Gli agricoltori in Nuova Zelanda ottimisti in vista del raccolto

Nuove tecniche, potatura migliore e clima favorevole alimentano grandi aspettative per la prossima raccolta delle olive.
Olive Agricoltori della Nuova Zelanda
Marzo 31, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Gli olivicoltori in Nuova Zelanda si aspettano buoni risultati dal prossima stagione del raccolto.

Gli agricoltori locali hanno confermato che i frutti stanno già punteggiando gli alberi nella maggior parte dei boschetti e il raccolto di quest'anno sembra essere maggiore rispetto ai due precedenti.

Sarebbe il terzo anno consecutivo che la produzione è aumentata. Nella campagna 200,000/2019 sono stati prodotti circa 20 litri, con 270,000 litri prodotto nel 2020/21.

Tuttavia, la crescita prevista non sorprende gli esperti locali poiché il clima è stato favorevole negli ultimi mesi.

Vedi anche:L'ex pilota di caccia guida Loopline Olives sul palcoscenico mondiale

I piccoli coltivatori locali continuano anche a imparare di più sulla prevenzione delle malattie e sul superamento delle sfide, con conseguente aumento dei raccolti.

"La gestione della maggior parte degli uliveti sta migliorando anno dopo anno ", Gayle Sheridan, Olive Nuova Zelanda 's ufficiale esecutivo, ha detto Olive Oil Times. "Abbiamo appena trascorso una giornata campale con i coltivatori e abbiamo assistito agli sforzi che molti hanno fatto per mantenere i loro boschi, potare in modo ottimale e prendersi cura della salute dei loro alberi".

pubblicità

Durante le giornate semestrali in campo, l'associazione visita gli uliveti in tutte le principali aree di coltivazione del paese.

Alcuni coltivatori in Nuova Zelanda si stanno concentrando sull'adozione di un programma di raccolta che potrebbe migliorare il polifenoli e contenuto antiossidante della loro oli extra vergine di oliva.

"È un fenomeno interessante; le analisi mostrano come quei contenuti siano più presenti nell'olio extra vergine di oliva locale poiché anche i consumatori hanno iniziato a capire quanto possono essere benefici per la loro salute ", ha affermato Sheridan.

Per migliorare il profilo sanitario dei loro oli, alcuni coltivatori stanno studiando attivamente tecniche di coltivazione che potrebbero migliorare le quantità dei contenuti salutari.

"Non vogliono limitare la loro attività ad una vendemmia anticipata, che di solito assicura una buona quantità di polifenoli; stanno anche studiando quali altre misure possono essere adottate", ha detto Sheridan. "È un'area per noi abbastanza nuova".

I tipi di ulivi piantati in Nuova Zelanda, la maggior parte dei quali provengono da Grecia, Italia, Giappone e Spagna, possono anche aiutare gli agricoltori ad aumentare il numero di composti sani nei loro oli.

"Il Frantoio è la varietà più piantata nel paese", ha detto Sheridan, ma sono comuni anche gli alberi Picual, Picholine, Pendolino, Kalamata e Koreneiki.

"Abbiamo una varietà neozelandese nota come J5, ma pensiamo che potrebbe essere derivata da Frantoio perché sembra Frantoio ", ha detto Sheridan.

Identificare il file varietà di olive che potrebbero adattarsi meglio al clima specifico della Nuova Zelanda ha richiesto tempo e fatica ai coltivatori locali.

Stuart Tustin, fisiologo da frutto e ricercatore di piante e alimenti, ha detto Olive Oil Times che "negli anni '70 e '80, molti [agricoltori] piantarono varietà provenienti da paesi del Medio Oriente come Israele".

"Ma quegli alberi non si adattavano bene a queste latitudini", ha aggiunto. "Ora, con la maggior parte delle cultivar europee, i coltivatori vedono raccolti molto più interessanti".

Per i suoi 300 oliveti che coltivano 350,000 alberi su 2,130 ettari, la stagione del raccolto della Nuova Zelanda inizia ad aprile nel nord e si sposta progressivamente a sud, dove dovrebbe concludersi all'inizio di agosto.

"I coltivatori ora sanno che devono raccogliere al momento giusto e che l'intero raccolto deve essere raccolto per non avere conseguenze sulla stagione successiva", ha affermato Sheridan.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva dalla Nuova Zelanda

Ha aggiunto che gli olivicoltori del paese producono esclusivamente olio extra vergine di oliva.

"L'anno scorso abbiamo ottenuto il 98 percento di olio extra vergine di oliva ", ha affermato Sheridan.

Extravergine locale qualità dell'olio d'oliva viene testato da laboratori specializzati in Australia seguendo i protocolli e gli standard del Consiglio oleicolo internazionale per l'olio extra vergine di oliva.

L'Associazione Olives New Zealand rilascia anche il OliveMark marchio, che i produttori possono adottare ed esporre sui propri contenitori di olio extra vergine di oliva certificato. L'obiettivo del marchio è infondere un senso di fiducia tra i clienti ei produttori.

Gli esperti citano le conseguenze di un clima che porta piogge significative in molte aree come una delle principali sfide per gli olivicoltori locali. Quando ci sono livelli di umidità elevati, diversi agenti patogeni possono sfruttare il clima e danneggiare gli ulivi.

L'associazione suggerisce che i coltivatori combattano attivamente gli agenti patogeni e spruzzano i loro alberi ogni 20 giorni.

australia-e-nuova-zelanda-azienda-produzione-agricoltori-in-nuova-zelanda-ottimista-in vista-dei-tempi-di-raccolta-dell-olio-d-oliva

Stuart Tustin ha dimostrato la potatura

"Ciò è necessario per tenere il passo con le malattie; altrimenti, una volta che li vedi, è troppo tardi", ha detto Sheridan. "Molti procedono operazioni di potatura rilevanti, non solo una volta all'anno come potrebbe accadere altrove”.

"Ad esempio, in queste settimane, con i carichi di raccolto molto visibili, suggeriamo a molti agricoltori di potare i rami che non hanno frutti, rimuoverli e incoraggiarne di nuovi a crescere", ha aggiunto.

Secondo Tustin, le parti della Nuova Zelanda che ricevono i livelli di precipitazioni più bassi sono quelle dove l'olivicoltura viene svolta con maggior successo.

"Quelle aree corrispondono alle regioni in cui si trovano altre industrie come la nostra industria del vino", ha affermato.

Tustin ha sottolineato come, a causa del clima marittimo del Paese, anche le zone meno piovose riportino ancora tra i 500 ei 700 millimetri di pioggia all'anno.

Mentre molti agricoltori del bacino del Mediterraneo sarebbero invidiosi della pioggia in Nuova Zelanda, le precipitazioni creano le condizioni per diverse malattie, tra cui Spilocaea oleaginea
(macchia di pavone) o Cercospora.

"Questi sono agenti patogeni molto impegnativi perché molti dei nostri coltivatori sono piccole imprese piantate da persone che non si aspettavano che sarebbero diventate... orticoltori", ha detto Tustin.

Ha aggiunto quanti coltivatori in passato non hanno praticato il controllo delle malattie, sperimentando conseguenze come perdita di foglie e ridotta produttività. Non tutti hanno potato gli alberi correttamente o per niente.

"In questi casi, troveremmo boschetti con alberi fuori controllo, complicati da un'elevata pressione della malattia", ha detto Tustin.

Ecco perché Olives New Zealand, Tustin e altri esperti locali hanno recentemente avviato una serie di progetti per ripristinare diversi oliveti malsani, rimuovendo progressivamente i rami in eccesso. Questo ha permesso alla luce di tornare sugli alberi riducendo progressivamente parassiti e agenti patogeni grazie a una corretta potatura.

Tustin ha detto che molti coltivatori hanno capito perché la mancanza di potatura è un problema.

"Nell'ultimo anno, poiché alcuni di quei boschetti erano pieni con la loro bella chioma in cima, hanno visto come gli alberi che un tempo producevano tra i 10 e i 15 chilogrammi di olive sono ora più vicini ai 20-25 chilogrammi ", ha aggiunto.

australia-e-nuova-zelanda-azienda-produzione-agricoltori-in-nuova-zelanda-ottimista-in vista-dei-tempi-di-raccolta-dell-olio-d-oliva

Una delle aree di ricerca più interessanti per Tustin e per gli esperti locali è la necessità per alcuni olivicoltori di trovare alternative organiche all'irrorazione dei loro alberi con pesticidi.

"Inizialmente, non disponevano di spray da utilizzare, quindi abbiamo lavorato allo sviluppo di programmi di spruzzatura compatibili con i prodotti organici", ha affermato. "A tal fine, ho anche contattato ricercatori dell'Università di Bari in Italia. Abbiamo sviluppato un programma di irrorazione compatibile con l'olivicoltura biologica simile a quello che utilizziamo per il controllo biologico delle malattie delle mele".

"È ancora troppo presto per dire quanto successo abbia", ha aggiunto Tustin. "Al momento, tuttavia, vediamo che i suoi primi risultati assomigliano a quelli del programma di spruzzatura convenzionale, il che è piuttosto incoraggiante".

Per il locale olive oil proproduttori, i mercati stagionali sono il modo migliore per raggiungere i consumatori, ha affermato Sheridan.

"Quei consumatori vogliono saperne di più sul prodotto, su come viene coltivato e se vengono utilizzati gli spray", ha aggiunto. "Fanno domande e sono molto perspicaci riguardo all'olio d'oliva che acquistano. ”

Come altri paesi produttori, i consumatori locali potrebbero notare differenze di prezzo tra gli oli extra vergini di oliva venduti dai coltivatori locali e i marchi importati che si trovano sugli scaffali dei supermercati.

"Sì, abbiamo importazioni da diversi paesi, come la Spagna o l'Italia, e la differenza di prezzo è un po' una sfida per noi nel far capire ai consumatori di più sui nostri oli extra vergini d'oliva, sulla certificazione e sulla qualità ", ha affermato Sheridan.

Non ci sono ad alta densità o uliveti ad altissima densità attivo nel paese, mentre l'irrigazione è presente in circa un quarto del totale dei boschi.

I tre coltivatori più grandi vantano rispettivamente 40,000 alberi, 27,000 e 7,000, mentre il 70 percento degli uliveti contiene meno di 1,000 alberi.

I boschetti commerciali, che possono collaborare con i supermercati, rappresentano il 13% del totale in Nuova Zelanda. Tuttavia, Olives New Zealand prevede che questa cifra aumenterà man mano che i coltivatori più piccoli collaborano con quelli più grandi.

Quelle dinamiche di mercato abbinate alla maggiore produttività dei boschi potrebbero anche aiutare il paese a migliorare la percentuale di oli extravergini di oliva locali consumati nel paese.

I neozelandesi consumano circa 4.5 milioni di litri all'anno, di cui il 10-15% è prodotto localmente.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti