Una guida dell'agronomo croato alla potatura dell'olivo

Con l'avvicinarsi della primavera, gli agricoltori entrano in un momento critico del ciclo olivicolo. La potatura al momento giusto mantiene gli alberi produttivi e sani.

Marijan Tomac
Marzo 23, 2022
di Nedjeljko Jusup
Marijan Tomac

Notizie recenti

Le cesoie da giardino svolgono un ruolo significativo nel determinare la resa e la qualità della raccolta delle olive, secondo il noto agronomo croato Marijan Tomac.

Di conseguenza, quando e come vengono potati gli ulivi è della massima importanza per la qualità.

Chi taglia un olivo può sbagliare, ma chi non taglia un olivo ne fa uno più grande.- Marijan Tomac, agronomo

Vi crescono più di sei milioni di ulivi Dalmazia e l'Istria. Il momento migliore per iniziare la potatura è la seconda metà di marzo o l'inizio di aprile.

In questo momento, gli agricoltori possono differenziare i boccioli dei fiori fruttiferi dai boccioli degli alberi, che sono l'inizio di un nuovo ramo.

Vedi anche:Gli esperti offrono suggerimenti su come prepararsi per la stagione calda negli oliveti biologici

Prima dell'arrivo delle gemme – da febbraio all'inizio di marzo – Tomac consiglia agli agricoltori di non iniziare la potatura poiché l'olivo reagisce negativamente a tutto ciò che ne disturba la dormienza.

Una potatura troppo precoce può portare alla perdita delle foglie, dalle quali l'albero assorbe la luce solare e la trasforma in energia. Questo è fondamentale per lo sviluppo delle cime fiorite.

pubblicità

Inoltre, la potatura anticipata incoraggia la vegetazione, quindi eventuali fronti freddi, con temperature fino a -9 ºC negli ultimi anni, possono congelare le gemme e lasciare alberi senza frutti.

I vantaggi della potatura al momento giusto, subito dopo l'apertura del bocciolo, sono molteplici.

In questo momento, gli olivicoltori meno professionisti possono stimare il numero di fiori e quindi la potenziale quantità di frutta.

È importante che nel caso delle olive, a differenza di altri tipi di frutta, sia impossibile distinguere ad occhio nudo il bocciolo dei fiori dai boccioli degli alberi.

tempi di produzione-olio-d'oliva

Tuttavia, Tomac avverte che la potatura non dovrebbe essere effettuata dopo il momento della piena fioritura. A questo punto, l'albero ha già consumato molte energie e risorse, che sarebbero sprecate con la potatura troppo tardiva.

La potatura tardiva di per sé non danneggia l'albero, ma riduce notevolmente la crescita vegetativa e annuale dei rami.

Nonostante determini il momento necessario per iniziare la potatura, la maggior parte degli olivicoltori capisce rapidamente come potare in modo efficace dopo una breve dimostrazione.

La maggior parte delle persone capisce che il baldacchino dovrebbe essere assottigliato, aperto dal centro, quindi c'è abbastanza luce solare. Anche i germogli dovrebbero essere accorciati e gli alberi non dovrebbero diventare troppo alti.

Vedi anche:Gli agricoltori croati si rivolgono all'analisi fogliare per migliorare i raccolti e la qualità

Purtroppo c'è ancora chi lascia la chioma troppo fitta. Molti olivicoltori tagliano i germogli laterali ma lasciano quelli verticali. Ciò aumenta l'altezza della chioma di anno in anno.

"Tutti i rami all'ombra non daranno frutto", disse Tomac. "Inoltre, la fitta chioma influenza lo sviluppo della malattia dell'occhio di pavone, lo sviluppo dell'idromele e l'insediamento del fungo fuliggine".

Ribadisce che gli ulivi possono essere potati dal movimento i germogli iniziano a crescere fino alla piena fioritura. Pertanto, la potatura non dovrebbe essere affrettata.

Gli olivicoltori che sono meno abituati a riconoscere i tipi di germogli dovrebbero iniziare a potare il più tardi possibile. Quindi vedranno quale fiorirà o formerà nuovi rami.

Pertanto, i coltivatori dovrebbero preparare le loro cesoie, seghe e cera per frutta per ricoprire grandi ferite e iniziare lentamente a lavorare negli uliveti.

Una volta potati, i rami devono essere rimossi dagli uliveti per prevenire le infestazioni di parassiti. Quindi, possono essere pacciamati o tritati per fare il compost.

Josip Pavlica, il segretario del Associazione degli olivicoltori della contea di Zara, ha affermato che oltre a trattare le parti dell'albero da cui sono stati tagliati i rami con cera d'oliva, dovrebbe essere applicato anche un preparato a base di rame per evitare che agenti patogeni, principalmente batteri che causano il cancro dell'olivo, entrino nell'albero.

Anche la disinfezione dell'utensile da taglio è essenziale.

"Non appena potiamo un albero, disinfetti lo strumento prima di passare a un altro", ha detto Pavlica.

Ha aggiunto che una potatura adeguata deve essere moderata per creare un rapporto ottimale tra legno e boccioli di fiori. In questo modo si preserva la forma crescente degli alberi, si incoraggia la crescita dei rami autoctoni e si ottengono abbondanti raccolti di frutta di alta qualità.

Tuttavia, Tomac ha affermato che i coltivatori che non sono sicuri dovrebbero comunque potare e imparare da tentativi ed errori.

"Chi taglia un olivo può sbagliare, ma chi non taglia un olivo fa un errore più grande”, ha concluso.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti