altri si aspettavano che diminuissero ulteriormente.

"Il raccolto del 2024 sarà breve, con una diminuzione della produzione stimata del 40% rispetto allo scorso anno", ha detto Julián Clusellas, presidente di Valle de la Puerta e membro del consiglio di amministrazione dell'AOF. Olive Oil Times.

Vedi anche:Aggiornamento del raccolto 2024

Con sede a La Rioja, la più grande regione produttrice di olio d'oliva del paese, Clusellas ha citato molti oliveti che entrano in un 'fuori anno" nel loro ciclo naturale di produzione alternata come motivo principale di un raccolto previsto inferiore.

"Ci sono stati tre anni consecutivi di buoni raccolti, quindi quest'anno il raccolto sarà negativo", ha aggiunto.

Nella vicina San Juan, Guillermo Kemp, il direttore commerciale di Solfrut e un altro membro del consiglio di amministrazione dell'AOF, concordano con la previsione del raccolto di Clusella, aggiungendo che anche alcune regioni olivicole in Argentina hanno dovuto affrontare condizioni meteorologiche avverse.

"Questo raccolto sarà probabilmente peggiore del precedente a causa di fattori climatici e perché dovrebbe essere un raccolto anomalo 'off-year" rispetto all'anno scorso, il che è stato molto positivo", ha detto Kemp. "I fattori climatici sono stati fondamentalmente la mancanza di ore fredde nel nord – ad esempio a Chilecito, La Rioja – e al contrario, abbiamo avuto problemi di gelo a San Juan”.

Anni a fasi alterne

Gli ulivi hanno un ciclo naturale di alternanza di anni di alta e bassa produzione, noto come "on-anni” e "off-years”, rispettivamente. Nel corso dell'anno gli ulivi producono una maggiore quantità di frutti, con conseguente aumento della produzione di olio d'oliva. Al contrario, un "fuori anno” è caratterizzato da una ridotta resa delle olive a causa dello stress dell'anno precedente "l'anno." I produttori di olio d'oliva spesso monitorano questi cicli per anticipare e pianificare le variazioni nella produzione.

Victoria Mercado, la direttore generale di El Mistol, un altro produttore con sede a San Juan, ha concordato che il mancanza di ore fredde in alcune parti dell’Argentina avevano esacerbato quello che già si prevedeva fosse un raccolto scarso.

attività-produttiva-sud-america-dopo-raccolti-eccezionali-una-resa-fortemente-inferiore-in-argentina-olive-oil-times

(Foto: El Mistol)

"Con questo problema del riscaldamento globale, abbiamo avuto alcune ore di freddo in inverno, con poca ampiezza termica”, ha affermato. "Di conseguenza, quest'anno gli ulivi non sono riusciti a produrre abbastanza grasso per ottenere i migliori raccolti.

Più a sud, a Mendoza, la situazione è leggermente diversa. La provincia sinonimo di produzione di vino è responsabile di meno di un decimo dell'olio d'oliva argentino, con i produttori che prevedono che il raccolto del 2024 sarà simile o superiore a quello del 2023.

Lo ha detto Mario Bustos Carro, direttore generale della Camera di Commercio Estero di Cuyo, con sede a Mendoza Olive Oil Times che la provincia ha prodotto da 2,500 a 2,800 tonnellate di olio d'oliva nel 2023.

"[La situazione negli uliveti è] leggermente migliore rispetto all'anno scorso, finora", ha detto. "A Mendoza la raccolta delle olive per l’olio inizia alla fine di aprile, inizio maggio, ma gennaio e febbraio sono il periodo dei temporali con grandine”.

"Alcuni di questi sono già stati molto forti e, se ripetuti, potrebbero influenzare la quantità e la qualità della produzione”, ha aggiunto, sottolineando che è troppo presto per dire come andrà il raccolto.

pubblicità

Insieme alle sfide climatiche, i produttori di olio d’oliva prevedono un aumento dei costi di produzione prima del raccolto, poiché il governo recentemente eletto dell'Argentina ha eliminato i sussidi sull'elettricità e sul carburante per ridurli inflazione galoppante e calibrare l’economia.

Mentre il calo della produzione e l'aumento dei costi renderanno più difficile la produzione di olio d'oliva a breve termine, Clusellas ha affermato che i produttori riusciranno a gestirlo dopo un altro raccolto scarso in Spagna e di alto livello internazionale prezzi dell'olio d'oliva.

Il consumo in Argentina rimane piuttosto basso, con il Consiglio oleicolo internazionale che stima che il consumo interno di olio d'oliva raggiungerà le 7,500 tonnellate nella campagna agricola 2022/23 (terminata in ottobre), ovvero circa 250 millilitri pro capite.

Di conseguenza, la maggior parte della produzione del paese viene esportata in Brasile, Europa e Stati Uniti dal porto di Buenos Aires. Il CIO ha previsto spedizioni di olio d'oliva argentino all'estero a 26,500 tonnellate nel 2022/23.

"Fortunatamente, nel 2023 abbiamo avuto un ottimo raccolto con buoni prezzi dell'olio d'oliva ", ha affermato Clusellas. "Pertanto, gli olivicoltori godono di una buona salute ".

Tuttavia, ha avvertito che un raccolto medio o eccezionale in Spagna nella campagna 2024/25 sarebbe disastroso per i produttori argentini. "Se il raccolto andrà molto bene in Spagna, i prezzi diminuiranno e i produttori argentini perderanno redditività", ha concluso Clusellas.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati