Istruzione vitale per il successo del settore dell'olio d'oliva in Turchia, afferma il produttore premiato

Dopo aver vinto 10 premi al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition, i produttori di Oliva Malia sono desiderosi di condividere i segreti del loro successo.

Oliva Malia coltiva almeno cinque varietà autoctone turche. (Foto: Oliva Malia)
Di Paolo DeAndreis
2 agosto 2023 17:43 UTC
2191
Oliva Malia coltiva almeno cinque varietà autoctone turche. (Foto: Oliva Malia)

Come i produttori dietro la Turchia Oliva Malia alla ricerca di nuove opportunità di esportazione, sono stati sostenuti dai 10 premi senza precedenti dell'azienda dal 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Situata nella penisola di Karaburun, nella parte occidentale della Turchia, circondata dal Mar Egeo, Oliva Malia ha vinto sette premi d'oro e tre premi d'argento per il suo biologico olio extravergine d'oliva al più grande concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva.

Credo che i premi ci aiuteranno a presentare ai nostri clienti internazionali il vero valore dell'olio extra vergine di oliva turco. Ciò, a sua volta, restituirà valore alla comunità.- Harun Enes Çoban, direttore generale, Oliva Malia

L'azienda acquista le olive raccolte da oltre un milione di alberi coltivati ​​su 4,000 ettari, selezionando con cura i frutti migliori per produrre i suoi premiati oli.

"Uno degli obiettivi del nostro progetto è contribuire a mostrare al mondo come la Turchia sia la fonte di eccellenti oli extra vergini di oliva ", ha detto Harun Enes Çoban, direttore generale di Oliva Malia Olive Oil Times. "Non si producono solo in Italia, Grecia o Spagna, per citare alcuni dei maggiori paesi produttori. Abbiamo anche eccellenze di livello mondiale proprio qui.

Vedi anche:I segnali suggeriscono un raccolto debole in Turchia

"Negli ultimi anni, abbiamo visto nascere nuovi produttori e nomi nel paese", ha aggiunto. "Hanno iniziato a guardare ai mercati internazionali in un modo nuovo, promuovendo gli oli d'oliva turchi tra i migliori oli d'oliva del mondo.

Secondo i dati ufficiali diffusi dal NYIOOC, partecipazione turca al NYIOOC è cresciuto notevolmente negli anni: da due riconoscimenti nel 2017 a 28 nel 2020.

Sul retro di un raccolto record di 421,000 tonnellate nella campagna 2022/23 anche i produttori turchi record infranti al 2023 NYIOOC con 74 premi senza precedenti.

La penisola di Karaburun, non lontana da Izmir, è una fonte unica di olive biologiche per Oliva Malia: l'intera area rientra nello statuto di una zona speciale di protezione ambientale istituita per preservare la natura e limitare l'impatto delle attività umane sul territorio.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

L'azienda acquista e coltiva olive biologiche in un'area protetta nella penisola di Karaburun.

"Karaburun è un posto molto speciale", ha detto Çoban. "Nessuna operazione industriale è attiva qui; pochissime persone vivono qui, rendendolo un territorio vergine e pulito”.

"La vegetazione della nostra provincia è modellata dal clima mediterraneo in cui è immersa”, ha aggiunto. "La biodiversità è significativa, in quanto nella penisola si trovano 36 specie vegetali autoctone, ovvero la metà delle piante autoctone dell'intera regione”.

Oliva Malia non è proprietaria della maggior parte di quegli oliveti, in quanto frutto di un ampio progetto di sviluppo pubblico volto a favorire l'olivicoltura e il reddito comunitario. Gli alberi più vecchi condividono il posto con decine di ulivi più giovani e il frantoio altamente tecnologico di Oliva Malia ha iniziato a funzionare solo nel 2019.

Il frantoio è dotato di attrezzature all'avanguardia made in Italy, in grado di trasformare fino a 70 quintali di olive al giorno. L'azienda si propone di molire le olive entro quattro ore dalla raccolta e la maggior parte della sua produzione è focalizzata sulla raccolta anticipata.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Oliva Malia macina fino a 70 quintali di olive al giorno al culmine della raccolta.

L'ampia vasca di stoccaggio in acciaio è concepita per separare gli oli di oliva in base all'analisi sensoriale e chimica, che segue ogni lotto di olive lavorato.

Un sistema di approvvigionamento automatico consente all'azienda di imbottigliare i propri oli di oliva quando necessario con procedure che l'azienda ritiene minimizzino il contatto del prodotto con l'ossigeno per prevenire l'ossidazione.

"L'idea di finanziamento era quella di portare tecnologia e innovazione nell'area, nonché un approccio diverso e nuovo alla produzione di olio d'oliva ", ha affermato Çoban. "È necessario promuovere un'intera cultura della qualità e della sostenibilità”.

Vedi anche:Profili del produttore

L'azienda collabora con diverse associazioni locali e organizzazioni non governative per sensibilizzare gli agricoltori locali sulla produzione di olio d'oliva di alta qualità.

"Mentre molti hanno abbracciato un approccio molto moderno alla produzione di olio d'oliva, altri potrebbero aver bisogno di più tempo ", ha affermato Çoban. "Ecco perché organizziamo molti eventi per imparare e insegnare”.

Nel suo negozio e showroom a Izmir, una città di quasi 3 milioni di persone, l'azienda ospita degustazioni per consumatori e produttori e formazione sulle problematiche dell'olivicoltura.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Harun Enes Çoban

"Siamo molto proattivi. Nella nostra regione, andiamo villaggio per villaggio per presentare un moderno approccio alla produzione di olio d'oliva ", ha affermato Çoban. "Migliori sono gli agricoltori che coltivano olive, più applicano le migliori pratiche sul campo, più possono far pagare le loro olive poiché saranno buone per produrre oli d'oliva di alta qualità.

"Gli esperti spiegano agli agricoltori questioni cruciali che alcuni ancora non conoscono, come il concetto di raccolta anticipata per massimizzare il contenuto salutare del prodotto", ha aggiunto. "Altri potrebbero non aver ancora compreso appieno quanto sia fondamentale lavorare le olive il prima possibile dopo la raccolta.

L'olio d'oliva ha avuto un ruolo centrale nella cucina e nelle famiglie turche per generazioni. "Tuttavia, negli ultimi anni abbiamo assistito ad alcuni cambiamenti nel comportamento dei consumatori", ha affermato Çoban. "è essere attribuito alla pandemia di Covid-19, che ha indotto le persone a considerare più di prima del profilo sano di oli extravergine di oliva”.

Secondo il direttore di Oliva Malia, un numero crescente di consumatori è alla ricerca della qualità e delle caratteristiche salutari dell'olio extravergine di oliva.

"Oggi ci sono molti più eventi di degustazione nel paese che mai", ha detto Çoban. "E questo accade perché i consumatori chiedono di capire di più sugli oli extra vergini di oliva, perché è salutare, qual è tutto il clamore sul suo contenuto.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Oliva Malia ha vinto 10 premi al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Questo è anche uno dei motivi per cui Oliva Malia si concentra su un ampio spettro di miscele di olio extra vergine di oliva.

Tra i suoi pluripremiati oli d'oliva, il portafoglio di Oliva Malia include il marchio Çocuk, caratterizzato da un sapore forte e una piccantezza minima, e l'azienda lo commercializza come concepito per i bambini.

Altri, come il monovarietale Erkence, sono esplicitamente realizzati con un approccio di raccolta precoce, che si traduce in rese inferiori ma solitamente concentrazioni più elevate di polifenoli.

L'azienda può scegliere i sapori e le consistenze dei suoi prodotti, sia miscele che monovarietali, da una vasta gamma di cultivar coltivate nella zona.

Tra questi ci sono il Tirilye locale, che porta sapori distintivi in ​​tutta la regione, o la varietà Memecik, ben nota per il suo alto numero di polifenoli.

Gli oli extra vergini di oliva monovarietali dedicati sono prodotti con le olive Domat, tipicamente grandi, o la varietà Ayvalik, ampiamente utilizzate dai coltivatori locali per la produzione di olio d'oliva e olive da tavola.

"Stiamo lavorando sodo per la qualità”, ha concluso Çoban. "Come stanno facendo altri in Turchia. Credo che i premi ci aiuteranno a presentare ai nostri clienti internazionali il vero valore dell'olio extra vergine di oliva turco. Ciò, a sua volta, restituirà valore alla comunità”.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati