`I produttori australiani si aspettano un altro raccolto eccellente - Olive Oil Times

I produttori australiani si aspettano un altro raccolto eccellente

Aprile 11, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un'espansione degli uliveti del paese e un clima per lo più favorevole significano che gli australiani si aspettano un raccolto eccellente nel 2022.

"Dopo il siccità dell'anno precedente, il peggiore che abbia mai visto, l'anno scorso abbiamo avuto un raccolta record di 140,000 tonnellate di olive ", ha detto Michael Southan, amministratore delegato dell'Australian Olive Association (AOA). Olive Oil Times. "Non ci aspettiamo di replicarlo nella prossima stagione, ma siamo davvero pronti per un buon raccolto".

I coltivatori stanno imparando a gestire meglio i loro frutteti. In passato, molti uliveti non erano produttivi come avrebbero potuto essere, e questo sta cambiando.- Michael Southan, amministratore delegato dell'Australian Olive Association

Il clima è sempre stata la sfida più grande per gli oliveti del paese, soprattutto negli ultimi anni, poiché le devastanti inondazioni nel New South Wales nel 2021 hanno seguito un siccità eccezionale che aveva già colpito la maggior parte dei produttori agricoli in Australia.

"La sfida è la straordinaria variabilità del tempo, poiché ogni anno i coltivatori devono affrontare scenari opposti e devono adattarsi agli estremi”, ha affermato Southan. "Negli ultimi due anni, siamo stati fortunati perché abbiamo avuto buone precipitazioni in molte aree e il tempo è stato sostanzialmente buono per la crescita degli olivi. "

Vedi anche:Gli agricoltori in Nuova Zelanda ottimisti in vista del raccolto

In termini di volumi, la capacità produttiva mostrata dal settore negli ultimi decenni è in costante crescita.

"È cresciuto negli ultimi 20 anni", ha detto Southan. "Possiamo dire che l'industria ha 30 anni, quindi siamo passati da praticamente zero 30 anni fa al record dell'anno scorso, con oltre 23 milioni di litri prodotti, per lo più olio extravergine d'oliva. "

pubblicità

I dati AOA degli ultimi 10 raccolti mostrano che la produzione di olive è aumentata da 14,500 tonnellate nel 2010/11 a quasi 20,000 tonnellate nel 2014/15 e fino a oltre 22,000 tonnellate nell'ultima campagna. Anche considerando la natura a portamento alternato dell'olivo, la raccolta media ha seguito in questo periodo un andamento decisamente positivo.

Secondo gli agricoltori australiani, la maggior parte della crescita è dovuta a una migliore comprensione delle caratteristiche dell'olivo, imparando di più tecniche di potatura efficienti e migliori protocolli di gestione del suolo e del territorio. Tutto ciò ha consentito rese migliori e una protezione più efficiente della salute degli alberi.

"La maggior parte ora sa quanto sia importante applicare una buona agricoltura e tecniche sostenibili", ha detto Southan. "Pensa a pratiche come la scheggiatura dei resti di potatura e il nutrimento del terreno con il compost risultante; arricchisce il suolo degli uliveti ed è anche una tecnica di coltivazione del carbonio. Le olive sono carbonio positivo. "

Nel tempo, gli olivicoltori australiani hanno anche imparato quali varietà fanno meglio in ciascuna delle regioni olivicole uniche del paese.

"I coltivatori stanno imparando a gestire meglio i loro frutteti. In passato, molti uliveti non erano produttivi come avrebbero potuto essere, e questo sta cambiando ", ha detto Southan. "Si sono resi conto di quali cultivar si comportano meglio nel loro ambiente, quindi hanno iniziato a piantare nuove varietà e a estrarre quelle che non funzionavano per loro".

"Partecipando concorsi di olio d'oliva e riuniti per discutere di sfide e opportunità, gli olivicoltori trovano sempre più nuovi modi per migliorare i loro frutteti ", ha aggiunto.

Un altro fattore di buon auspicio per il raccolto in corso è l'abbondanza di lavoratori disponibili. Carenza di manodopera hanno storicamente influenzato il settore, in particolare durante i blocchi indotti dal Covid-19 in Australia.

"Spesso è stato difficile ottenere manodopera in Australia, ma mi aspetto che quest'anno sia migliore per l'industria olivicola ", ha affermato Southan.

Anche le autorità locali di diversi stati hanno sostenuto lo sviluppo di nuove tecniche e l'implementazione di nuove procedure.

Ad esempio, un progetto di ricerca sostenuto dal governo australiano nel New South Wales sta utilizzando la tecnologia di telerilevamento per "valutare la salute delle piante e prevedere anche i raccolti di olive, fornendo ai coltivatori informazioni spaziali per identificare le aree di produzione bassa e alta e i potenziali fattori determinanti di queste variazioni di resa".

Con l'aiuto di ricercatori di istituzioni private e pubbliche, vengono studiati e implementati anche i trattamenti del deficit irriguo. I sensori delle piante sono già stati installati per comprendere la relazione tra i metodi di irrigazione e la resa dei frutti.

Gli storici dell'agricoltura ritengono che gli ulivi siano stati portati per la prima volta in Australia nel 1800, 12 anni dopo il primo insediamento straniero sull'isola.

Si ritiene che John Macarthur, un pioniere dell'industria locale della lana, abbia piantato ulivi all'inizio del 19th secolo. Uno di loro è ancora fiorente all'Elizabeth Farm nel New South Wales, l'ex casa di Macarthur.

In uno studio sulla storia dell'olivo nel paese pubblicato alcuni anni fa, il ricercatore Rodney J. Mailer ha affermato che gli immigrati europei hanno stabilito una produzione limitata di olive nell'Australia meridionale e nel Victoria.

L'olivicoltura commerciale iniziò a prendere forma nel 1890, quando il dipartimento agricolo del New South Wales iniziò a sviluppare opportunità per l'olivicoltura.

Nel 1894, la fattoria sperimentale Wagga Wagga battezzò un uliveto comprendente tutte le cultivar disponibili nella regione. Alla fine del secolo, a Wagga Wagga, che rimane un importante laboratorio di analisi e organolettico, erano state raccolte e piantate più di 60 cultivar.

Secondo Juan Vilar Strategic Consultants, la maggior parte importata varietà di olive proveniva dall'Europa. Tuttavia, si ritiene che l'olivo Lapierre, una varietà sudafricana, sia arrivato in Australia nel 18th secolo.

"Ciò è probabilmente dovuto allo scarico di rifiuti da una nave ormeggiata al largo dell'isola, che aveva noccioli di olive tra gli altri prodotti di scarto scaricati", ha scritto la società di consulenza. "I pozzi sono riusciti a mettere radici e moltiplicarsi sull'isola a causa degli uccelli che li hanno dispersi ovunque".

Il moderno settore olivicolo australiano non ha preso forma fino al 1995, quando è stata costituita l'Australian Olive Association. Oggi, le olive sono piantate in tutta l'Australia, con molte varietà che prosperano dal sud dell'Australia occidentale al Queensland nel nord-est.

Mentre quasi il 70 per cento dell'extravergine australiano olive oil produzione proviene dai 2.5 milioni di alberi di Curva limite, centinaia di piccoli e medi agricoltori si sono specializzati anche nell'olivicoltura e contribuiscono con prodotti di nicchia di qualità.

"Puoi trovare quelli che si concentrano sul portare sul mercato oli extra vergini di oliva robusti con un alto polifenoli e il profilo degli antiossidanti, ma puoi anche vedere quelli specializzati nella produzione di oli extra vergini di oliva più delicati ", ha affermato Southan.

Insieme alla produzione, Consumo di olio d'oliva australiano è anche cresciuto man mano che i consumatori sono diventati più istruiti sull'olio d'oliva e hanno sviluppato un appetito per esso.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, si prevede che gli australiani consumeranno 50,000 tonnellate di olio d'oliva nell'annata agricola 2021/22, il secondo totale più alto dall'inizio dei record del CIO.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti