Nuova Legge in Sicilia Tutela e Promuove la Dieta Mediterranea

Scopo della nuova legge è promuovere la produzione alimentare locale, l'educazione MedDiet, l'enoturismo e l'oleoturismo, la salute pubblica e le strategie di tutela ambientale.

Può. 4, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

In una prima per l'Italia, a nuova legge regionale in Sicilia ufficializza il ruolo del Dieta mediterranea come parte fondamentale dell'identità locale.

La legge sul riconoscimento e la protezione della dieta mediterranea apre la strada a una pletora di iniziative pubbliche e private per aumentare la consapevolezza dei consumatori sui benefici della dieta mediterranea.

Sempre più persone stanno scoprendo gli aspetti salutari di MedDiet. Ciò che spesso viene trascurato è l'enorme potenziale di MedDiet in termini di cultura e ambiente. Spero che questa nuova legge aiuterà molti a concentrarsi su questo.- Ettore Barbagallo, autore, sezione Dieta mediterranea del Museo del Vulcano Etna

Scopo della nuova legge approvata dall'assemblea regionale semiautonoma è promuovere a livello nazionale e internazionale l'agricoltura e la produzione alimentare locale, l'educazione MedDiet, il vino e oleotourism, migliorare la salute pubblica e incoraggiare strategie di protezione ambientale.

Verrà dato sostegno a iniziative pubbliche e private il cui scopo è informare il pubblico sulla MedDiet e sulla cultura che vi sta dietro. Sono previsti per legge anche i curricula didattici per scuole e università sull'alimentazione.

Vedi anche:Nuove regole in Italia definiscono gli standard per gli operatori di oleoturismo

L'obiettivo generale della legge è riconoscere formalmente lo specifico legame tra la Sicilia e la dieta mediterranea, definita come "la tutela del patrimonio storico-culturale, espressione dell'identità del territorio siciliano”.

Nell'approccio locale ai principi MedDiet vengono citati anche uno stile di vita sostenibile, il rispetto per la terra e l'espressione della convivenza di culture diverse.

pubblicità

"La particolarità del cibo e della cucina siciliana è che la sua tradizione si sposa perfettamente con i principi della dieta mediterranea: la scelta degli ingredienti, l'utilizzo di cibi di produzione locale, la varietà dei colori della dieta locale, che è prevalentemente vegetale -basato, e l'estrema popolarità dell'olio d'oliva nelle famiglie ", Ettore Barbagallo, un professionista assaggiatore di olio d'oliva e autore della sezione Dieta Mediterranea del Museo del Vulcano Etna in Sicilia, ha raccontato Olive Oil Times.

"L'intero approccio siciliano al cibo, compresi i suoi aspetti sociali, storicamente aderisce alla dieta mediterranea", ha aggiunto.

La nuova legge finanzia anche la creazione di un museo multifunzionale MedDiet e l'apertura dell'oleoturistico strade (italiano per rotte), una serie di iniziative che collegano le regioni e olio extravergine d'oliva produzione. L'idea è quella di facilitare la scoperta da parte dei turisti di prodotti locali di alta qualità e la loro diversità tra le diverse regioni.

Tali strade esistono già per la promozione della produzione vinicola. Dal nuovo legge nazionale sull'oleoturismo è stata emanata, sono fiorenti anche le iniziative turistiche legate all'olio d'oliva.

La nuova legge consente anche la cooperazione tra queste reti del vino e dell'olio d'oliva con altre filiere agroalimentari locali.

La nuova legge mira anche a rafforzare la cooperazione del settore pubblico e privato attraverso gli operatori della rete della Dieta Mediterranea, che incoraggeranno i governi locali a collaborare con tutti i tipi di aziende diverse per promuovere la dieta mediterranea.

Il 21 marzo, inoltre, è stata dichiarata dalla nuova legge Giornata regionale della dieta mediterranea patrimonio universale, in esplicito riferimento alla inclusione nella dieta nella lista del patrimonio immateriale mondiale dell'UNESCO.

La norma fa riferimento anche agli aspetti sociali della dieta mediterranea, illustrati alla base della piramide MedDiet.

business-europe-health-news-nuova-legge-in-sicilia-protegge-e-promuove-la-dieta-mediterranea-olivicoltura

Foto: Oldways

"Questa è una parte molto interessante della dieta mediterranea che viene spesso ignorata", ha detto Barbagallo. "Il ruolo sociale della piramide è proprio il ruolo sociale dei pasti in Sicilia e in altre regioni meridionali d'Italia, in quanto mangiare insieme esprime una forma di socialità unica, non replicabile in diversi momenti della giornata, e fa parte di uno stile di vita sano. "

La nuova legge incoraggia inoltre le istituzioni locali siciliane a collaborare con altri enti pubblici e privati ​​in tutto il bacino del Mediterraneo per promuovere la cultura della dieta mediterranea e rafforzare la sua identità in tutta la regione.

Il ruolo dell'olio extravergine di oliva è riconosciuto come cruciale dagli esperti nella protezione e nel nutrimento della dieta mediterranea.

"L'olio extra vergine di oliva ha un profilo unico ", ha affermato Barbagallo. "Mentre l'olio d'oliva fa parte della tradizione, più recentemente i siciliani stanno iniziando a esplorare le differenze tra le diverse qualità dell'olio extra vergine di oliva. È una tendenza. Vediamo anche le generazioni più giovani esplorare prodotti tipici, prodotti di qualità superiore, prodotti locali”.

Secondo Barbagallo, il motivo per cui i prodotti legati a MedDiet sono sempre più apprezzati è il loro riconoscimento come parte dell'identità locale.

"Il legame con il territorio è molto sentito”, ha affermato. "Prendiamo, ad esempio, l'olio extravergine di oliva siciliano, oggi riconosciuto dall'Unione Europea con a Indicazione geografica protetta. È un protocollo che definisce l'olio extravergine di oliva solo se prodotto localmente, un vero riconoscimento del suo legame con la terra e le sue culture”.

Barbagallo ha anche accennato alla necessità che le imprese e gli agricoltori locali comprendano e sfruttino appieno il potenziale economico, sociale, salutare e ambientale della dieta mediterranea.

"Molti ancora non sembrano capire il ruolo che la dieta mediterranea può svolgere nel plasmare il nostro futuro", ha affermato. "Sempre più persone stanno scoprendo gli aspetti salutari di MedDiet. Ciò che spesso viene trascurato è l'enorme potenziale di MedDiet in termini di cultura e ambiente. Spero che questa nuova legge aiuterà molti a concentrarsi su questo”.

Lo ha detto la vicepresidente dell'assemblea regionale e prima firmataria della legge, Angela Foti "l'approvazione di tale legge rappresenta un passo concreto a 10 anni dall'inserimento della MedDiet nella lista del patrimonio immateriale dell'UNESCO”.

"Storicamente, la Sicilia è il luogo in cui si sono incontrate popolazioni e civiltà diverse”, ha concluso Barbagallo. "È il centro esatto del Mar Mediterraneo dove convivono tanti codici genetici diversi, tradizioni provenienti da tante diverse aree del mondo che qui si sono unite, dando forma a un modo di essere, a uno stile di vita che ha un legame molto speciale con Dieta medica.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti