L'offerta per aumentare la qualità dell'olio d'oliva a Creta

Il settore dell'olio d'oliva dell'isola sta cercando di implementare metodi di coltivazione e pratiche di produzione moderni per migliorare la qualità e aggiungere valore.
Nikos Koukouvotakis, Eleftheria Germanaki e Antonis Marakakis
Agosto 2, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

On Creta, un fulcro dell'industria greca dell'olio d'oliva, coltivatori e produttori si stanno muovendo per garantire che la qualità diventi parte integrante della coltivazione dell'olivo e della produzione di olio ogni anno.

Nelle abbondanti stagioni del raccolto, Creta produce circa 90,000 tonnellate di olio d'oliva, l'80% del quale è classificato come extra vergine.

Se vogliamo passare al livello successivo e avere un raccolto migliore in termini di volume e qualità, dobbiamo implementare nuove regole.- Emmanouil Karpadakis, responsabile marketing, Terra Creta

I prezzi alla produzione si aggirano intorno ai 3.50 euro al chilogrammo di olio extravergine d'oliva, simili ai prezzi medi all'origine nella maggior parte delle zone di produzione della Grecia.

Secondo i professionisti del settore, gli olivicoltori cretesi stanno iniziando ad adottare un approccio più completo alla coltivazione dell'olivo rispetto al passato, con l'obiettivo di migliorare la qualità.

Vedi anche:I vincitori del premio in Grecia discutono di una stagione febbrile prima di un raccolto abbondante

"I coltivatori ora sanno perché fanno qualcosa sul campo e quando è il momento giusto per farlo", ha detto l'agronomo Antonis Marakakis. "Nella coltivazione tradizionale, potrebbero essere solo mal consigliati dagli anziani di fare qualcosa senza sapere davvero perché”.

Gli agricoltori cretesi hanno abbracciato la necessità di introdurre nuovi metodi nelle loro operazioni agricole per sostenere i loro raccolti e migliorare il calibro dei loro oli d'oliva.

"Siamo concentrati sulla qualità e gestiamo meglio il lavoro sul campo per raggiungere la sostenibilità", ha affermato l'agricoltore Nikos Koukouvotakis. "Usiamo con cautela fertilizzanti e potare gli ulivi. "

"Vogliamo passare alle moderne tecniche di coltivazione con la guida di esperti e competenti esperti del settore”, ha aggiunto.

Per Emmanouil Karpadakis, il responsabile marketing di Terra Creta, un produttore e imbottigliatore sul lato occidentale di Creta vicino a Chania, che fa progressi nel settore legato all'innovazione.

"Se vogliamo passare al livello successivo e avere un raccolto migliore in termini di volume e qualità, dobbiamo implementare nuove regole", ha affermato Karpadakis. "La ricerca che è stata fatta sul qualità dell'olio d'oliva e i suoi ingredienti come il composti fenolici può fornire le linee guida per cambiare il nostro approccio alla coltivazione di [olivi] e all'estrazione di [olio d'oliva]”.

business-europe-production-the-bid-to-aumentare-la-qualità-dell-olio-d-oliva-su-crete-olive-times

Emmanouil Karpadakis

Olive oil prohanno presentato domanda di a Indicazione geografica protetta (IGP) per il nome Κρήτη/Kriti.

Se la Commissione europea registra l'olio d'oliva cretese come IGP, i produttori cretesi saranno effettivamente in grado di commercializzare il loro olio d'oliva con un'etichetta di qualità standard dell'Unione europea con un valore aggiunto extra.

Tuttavia, fattori che possono influenzare profondamente la qualità dell'olio d'oliva, come condizioni climatiche avverse e il verificarsi del mosca di frutta d'oliva, rimangono una minaccia per tutti i territori produttori di olio d'oliva della Grecia, inclusa Creta.

Nel 2021, l'estate innaturalmente calda e secca che ha preceduto la stagione della raccolta a Creta asciugate le drupe di oliva in alcune zone dell'isola, influendo sul profilo aromatico e aromatico degli oli d'oliva prodotti in queste zone.

D'altro canto, concorsi internazionali di olio d'oliva offrire ancora un altro modo per elevare la qualità, hanno sottolineato gli esperti del settore.

"Negli ultimi anni, i produttori di Creta hanno partecipato e vinto sempre più concorsi in tutto il mondo ", ha affermato Eleftheria Germanaki, agronomo e supervisore del panel del laboratorio organolettico dell'olio d'oliva di Creta, che funge anche da membro del NYIOOC giuria.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva dalla Grecia

"Anno dopo anno, i produttori sono incoraggiati a partecipare a più concorsi in tutto il mondo, il che alla fine favorisce la qualità", ha aggiunto. "Tuttavia, l'ansia per il futuro continua ad esistere. I costi di produzione sono in aumento e la carenza di forza lavoro in grado di lavorare nei campi sta progressivamente peggiorando”.

Karpadakis ha affermato che gli sforzi per migliorare la qualità dell'olio d'oliva hanno anche un benefico effetto di ricaduta sull'ambiente.

"[Migliore qualità dell'olio d'oliva] significa anche un ambiente migliore, perché quando lavori con gli agricoltori, puoi guidarli su come trattare gli alberi in un modo più rispettoso dell'ambiente, come ridurre l'apporto per il suolo e puoi dare loro incentivi per ottenere una migliore qualità”, ha affermato.

Karpadakis ha aggiunto che uno sforzo congiunto per promuovere la qualità dell'olio d'oliva avvantaggia l'intera catena dell'olio d'oliva - agricoltori, produttori, imbottigliatori e distributori - e, in definitiva, va a vantaggio dei consumatori "perché trovano qualità, genuinità e sicurezza nel prodotto che acquistano”.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti