Dal VivoAggiornato maggio. 18 14:24 UTC

World Olive Oil Competition Risultati: aggiornamenti in tempo reale

Il concorso di qualità dell'olio d'oliva più grande e prestigioso al mondo sta rivelando i vincitori del premio in tempo reale poiché i risultati dei giudici per ogni voce sono certificati.
Atene
Madrid
New York
Roma
Zagabria

Pinned

Rivelazione in tempo reale di NYIOOC vincitori continua

24 aprile 08:04 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Il più grande concorso mondiale di olio d'oliva ha rivelato i marchi pluripremiati di quest'anno tramite un feed dal vivo sul Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo.

Piuttosto che attendere che tutte le voci vengano giudicate prima di rilasciare i risultati in blocco, come era consuetudine per il NYIOOC giunta alla sua decima edizione, i produttori pluripremiati stanno imparando i loro risultati nell'ordine in cui sono stati ricevuti i campioni NYIOOC per giudicare.

Il termoprotettore NYIOOCI protocolli di valutazione a distanza dell'azienda consentono l'analisi degli oli dell'emisfero settentrionale e meridionale quando sono più freschi e hanno maggiori probabilità di ottenere voti alti dai giudici.

"Le degustazioni virtuali che utilizzano il nostro software proprietario ci consentono di fare un lavoro migliore analizzando i campioni nel loro periodo migliore,” NYIOOC Presidente Curtis Cord ha scritto in un gennaio post sul blog. "Quest'anno, per dare ai produttori più tempo per pubblicizzare i loro risultati e commercializzare i loro marchi vincenti, pubblicheremo i risultati non appena arriveranno invece di aspettare che tutte le voci siano state giudicate", ha aggiunto.


Official Guide show­cases the world’s best blends

May 18 12;33 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Less than a week from the con­clu­sion of the tenth edi­tion of the NYIOOC, one may note that quasi metà of the win­ning brands in the Official Guide to the World’s Best Olive Oils are blends.

While mono­va­ri­etals (also called monocul­ti­vars) are sin­gle-vari­ety prod­ucts, blends com­bine two or more olive vari­eties to craft com­plex organolep­tic pro­files.

This type of pro­duc­tion can result in out­stand­ing extra vir­gin olive oils, such as the intense fusion of Bosana, Tonda di Cagliari and Semidana labeled Accademia Olearia; the har­monic union of Frantoio, Leccino, Moraiolo, Pendolino and Dolce Agogia made at Tenuta Fontanaro; and the rich mix – Biancolilla Centinara, Nocellara del Belice, Cerasuola, Passalunara, Minuta, Moresca, Giarraffa, Nocellara Etnea, Piricuddara and Tonda Iblea – that forms the Heritage Blend of Bona Furtuna azienda agricola.

"When it comes to blends, we can say that the union make the force,” Irene Carpinelli, taster and founder of e‑olio, told Olive Oil Times. "If they are well assem­bled, the speci­fici­ties of the dif­fer­ent vari­eties involved are enhanced and exalted. An intense, lively, fruity oil can be, for exam­ple, blended with smoother, fresher ones result­ing in a bal­anced com­bi­na­tion that empha­sizes cer­tain scents and fla­vors. Yet, we can def­i­nitely say that the com­bi­na­tions are end­less.”

A blend can be obtained in two dif­fer­ent ways: A "field blend” is made by pro­cess­ing the fruits of dif­fer­ent vari­eties together, or millers can crush each vari­ety indi­vid­u­ally and blend the oils later. "The lat­ter allows one to bet­ter com­bine vari­eties with dif­fer­ent ripen­ing times,” Carpinelli noted.

"While mono­va­ri­etals can be an expres­sion of a ter­ri­tory and a pro­duc­tion method, I would define blends as 'sig­na­ture’ prod­ucts,” she said. "They are sen­so­r­ial cre­ations that result from the taste, expe­ri­ence, and sen­si­tiv­ity of the farmer who should also take into account the trends and goals of the sea­sons. I see them as an expres­sion of the craft­man­ship of pro­duc­ers and blenders.”


Žutica mono­va­ri­etal earns Montenegrin farm a win­ning result

18 maggio 12:14 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Barsko Zlato is the first brand from Montenegro to make it to the 2022 edi­tion of the Official Guide to the World’s Best Olive Oils with its Silver Award.

Montenegro is a small coun­try with ancient tra­di­tions whose coasts brace the south­ern Adriatic Sea. There, on those gen­tle slopes, it is believed that the first olive orchards were planted by the Romans more than two thou­sand years ago. Generations of farm­ers have been build­ing a tra­di­tion which has expanded to reli­gious rit­u­als and to cos­met­ics.

As the local pro­duc­ers asso­ci­a­tion noted, the cru­cial role of Montenegro olive oil in its cul­ture can be found in the local cui­sine. The olive is so highly regarded that a local leg­end says every groom must plant an olive tree before being allowed to marry.

Barsko Zlato comes from the Žutica cul­ti­var, a gen­er­ous indige­nous olive tree vari­ety which fea­tures in most local orchards. The color of the olive oil pro­duced by Žutica usu­ally tends toward yel­low more than green, which is why locals call it "yel­low yield.”


16 maggio 20:00 UTC

Personale OOT che riporta da New York

As results con­tinue to roll out, Premi 524 have so far been bestowed to brands from 24 coun­tries. NYIOOC orga­niz­ers said the unveil­ing will likely be com­pleted on or before Tuesday, May 24.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

12 maggio 13:35 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Alcuni agricoltori coltivano più di un raccolto. Conosciuto come policoltura, questa pratica serve un tentativo di replicare gli ecosistemi naturali.

A causa delle loro esigenze climatiche simili, la coltivazione di olive e uva è una pratica agricola tradizionale policulturale sfruttata da produttori come Leo SCE che ha vinto un Gold Award per a Provenza DOP olio extravergine di oliva a quest'anno World Olive Oil Competition.

Gli ulivi proteggono le viti dai forti venti che possono ostacolare l'impollinazione e sono stati accreditati per proteggere i vigneti nella regione italiana dell'Umbria dalla fillossera, un insetto nocivo che prende di mira l'uva.


12 maggio 13:25 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Vent'anni fa il Brasile non aveva olive oil proriduttori. Da allora, la sua nascente industria si è espansa fino a produrre 230,000 litri nel 2019 e ha iniziato ad esportare i suoi oli due anni fa.

Circa tre quarti delle olive raccolte dal produttore sudamericano sono la cultivar Arbequina e gli oli d'oliva brasiliani sono tipicamente erbacei, con alcuni che mostrano sapori di guava.

Lo stato più meridionale del Brasile del Rio Grande do Sul, sede del produttore Oliva da Lua che ha portato a casa due Gold Awards per i loro oli extra vergini di oliva Koroneiki di media intensità al 2022 NYIOOC, è la più grande regione olivicola che ha prodotto il 60 percento dell'olio d'oliva del paese nel 2019.


12 maggio 13:22 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Un altro Gold Award è andato a A1980, un olio extravergine di oliva biologico proveniente dallo splendido paesaggio che circonda il Lago di Bolsena nell'alto Lazio nell'Italia centrale. È una terra molto fertile dove gli uliveti sono facilmente individuabili sulle sponde del lago e nelle zone limitrofe.

Il termoprotettore Fattoria Alessandra Nicolai coltiva le sue olive Frantoio, Moraiolo, Leccino e Pendolino a Montefiascone, rinomato borgo antico a strapiombo sul lago e dominato dal Rocca dei Papi, le "Castello dei Papi”, imponente edificio fatto costruire da papa Innocenzo III nel 12th secolo d.C.

I dolci pendii che circondano il Castello, baciati dalla brezza di ponente e dal clima unico locale innescato dall'incantevole lago amato da migliaia di turisti, sono stati curati da generazioni di viticoltori e olivicoltori. Gran parte del territorio di Montefiascone è di origine vulcanica, una benedizione per i viticoltori, gli olivi e i frutticoltori.

"Dopo il premio dello scorso anno non ci saremmo mai aspettati un'altra conferma al prestigioso NYIOOC”, ha raccontato Alessandra Nicolai Ontuscia, il quotidiano locale. "Ho versato lacrime di gioia per la notizia. Tutta la mia famiglia è stata coinvolta, come mia madre che dopo la vittoria dello scorso anno ci ha incoraggiato a non interrompere la nostra ricerca della qualità, e oggi condividiamo con lei quei risultati positivi”.


11 maggio 17:53 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Nel 2014 NYIOOC, circa un terzo delle iscrizioni presentate è stato premiato. Quest'anno, almeno due terzi dei produttori partecipanti dovrebbero portare a casa i premi più ambiti del settore se il Recenti tendenze tenere.

"Anno dopo anno c'è stato un costante aumento del tasso di successo, non perché i nostri giudici si siano allentati, ma a causa della pura determinazione dei produttori di tutto il mondo di rispondere all'appello e migliorare i loro metodi ". ha scritto NYIOOC Presidente Curtis Cord in un recente post sul blog.

I produttori di ogni regione sono più istruiti su ciò che serve per produrre oli d'oliva di alta qualità rispetto a 2014, quando la maggior parte degli oli era raccolta tardiva e non filtrata. Le iniziative tecniche e formative di cooperative, DOP e organizzazioni agricole nazionali hanno contribuito a un drammatico aumento della qualità nel periodo.

"I nostri giudici sono passati dall'esultanza per il raro campione che li soddisfaceva dieci anni fa all'essere felicissimi ora per la maggior parte del tempo. Che fortuna per tutti noi avere così tanti oli eccellenti tra cui scegliere: un concetto impensabile solo un decennio fa", ha osservato Cord.

I 1,267 oli entrati in questo decimo NYIOOC rappresentano un sottoinsieme d'élite di marchi di olio extra vergine di oliva di alta qualità provenienti da 28 paesi. Ormai, dopo dieci anni, la maggior parte dei produttori partecipanti capisce cosa cercano il panel di degustazione e il mercato.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Foto: Brezza Tirrena Italia

Itrana incanta con suggestive note di pomodoro

9 maggio 16:20 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Itrana è la varietà di oliva alla base del successo di Carroccia Campodimele, Brezza Tirenae Agristi 1902, ciascuno ha conferito un Gold Award al NYIOOC World Olive Oil Competition.

Le tre aziende premiate della provincia di Latina, nel Lazio meridionale, producono eccezionali monovarietali caratterizzati da un profumo di pomodoro, percepibile al naso e alla bocca, completato da note di erba tagliata, erbe aromatiche e un leggero sentore di mandorla.

"Secondo me, gli oli extravergine di oliva Itrana si distinguono per la loro armonia”, Gisa Di Nicola, degustatrice e fondatrice di oliocentrica, Ha detto Olive Oil Times. "Possono essere molto eleganti, con fruttato, amarezza e piccantezza sempre ben equilibrati. Il loro profumo di foglia di pomodoro ti incuriosisce e ti ricorda la bruschetta strofinata con il pomodoro che ti preparava tua nonna quando eri bambino, e puoi anche immaginare un rametto di basilico sulla fetta di pane, e, intorno a te, pendii erbosi nella brezza. Possiamo dire che i loro profumi evocano un'intera atmosfera. Poiché di solito l'Itrana non è né troppo amaro né piccante, lo uso nelle degustazioni per far conoscere ai consumatori meno esperti il ​​mondo degli oli extravergini di oliva di alta qualità”.

Poiché le condizioni pedoclimatiche influiscono sulle caratteristiche organolettiche degli oli d'oliva, possono esserci variazioni sensoriali a seconda della zona in cui si trovano i frutteti. "Nelle terre interne di Sonnino e Itri, gli alberi situati su terreni scoscesi possono dare oli d'oliva leggermente più intensi ", ha sottolineato Di Nicola. "Questa caratteristica è mitigata negli oli ricavati da piante che si affacciano sul mare, come quelli vicino a Gaeta. Troviamo infatti molti frutteti adagiati su colline terrazzate sostenute da muretti a secco a ridosso del mare. A livello nutraceutico ho notato che, se vengono applicati i giusti accorgimenti produttivi, i boschetti più nascosti ed elevati possono dare prodotti con livelli di polifenoli”, osservò.

Non dimentichiamo che, grazie alla sua doppia attitudine, il frutto di Itrana può diventare una prelibata oliva da tavola dopo un processo di salamoia.


Alcuni alberi hanno bisogno di compagnia. Altri no.

6 maggio 12:50 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Gli ulivi che hanno prodotto il pluripremiato olio extra vergine di oliva Leccino che ha guadagnato il produttore australiano Tenuta degli ulivi di Cape Schanck uno dei loro tre Gold Awards di quest'anno World Olive Oil Competition è una cultivar autosterile che ha bisogno di altri alberi per crescere accanto ad essa per dare frutti, mentre alcuni sono autofertili e non hanno bisogno di altri ulivi per l'impollinazione.

Oltre ad essere autosterili, gli alberi di Leccino come tutte le cultivar di olivo sono autoincompatibili, il che significa che devono essere impollinati da un albero di un'altra cultivar per prevenire la consanguineità.

Anche se questo a volte richiede lo sforzo aggiuntivo di coltivare un'altra cultivar di olivo nello stesso boschetto, gli alberi autofertili producono una resa maggiore rispetto agli alberi autoimpollinanti e sono più resistenti alle condizioni climatiche avverse.

Sebbene autoincompatibili e autosterili, gli ulivi come il Leccino possono essere ottimi alberi impollinatori per altre cultivar.


4 maggio 12:58 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

I produttori giordani devono affrontare continue sfide con il clima caldo e secco, ma sono ironicamente queste condizioni climatiche che conferiscono agli oli extravergini di oliva del regno levantino le loro qualità organolettiche uniche.

Produttori come Jordan's Al-Maida agricolo, che quest'anno hanno vinto un oro e due argenti per il loro olio extra vergine di oliva World Olive Oil Competition, affrontare temperature più calde in anticipo a causa del cambiamento climatico.

Il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici non può prevedere con certezza le prospettive per gli agricoltori giordani, ma durante la stagione delle piogge gli ulivi del paese riducono l'erosione del suolo che porta alla desertificazione.

"Questo è il nostro secondo anno di partecipazione al Concorso dell'olio d'oliva di New York ", ha detto Ziad Bilbeisi, proprietario di Al-Maido olive oil Times. "Il premio dell'anno scorso ci ha dato molte opportunità, come un invito a fornire il nostro EVOO per la cerimonia dei Best Chef Awards ad Amsterdam. I premi di quest'anno promuoveranno ulteriormente il nostro olio d'oliva in nuovi mercati, consentendo una più ampia esposizione e godimento di queste varietà giordane di Arbequina e Arbosana".


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Santo Massimo Monastero di Vatopedi

Il monastero del Monte Athos offre olio d'oliva pluripremiato e autentica cucina mediterranea

3 maggio 22:32 UTC

Costas Vasilopoulos riporta da Atene

Il termoprotettore Monastero Vatopedi del Monte Athos ha guadagnato ben quattro Gold Awards alla decima edizione del World Olive Oil Competition.

L'olio d'oliva biologico del monastero Eleonas Vatopediou Bio ha vinto il Gold Awards per ciascuna delle sue tre versioni: il Koroneiki biologico, il Koroneiki a raccolta anticipata e una miscela. Un altro oro è stato guadagnato per l'Eleonas Monastic Koroneiki.

Il Monte Athos, il sistema politico autonomo situato sul promontorio dell'Athos nel nord della Grecia, vanta venti monasteri ed è stato il centro spirituale e monastico della Chiesa ortodossa orientale sin dalla sua fondazione alla fine dell'8th secolo.

La comunità athonita è una destinazione popolare per persone di tutto il mondo, indipendentemente dalle loro convinzioni religiose, che stanno cercando di vivere un mondo di un'altra epoca. I visitatori della comunità hanno anche la possibilità di gustare la cucina mediterranea nella sua forma più pura.

I monaci del Monte Athos sono abili produttori di vino e olio d'oliva e sono rinomati in tutta la Grecia per le loro ricette semplici e gustose.

I loro piatti sono principalmente a base di alimenti di base mediterranei come legumi, verdure e frutti di mare, poiché è esclusa la carne in tutte le sue forme. Usano erbe come finocchio, prezzemolo, pimento, cannella e cumino per aggiungere sapore.

I monasteri mantengono i propri vigneti e frutteti di olio d'oliva, mentre ampi giardini dove vengono coltivati ​​ortaggi, frutta e legumi biologici di alta qualità si estendono sul terreno montuoso.


3 maggio 11:16 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Le olive Bianchera producono oli d'oliva intensi, ma il produttore sloveno Timor ha miscelato il nativo "Istrian Bjelica” con altre cultivar per creare la delicata miscela biologica che valse loro un Gold Award Al 2022 NYIOOC.

I produttori miscelano oli per vari motivi, ad esempio per garantire la consistenza del sapore poiché il gusto di una particolare cultivar di boschetto può variare ogni anno a causa del clima e di altri fattori.

Le miscele vengono create combinando oli provenienti da diversi boschetti e tenute, o coltivando diverse cultivar negli stessi boschetti e trattandoli come un'unica entità. Conosciuto come blend di campo, queste olive vengono poi raccolte, molite e imbottigliate contemporaneamente.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Valle di Hula, Israele

Oli d'oliva pluripremiati della valle israeliana di Hula

2 maggio, 17:35 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Due Gold Awards sono stati ottenuti nel 2022 NYIOOC by Kerem Zait, un extravergine di alta qualità olive oil producer i cui ulivi punteggiano le rive del fiume Giordano nella valle di Hula, un ambiente unico nel nord di Israele dove nel tempo gli insediamenti umani e le attività agricole hanno lottato per mettere a punto il loro rapporto con un ambiente ricco ma fragile all'interno della Riserva Nazionale di Hula. È il primo parco naturale del paese: lussureggianti zone umide dove prosperano uccelli migratori, piante acquatiche rare e animali palustri.

KeremZait ha investito in macchinari all'avanguardia e migliori pratiche agricole, basate su una lunga tradizione di olivicoltura. Gli ulivi della zona hanno una storia antica e l'olivicoltura locale risale a millenni.

I ricercatori ritengono che l'olivo, il pistacchio e la quercia fossero le specie di alberi più diffuse nell'area più di 15,000 anni fa, quando le temperature iniziarono a salire quando l'ultima era glaciale iniziò a svanire. Da allora, gli ulivi sono diventati una sicura fonte di carburante e cibo per le popolazioni locali.

"È un grande onore essere nominato tra i più grandi nomi dell'industria dell'olio d'oliva. Il nostro esclusivo processo end-to-end - dalla coltivazione alla pressatura fino alla distribuzione - che abbiamo sviluppato nella nostra fattoria israeliana negli ultimi dieci anni, ci consente di fornire questi prodotti di qualità vincenti d'oro ai nostri preziosi consumatori e portare un prodotto di alto livello a il mercato locale”, ha detto Nimrod Azulay, co-proprietario di KeremZait Olive Oil Times.


29 aprile 14:14 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Più di 370 vincitori del premio sarà stato annunciato prima del primo giorno di maggio, molto prima che i risultati fossero riportati nelle precedenti edizioni. I produttori di ogni regione stanno strombazzando i loro successi canali social e apparire nei notiziari di tutto il mondo in un momento precedente delle loro campagne rispetto a prima.

La maggior parte degli oli dell'emisfero settentrionale è stata analizzata settimane prima rispetto al passato e i marchi dell'emisfero meridionale si stanno unendo alla coda appena usciti dai frantoi.

Il termoprotettore Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo viene visualizzato più di 20,000 volte al giorno, con un interesse in aumento man mano che i risultati continuano a svilupparsi.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Olive Picual

Picual e Koroneiki sono testa a testa nei monovarietali premiati

29 aprile 11:55 UTC

Costas Vassilopoulos riporta da Atene

Dopo 18 giorni dall'inizio della decima edizione del World Olive Oil Competition, Premi 357 (255 Gold e 102 Silver) sono stati conferiti a produttori di 21 paesi in tutto il mondo, mentre i risultati continuano a svilupparsi.

I monovarietali (oli ottenuti da una singola cultivar di oliva) hanno ottenuto finora 217 premi, rispetto ai 140 vinti da marchi realizzati con due o più varietà o miscele.

In termini di varietà particolari, la maggior parte delle vincite è stata rivendicata da oli ottenuti da Picual e Koroneiki varietà — 28 e 27 rispettivamente.

Gli organizzatori del concorso hanno notato in precedenza che Koronieki è la varietà predominante nel 2022 NYIOOC (tra monovarietali e miscele) tra 151 distinti tipi di olive rappresentati al concorso quest'anno.


28 aprile 12:14 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Il produttore Agresti 1902 festeggia il suo ingresso nel mondo dell'olio extravergine di oliva di alta qualità con un Gold Award per 501 Altitudine. "Siamo lieti di questo riconoscimento che segna la nostra prima partecipazione al NYIOOC”, ha raccontato Francesco Agresti Olive Oil Times dopo aver scoperto che il suo monovarietale Itrana era arrivato sulla Guida Ufficiale.

Da qualche anno riprende la tradizione olearia dei nonni con l'obiettivo di creare un olio extravergine di oliva premium da 1,200 ulivi secolari sulle ripide colline terrazzate tra Sonnino e Itri, nel Lazio meridionale. "Abbiamo sperimentato per cinque anni prima di realizzare una piccola produzione pilota la scorsa stagione", ha rivelato. "Finalmente quest'anno abbiamo lanciato il prodotto definitivo, che già ci sta dando grandi soddisfazioni”.


Anche molti dei migliori oli d'oliva del mondo sono biologici

28 aprile 12:07 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Tra i vincitori del Gold e Silver Award finora annunciati, quasi uno su tre è un olio extravergine di oliva prodotto biologicamente.

Tali dati preliminari mostrano il forte impegno di molti produttori di fascia alta poiché il profilo salutare dell'olio extra vergine di oliva è un driver rilevante nei mercati internazionali.

Gli ultimi dati del World of Organic Agriculture mostrano che alla fine del 2020 il valore del mercato globale degli alimenti biologici ha superato i 120 miliardi di euro, con un aumento di 14 miliardi di euro rispetto all'anno precedente e l'aumento più forte mai registrato. Gli Stati Uniti, che sono il principale importatore mondiale di olio extra vergine di oliva, sono anche il mercato leader per quanto riguarda gli alimenti biologici.


28 aprile 11:58 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Produttore Assur che ha vinto un Gold Award per il loro olio extravergine di oliva di media intensità alla decima edizione del World Olive Oil Competition produce il loro pluripremiato olio da vendere in Belgio.

All'inizio di quest'anno il Centro per la promozione delle importazioni dai paesi in via di sviluppo (CBI) nei Paesi Bassi ha riferito che nel 2020 il Belgio ha importato più di 22,000 tonnellate di olio d'oliva per un valore di 74.5 milioni di euro e che il 59 percento delle sue importazioni di olio d'oliva erano di olio extravergine di oliva.

Il CBI ha riferito che di tutti i tipi di olio d'oliva, l'olio extra vergine d'oliva era il tipo di olio d'oliva in più rapida crescita importato in Belgio con un aumento di 5,500 tonnellate dal 2017 a 13,300 tonnellate nel 2020.

Secondo quanto riferito, il Belgio ha importato il 48 percento del loro olio d'oliva dalla Spagna e da altri paesi le loro importazioni dalla Grecia sono state le in più rapida crescita.


Quarto oro per il Frantoio Vergal istriano

26 aprile 17:29 UTC

Nedjeljko Jusup riporta da Zara

Non è un caso che l'olio extravergine di oliva Frantoio vergine dell'azienda turistica istriana Aminess di Novigrad ha ricevuto per la quarta volta un Gold Award al prestigioso prestigioso NYIOOC, che forse è a metà del processo di rivelazione dei suoi risultati.

"Siamo estremamente orgogliosi del nostro Vergal. Per la quarta volta, siamo stati premiati in una fortissima competizione tra i migliori oli del mondo. Continueremo a lottare per rimanere al vertice, "ha affermato Alen Fiala, brand manager Vergal di Aminess.

Vergal è il nome di un'antica fonte di acqua dolce — sinonimo di salute, purezza e vita — e continua oggi sotto forma di olio extra vergine di oliva che Aminess produce dalle varietà Istarska Bjelica, Frantoio, Pendolino e Leccino, che hanno piantato 15 anni fa vicino ai loro hotel e campi.

Gli uliveti sono vicini al mare, che incide sul frutto dell'olivo e sulla qualità dell'olio. Raccolgono e trasformano 50 tonnellate di olive all'anno e producono circa 5,000 litri di olio. Ogni varietà porta un gusto e un aroma unici, a seconda delle caratteristiche del frutto, e per la premiata giuria Vergal Frantoio 2022 NYIOC, carciofi, noci, ravanelli, spezie ed erbe aromatiche si sono distinti.

Ad Aminess, celebrità e altri produttori di olive extra vergini delle regioni olivicole croate dell'Istria e della Dalmazia attendono con impazienza le valutazioni per i loro oli.

L'anno scorso, i produttori istriani sono stati responsabili di 39 degli 86 premi della Croazia.


Grande vittoria per Darvari Gida Tarim poiché il numero record di produttori turchi attende i loro risultati

26 aprile 12:40 UTC

Costas Vassilopoulos riporta da Atene

Darvari̇ Gida Tarim è diventata il primo produttore turco a vincere quattro premi alla decima edizione del più grande concorso mondiale di olio d'oliva mentre i risultati continuano a svolgersi sul Guida ufficiale.

Il produttore dello Stretto dei Dardanelli ha ricevuto due Gold Awards per il suo delicato monovarietale Ottoman White Label della varietà endemica Ayvalik e il delicato monovarietale Byzantium Anna di Edremit.

Darvari ha anche intascato due Silver Awards per altri due oli extra vergine di oliva monovarietale, l'Ottoman Black Label e il Bisanzio Irene entrambi ottenuti da olive della varietà Edremit ampiamente utilizzata.

"Abbiamo avuto difficoltà a trovare una forza lavoro adeguata per la raccolta, ma abbiamo investito in alcune attrezzature speciali e abbiamo avuto un buon allegagione", ha detto il comproprietario Cem Erdilek dopo l'annuncio dei risultati. "Siamo felici e orgogliosi di dimostrare la nostra qualità e di vedere che siamo sulla strada giusta”.

Ci sono 113 marchi dalla Turchia che si contendono quest'anno NYIOOC — il maggior numero mai presentato dai produttori anatolici.


La Cina torna nella cerchia dei vincitori

26 aprile 12:25 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

La moderna tecnologia di lavorazione importata dall'Italia, vivai stabiliti in collaborazione con partner mediterranei e basati su una solida conoscenza dell'olivicoltura hanno aiutato la Cina Gansu Times Olive Technology ottenere un Silver Award al 2022 NYIOOC. Pur non essendo il primo per i produttori cinesi, un premio così rilevante mancava dal Gold Award 2017 ottenuto da Longnan Xiangyu Olives Development.

Nata nel 2018, la sostenibilità di Gansu Times Olive Technology è stata certificata dal panel internazionale di B Corporation che ha assegnato un punteggio di 92.4 all'azienda olivicola. Le olive provengono da Gansu Longnan, il cuore della Cina olive oil production, città adagiata su una latitudine prossima a quella di molti paesi produttori del bacino del Mediterraneo.

La vittoria del Gansu non sorprende visti i forti investimenti che gli agricoltori locali hanno riversato per espandere la produzione di olive e migliorare i loro prodotti. Nel 2021 la terra dedicata agli uliveti in Cina ha raggiunto oltre 42,000 ettari, secondo l'agenzia di stampa Xinhua. L'olivicoltura oggi dà lavoro a migliaia di persone nella zona ed è considerata un pilastro dell'economia locale.

"Ogni goccia di olio d'oliva che produciamo è un esempio dello scambio e dell'integrazione tra la Cina e l'estero", ha affermato Xinhua Li Gang, direttore generale di Gansu Times Olive Technology.


26 aprile 12:11 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

della Francia Moulin Oltremonti che ha vinto un Gold Award per il suo olio extra vergine di oliva Taggiasca miscelato a media intensità è uno dei un numero crescente di produttori che attinge al crescente mercato dell'oleoturismo.

Questa tendenza relativamente nuova dell'agriturismo, che comprende le attività ricreative e divulgative presso i frantoi e gli oliveti, si è ampliata in Italia tanto da estendere le disposizioni che regolano il settore dell'enoturismo a "attività di turismo dell'olio d'oliva” dal 1 gennaio 2020.

Il progetto spagnolo Oleotour Jaén sta facendo crescere l'oleoturismo della regione promuovendo le fattorie in tutta la provincia.

L'oleoturismo offre alle destinazioni mediterranee una via di fuga dalla stagionalità del turismo in generale: i periodi più impegnativi per il settore dell'oleoturismo sono i mesi di raccolta più avanti nell'anno, che sono generalmente i mesi più tranquilli per il resto del settore turistico.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Loopline Olive, Nuova Zelanda

I produttori neozelandesi stanno andando alla grande

22 aprile 22:35 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

"Le loro vittorie sono un enorme riconoscimento per i nostri produttori neozelandesi che sono fanatici delle migliori pratiche in tutti gli aspetti della loro produzione ", ha detto Gayle Sheridan, direttore esecutivo di Olives New Zealand Olive Oil Times.

Olives NZ è entrata in molti dei migliori marchi di olio d'oliva locali NYIOOC dal 2015. Quest'anno finora, le voci di Olives NZ hanno vinto due Gold Awards e un Silver.

Il biologico Tunnel del Totara è un vincitore del Gold Award per la prima volta. Blue Earth ha vinto anche l'oro quest'anno, come ha fatto nel 2018. Olive Kapiti ha vinto un Silver Award.

"Siamo in attesa dei risultati della nostra quarta voce e delle altre voci indipendenti [dalla Nuova Zelanda]", ha aggiunto Sheridan.


22 aprile 14:30 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Il delicato olio extravergine di oliva biologico Souri di Produttore libanese Solar che è stato premiato con un Gold al decimo World Olive Oil Competition è ottenuto da olive raccolte da alberi di circa 150 anni.

Gli ulivi in ​​genere iniziano a produrre frutti tra i cinque ei 12 anni di età, con Arbequina e Koroneiki a volte a partire dai tre anni circa. Nel 2012, è stato riscontrato che gli ulivi che crescono nel Giardino del Getsemani di Gerusalemme hanno almeno 900 anni e nel 2018 Olive Oil Times riferito che questi alberi stavano ancora producendo frutti.

L'olivo di Vouves a Creta, che è uno degli ulivi più antichi del mondo, ha tra i 2,000 ei 4,000 anni e porta ancora i suoi frutti.


21 aprile 13:59 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Olio d'oliva Picholine, che si è assicurato il produttore marocchino Divina Oliva un Silver Award per il suo olio extravergine di oliva di media intensità al 2022 NYIOOC, risulta avere capacità neuroprotettive contro il morbo di Alzheimer secondo un articolo pubblicato su Olive Oil Times.

I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno utilizzato una varietà commerciale di olio extra vergine di oliva Picholine dalla Francia.
Picholine è la cultivar di olivo più coltivata nella sua nativa Francia, così come in Marocco. Producendo oli d'oliva fruttati con note di nocciola, questa cultivar adattabile viene coltivata in tutto il mondo.


La drammatica ascesa di Turchia e Croazia sulla scena mondiale dell'olio d'oliva

21 aprile 00:49 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Con 1,267 marchi provenienti da 28 paesi in lizza per i premi di qualità più ambiti del settore, quest'anno World Olive Oil Competition rappresenta la più vasta e diversificata collezione internazionale di oli d'oliva mai assemblata e analizzata.

I produttori di Turchia e Croazia insieme rappresentano 228 marchi, rispetto ai 56 combinati di appena 5 anni fa. Il drammatico aumento in entrambi i paesi ha seguito le iniziative di organizzazioni regionali e nazionali per aumentare la visibilità dei loro oli locali facendo una bella mostra alla competizione mondiale.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Pasquale

Questa NYIOOC vincitore si ispira ad Aristotele

20 aprile 23:45 UTC

Costas Vassilopoulos riporta da Atene

Con sede nella terra di Aristotele in Calcidica, concorrente per la prima volta Pasquale ha vinto un Silver Award per il suo extravergine Entelechia ottenuto da olive raccolte anticipatamente della varietà autoctona della Calcidica.

"Era la nostra prima volta nella competizione", ha detto il proprietario Yiorgos Paschalas Olive Oil Times minuti dopo l'annuncio vincente. "Il nostro extravergine è stato commercializzato meno di un anno fa e vincere in questo prestigioso concorso è sempre stata la nostra aspirazione”.

La parola 'Entelechia' è stato coniato dal grande filosofo stesso, e si traduce in 'grande cura e attenzione, e completezza.'

"Conserviamo con riverenza l'olio d'oliva Entelechia in una bottiglia di vetro molto elegante ", ha osservato l'azienda. "Ogni bottiglia racchiude la filosofia aristotelica, che è alla base della nostra ispirazione. È il percorso dal seme alla pianta, dal frutto dell'olivo all'olio d'oliva, il nostro completamento".

L'entelechia è un extravergine di media intensità caratterizzato da un sapore amaro e piccante con un lungo retrogusto con fragranze di erba fresca, oliva e foglie di pomodoro, carciofo e mandorla.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Karim Fitouri, Olivko

Presto NYIOOC i risultati indicano una crescita costante della Tunisia

20 aprile 23:02 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

A poche settimane dall'inizio della competizione, i produttori tunisini hanno già ottenuto 14 premi come il 2022 NYIOOC continua a rivelare i marchi vincitori di quest'anno tramite un feed dal vivo su Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo. Dati questi primi risultati, quest'anno i produttori tunisini potrebbero addirittura superare il record di 30 premi ottenuti nel 2021 NYIOOC.

I premi guadagnati da Produttori tunisini confermano la maturità di un settore in costante crescita non solo per la qualità del prodotto ma anche per i volumi.

La produzione prevista colloca il Paese nordafricano al quarto posto dopo i maggiori produttori dell'Unione Europea: Spagna, Italia e Grecia.


20 aprile 12:40 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Gansu Times Olive Technology, il produttore cinese che ha ha vinto un Silver Award per il suo delicato olio extravergine di oliva Frantoio di quest'anno NYIOOC, si trova nella più grande regione olivicola del paese asiatico, la città prefettizia di Longnan nella provincia cinese di Gansu.

Con il suo terroir mediterraneo, Longnan ospita più di cento cultivar e rappresenta circa il 50 percento degli ulivi cinesi. Circa l'85 percento dell'olio d'oliva cinese viene prodotto a Longnan.

All'inizio dello scorso anno la società di ricerche di mercato Mordor Intelligence ha stimato che il mercato dell'olio d'oliva dell'Asia-Pacifico crescerà a un tasso annuo composto del 4.2 percento dal 2020 al 2025, ma è stato riferito che i consumatori locali preferivano ancora gli oli d'oliva importati.


19 aprile 18:26 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Cipro è ancora una volta tra i produttori dei migliori oli extravergini di oliva al mondo. Con le sue olive da agricoltura biologica frante entro trenta minuti dalla raccolta, l'amaro e il fruttato non filtrati Edizione Atsa Silver ha vinto un Silver Award al 2022 NYIOOC, che arriva dopo il Gold Award ottenuto nel 2021 NYIOOC.

Proprio come altri EVOO di alta qualità di Atsas Organic Products, le bottiglie Silver Edition si distinguono per il loro mantello totalmente nero che, secondo l'azienda, "prevenire il contatto diretto con la luce e l'ossidazione”, salvaguardando così nel tempo la qualità dei contenuti.

Atsas Silver Edition è una miscela di olive Koroneiki e Kalamata che provengono dal piccolo villaggio di Evrychou, nel distretto di Nicosia, una zona agricola rilevante per alcune delle colture più tradizionali dei bacini mediterranei. Lì, settemila ulivi Atsas condividono il paesaggio con vigneti e cereali. È una zona cuscinetto delle Nazioni Unite, uno status speciale che secondo Atsas ha contribuito a mantenere intatta la terra per molti anni.

"La nostra azienda prevede la creazione e il mantenimento di un ecosistema agricolo sostenibile, attraverso la permacultura. Miriamo a continuare la produzione ininterrotta del nostro olio extra vergine di oliva premium, utilizzando pratiche agricole che supportano l'agroecologia e soddisfano le esigenze del clima e delle particolari condizioni del suolo della nostra azienda agricola. Il nostro team lavora per trasformare la terra in un ecosistema agricolo unico e fruttuoso", ha osservato l'azienda sul suo sito web.

Al suo interno l'azienda gestisce un bacino idrico e le infrastrutture necessarie per la cura degli alberi e la trasformazione degli ulivi.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Castelbottaccio, sede del Collettivo Castelboom (Foto per gentile concessione di Turismo in Molise)

In Molise il Collettivo Castelboom brilla di Gold

19 aprile 18:23 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Immerso nel cuore del Molise, nel centro Italia, il Collettivo Castelboom è composto da professionisti dei settori della cultura, della moda, del cibo e della ricerca.

Andando oltre il semplice concetto di fattoria, lo è "un collettivo di artisti, musicisti, architetti, designer, chef, filosofi e antropologi, dove ognuno è portatore delle proprie competenze legate alla terra e alla cultura, e tutti sono accomunati dall'amore per la natura e la bellezza", affermano i fondatori in la presentazione dell'ampio progetto.

La loro missione è creare posti di lavoro, promuovere il territorio, preservare l'ambiente, valorizzare il settore agricolo locale e favorire la consapevolezza culturale. Ripetendo il successo dell'anno scorso al World Olive Oil Competition, il gruppo ha vinto un Gold Award con S, un monovarietale Gentile di Larino caratterizzato da un fruttato medio e da un amaro e piccante ben equilibrati, con un prevalente sentore di mandorla fresca e note di foglia di olivo ed erbe di campo.


15 aprile 18:28 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Takao Nouen a Shodoshima ha ottenuto ancora una volta un Gold Award al World Olive Oil Competition. Il produttore giapponese è stato premiato per a Nevadillo Blanco e Manzanilla si fondono. Takao Nouen dice ai visitatori del suo sito web che il successo inizia prendendosi cura del suolo, raccogliendo ogni varietà al momento giusto e prendendosi cura delle olive a mano, una per una. Olive Hatake porta sensazioni gustative di erbe, tè verde, mandorla verde ed erba, ha osservato la giuria.

Finora sono stati annunciati quattro Gold e due Silver Awards Marchi giapponesi, degli 8 marchi entrati dal paese, secondo il statistiche ufficiali.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Donato Conserva e il fratello Michele all'azienda agricola Mimì

14 aprile 11:51 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

"Siamo felici e orgogliosi dei risultati che abbiamo raggiunto", ha detto Donato Conserva Olive Oil Times subito dopo il secondo Gold Award guadagnato da Mimì al decimo NYIOOC spuntato sul feed live della concorrenza.

Il produttore pugliese è presente nel Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo con la sua Coratina per il settimo anno consecutivo.

"Questi premi ci ripagano di tutti gli sforzi compiuti, in particolare nell'affrontare le sfide climatiche, per garantire ai nostri consumatori il massimo livello di qualità", ha affermato l'agricoltore. "Crediamo che questi riconoscimenti ottenuti in una competizione così importante possano darci una spinta per la creazione di nuove sinergie e collaborazioni”.

Esteso su un'area di 75 ettari (185 acri) tra Modugno e i paesi limitrofi della provincia di Bari, l'oliveto dove nascono gli oli extravergini di oliva Mimì comprende 23,000 piante di Ogliarola Barese, Coratina, Peranzana, Cima di Melfi e Nocellara del Belice.

Al centro dell'azienda si trova un mulino ad alta tecnologia, dove i frutti vengono frantumati immediatamente, spesso entro poche ore dalla raccolta.

"Miglioriamo costantemente il nostro processo di produzione con aggiornamenti e miglioramenti tecnici”, ha sottolineato Conserva. È in corso una collaborazione con il Policlinico di Bari per condurre studi sulle proprietà nutraceutiche dell'olio extravergine di oliva. Nell'azienda agricola Mimì particolare attenzione è riservata ai profili organolettici, nell'ottica dello sviluppo di prodotti ad alto contenuto di polifenoli.


14 aprile 11:48 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Come lo è l'olivicoltura fiorente in Georgia e i suoi coltivatori stanno lavorando per svolgere un ruolo fondamentale nel settore olivicolo del Caucaso meridionale, gli agricoltori locali stanno coltivando olive Edremit e Gemlik, due cultivar importate dalla Turchia.

Edremit, la cultivar che ha guadagnato il produttore turco Mavras Zeytincilik due Silver Awards di quest'anno NYIOOC, è ampiamente coltivato in Turchia e rappresenta quasi un quinto degli ulivi del paese. È favorito dagli agricoltori georgiani per la sua resistenza al freddo e adattabilità alle pratiche agricole locali, come l'irrorazione del rame.

Conosciute anche come Ayvalik, le olive Edremit producono oli dal fruttato intenso e dall'amaro delicato.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

OPG Damir Vanđelić

Gli oli istriani fanno il loro debutto mentre i risultati continuano ad arrivare

13 aprile 12:47 UTC

Jusup Nedjeljko riporta da Zara

Come il 2022 NYIOOC i risultati continuano nella loro diffusione mondiale, tra i vincitori figurano gli oli dell'Istria, la più famosa regione olivicola croata.

"L'anno scorso Gold e Silver, ora due Gold. Questa è la migliore conferma che stiamo migliorando costantemente in termini di qualità", ha detto Patricija Vanđelić Olive Oil Times.

Il termoprotettore Fattoria della famiglia Vanđelić si trova nel cuore dell'Istria, tra Bale e Rovigno, lungo la costa adriatica. Su circa 6,500 ettari crescono 60 ulivi. Ci sono anche ciliegie, nettarine, albicocche, mele, pere, frutti di bosco e uva. Tuttavia, il portatore più famoso del nome Nono Remiggio è il loro "oro liquido” dalle varietà autoctone Buža, Istarska Bjelica, Rosinjola, Karbonaca, Leccino, Pendolino, Frantoia e Maraiola.

"Le nostre olive crescono da 50 a 90 metri sul livello del mare, dove scorre sempre aria fresca, che con molto sole dà frutti di qualità eccezionale ", ci ha detto Vanđelić. Iniziano la stagione con la raccolta manuale e la frutta fresca viene subito lavorata nel proprio frantoio. Patricia fa notare che questo è un grande vantaggio. Non dipendono da altri e regolano da sole la lavorazione entro 12 ore dalla raccolta.

Il termoprotettore Nono Remiđo L'olio di marca, dal nome del nonno, arriva sul mercato in confezioni di qualità: uno spesso vetro scuro e un tappo antiossidante mantengono il colore, l'odore e il sapore dell'olio come se fosse stato appena riempito.

Entrambi gli oli Vanđelić sono caratterizzati da aroma intenso e amaro moderato, mentre il senso del gusto è dominato dal fruttato di Carciofo, Erbe, Fiori, Pepe Verde e Vaniglia.

"Cerchiamo di mantenere la stessa qualità o, come è quest'anno, ancora meglio, ha detto Patricija Vanđelić al Olive Oil Times. "Il termoprotettore NYIOOC I premi sono la migliore raccomandazione per i nostri clienti. Oltre a quelli permanenti, speriamo in nuovi”.


13 aprile 12:32 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Come il 2022 NYIOOC si trasferì alla sua seconda settimana, la prima Galega monovarietale è stato assegnato al produttore Monte do Camelo, situato nella regione portoghese dell'Alto Alentejo a est della capitale Lisbona per la sua delicata Tratturo di Fronteira olio extravergine d'oliva.

L'Alentejo fa parte della regione portoghese dell'Alentejo, rinomata per i suoi eccezionali oli d'oliva.

Galega, detta la "Portoghese Olive ", è la cultivar di punta del paese mediterraneo e rappresenta l'80 percento della sua produzione di olive. Fruttato, ben equilibrato e leggermente amarognolo, questo antico vitigno resistente alla siccità è coltivato principalmente al nord.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Dean Fabijančić

Nei primi risultati, Dean Fabijančić ottiene la prima vittoria per l'Istria

12 aprile 17:41 UTC

Jusup Nedjeljko riporta da Zara

"La nostra qualità è costante. L'unica cosa che mancava era questo ulteriore passaggio, che desideravamo e ringraziavamo Dio", ha detto Dean Fabijančić, un olivicoltore di successo e proprietario di una fattoria di famiglia dall'Istria, la regione olivicola più famosa della Croazia.

I suoi due oli, il Miscela Vetta di Bjelica, Leccina e Buža, e il monovarietale Vetta Buza, hanno appena vinto Gold Awards al 2022 NYIOOC.

"Tutte le nostre olive sono coltivate in modo naturale e biologico. Produciamo EVOO di alta qualità con un gusto specifico in una delle migliori regioni olivicole del mondo: l'Istria ", ha detto Fabijančić Olive Oil Times.

Il termoprotettore NYIOOC I giudici del 2022 hanno valutato gli oli robusti ed enfaticamente fruttati. Dominano i sapori di carciofo, pepe, mandorla amara, pinoli, noce, mandorla verde ed erbe aromatiche.

"Il nostro olio ha il nome simbolico Vetta, che in croato significa Top. È il nome del luogo in cui abbiamo piantato il primo uliveto, ma riflette anche il desiderio di essere al top in termini di qualità, ha affermato Fabijančić, il vincitore del primo Gold Awards di quest'anno per l'Istria.

Su un totale di 86 premi per gli olivicoltori croati lo scorso anno, 39 erano marchi istriani.


12 aprile 11:58 UTC

Costas Vasilopoulos riporta da Atene

Gli oli extra vergini di oliva dalla Turchia si sono uniti all'invidiabile gruppo dei primi vincitori del premio all'edizione 2022 della più grande competizione mondiale di olio d'oliva.

Egenin Kalbi, con sede nella provincia di Manisa, nella parte occidentale del paese, ha vinto un Silver Award per il suo monovarietale Arbequina.

Mavras Zeytincilik, della regione di Küçükkuyu, ha vinto due Silver Awards per il suo monovarietale Mavras e il monovarietale biologico Mavras, entrambi ottenuti da olive della varietà Edremit.

"I nostri oli d'oliva, in competizione in tutto il mondo, sono stati ancora una volta premiati con premi d'argento ", ha affermato l'azienda. "Siamo orgogliosi di rappresentare la Turchia”.


I campioni della Toscana esaltano il loro legame con il territorio

10 aprile 11:10 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Dal sei giorno al decimo World Olive Oil Competition, già cinque oli extravergine di oliva toscani può essere trovato sul Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo.

Tra i campioni ci sono i blend — Podere Il Montaleo, prodotto a Casale Marittimo vicino a Pisa (Moraiolo, Frantoio, Maurino, Leccino, Pendolino); Antico Poggiolo di Pistoia (Frantoio, Leccino e Moraiolo); Le Balze, cioè sulle colline fiorentine (Frantoio, Moraiolo, Leccino) — e monovarietali – Kali Toscano biologico IGP di Castiglione della Pescaia (Leccino) e Il Cavallino Special edition prodotto sul litorale di Bibbona (Leccio del Corno).

"Questo Gold Award conferma, ancora una volta, che la direzione che abbiamo intrapreso è quella giusta”, ha commentato il risultato Romina Salvadori, la produttrice de Il Cavallino. "Non solo gestiamo un uliveto e un frantoio e produciamo un prodotto di eccellenza, ma soprattutto ci prendiamo cura della nostra terra con grande cura e rispetto, vivendo in armonia con la natura, in un ambiente salubre”.

L'impegno a sostenibilità è infatti un valore condiviso tra tutti questi produttori, che sottolineano il loro legame con il territorio attraverso l'utilizzo di varietà tipicamente toscane, dove si percepiscono facilmente note di carciofo, mandorla, cardo, cicoria ed erbe aromatiche.

Visitando le loro fattorie, armoniosamente integrato nel paesaggio, dalle sponde all'entroterra, significa scoprire le diverse anime che compongono il fascino unico della Toscana


Il primo vincitore dalla Francia è il Fruit Vert AOP di Moulin de la Coquille

7 aprile 18:33

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Per il secondo anno consecutivo i sorprendenti sapori di Fruité Vert AOP hanno guadagnato il produttore francese Moulin de la Coquille un premio d'oro.

"Un potente olio d'oliva che sublimerà le tue insalate ", ha osservato l'azienda di famiglia, i cui oliveti prosperano nella Vallée des Baux in Provenza, tra Fontvieille e Les Baux de Provence. Dal 6th Secolo d.C., gli ulivi sono stati coltivati ​​in questa fertile regione nel sud-est della Francia che oggi è condivisa con rinomati vigneti.

Anglandau, Grossane, Salonenque, Verdale e Pitcholine sono le cinque cultivar che consentono al Moulin de la Coquille di produrre i suoi oli extravergini di oliva con la Denominazione di Origine Protetta (DOP), la certificazione di specialità locale europea. "Garantisce il rispetto di severi disciplinari di cui la tracciabilità e la ricerca dell'eccellenza sono inseparabili”, ha osservato la famiglia. E questo ha garantito un Oro in più per il loro Fruité Vert.


7 aprile 12:39 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

A pochi giorni dall'inizio del World Olive Oil Competition, Agraria Riva del Garda ha guadagnato un Gold Award per la sua miscela biologica 46° Parallelo Biologico. Viene prodotto sulle sponde settentrionali del Lago di Garda, zona prealpina che gode di un microclima mediterraneo grazie alla presenza dell'ampio bacino di acqua dolce. Qui Casaliva, Frantoio e Leccino trovano le condizioni ideali per prosperare. "Siamo lieti di questo riconoscimento”, ha detto Massimiliano Consolo, responsabile dello sviluppo commerciale dell'aziendo olive oil Times. "Nonostante una campagna non facile per problemi climatici, siamo riusciti ad ottenere un prodotto di altissima qualità”.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Spiros Borraccino al frantoio Oilalá

Coratina: la formidabile cultivar dietro molti dei marchi pluripremiati

8 aprile 12:08 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Il quarto giorno del 2022 NYIOOC, ottantuno oli extra vergini di oliva pluripremiati sono stati svelati il Guida ufficiale. Sfogliando le varietà, avrete notato che cinque di esse sono composte da un'unica varietà: la Coratina.

Frutto a maturazione tardiva, è rinomato per molto alto polifenolo contenuto. Originari di Corato, vicino a Bari in Puglia, gli ulivi di Coratina si trovano oggi in tutto il mondo. In Oilala azienda agricola, a Barletta, crescono accanto a Peranzana. In California, a Proprietà di Cobram, vengono coltivati ​​insieme a Picual, Arbosana, Arbequina, Mission e Manzanillo.

Gli oli di Coratina sono generalmente riconoscibili per il loro carattere deciso caratterizzato da un livello di fruttato medio o, più frequentemente, intenso. Una piccantezza pepata e una decisa amarezza abbracciano una nota di mandorla fresca, che si percepisce al naso e in bocca, dove potrebbero emergere anche sensazioni di erba e carciofo.

Tuttavia, la descrizione di un gusto così acuto non dovrebbe intimidire i neofiti del mondo dell'olio d'oliva. I mulini ad alta tecnologia di oggi, uniti alla competenza di tecnici, frullatori e degustatori in grado di trovare il giusto equilibrio di elementi, ci permettono di godere Coratina monovarietale che sono esperienze sensoriali straordinarie.


8 aprile 00:22 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

A quattro giorni dall'inizio della decima edizione del World Olive Competition, i produttori italiani hanno già vinto 20 premi: 17 ori e 3 argenti. Vincitore per la prima volta Tenuta Venterra ha colpito Gold con una miscela organica di media intensità. "[Questo premio] è molto soddisfacente dopo tutti gli sforzi che abbiamo fatto durante l'anno", ha affermato la proprietaria Antonella Ferrara in un aggiornamento sulle notizie sulla Guida ufficiale al miglior olio d'oliva del mondo. L'Italia ha partecipato a 208 delle 1,267 voci nel più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.


I vincitori statunitensi includono produttori dell'Oregon e della Georgia

8 aprile 00:06 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

I produttori negli Stati Uniti hanno costruito il loro impressionante inizio all'inizio di questa settimana vincendo altri sei premi. Con sede in Oregon Frantoio Durant guadagnato tre premi d'oro per la sua Mission, i monovarietali Frantoio e Koroneiki e un Silver per il suo blend di media intensità.

Il produttore di Gorgia (Stati Uniti). Cinque lontre ha vinto un Gold Award o la sua miscela di campo di Arbequina, Arbosana e Koroneiki. Sharon Flanagan, la proprietaria di Five Otters ha detto in a News Update sulla Guida ufficiale al miglior olio d'oliva del mondo che coltiva le olive "nuovo in questa regione della Georgia e la mia speranza è che questo risultato incoraggi più coltivatori nell'area". In questa fase, i produttori negli Stati Uniti hanno guadagnato 16 premi nel 2022 NYIOOC.


7 aprile 17:39 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Panorami mozzafiato sul mare Adriatico fanno da cornice agli ulivi secolari che crescono nell'isola di Solta, in Croazia, baciata dai venti più miti della Dalmazia. Là, OPG Lucio crea due oli extravergine di oliva di livello mondiale. Suo Lucio Soltanka monovarietale e Lucio Oblica e Soltanka blend hanno vinto ciascuno un Gold Award al 2022 NYIOOC.

Cresciuti tra filari di erbe, rosmarino e lavanda, gli ulivi di Lucio sono cultivar dalmate rigorosamente locali come Levantinka che offrono al palato alcune note amare e un leggero tocco di piccante. In Levantinka EVOO monovarietale di Lucio, il 2022 NYIOOC la giuria ha riscontrato sensazioni gustative di erbe aromatiche, peperone verde, cicoria e ravanello.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

7 aprile 13:42 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Israele e bambini arabi insieme disegnano le etichette del 2022 NYIOOC Vincitore del premio Gold Olio d'oliva extra positivo, un EVOO monovarietale amaro e piccante frutto di olivi Coratina. Prodotto da un'organizzazione no-profit di donne ebree e arabe che lavorano per il cambiamento, il pluripremiato olio extra vergine di oliva contribuirà a finanziare progetti di cooperazione locale e di agricoltura comunitaria.


Diciotto finora per la Spagna con una strada molto lunga da percorrere

7 aprile 11:33 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Olio d'oliva produttori spagnoli hanno vinto finora 18 premi — 15 d'oro e tre d'argento — nei primi tre giorni del 2022 NYIOOC.

"Il premio conferma il percorso che dobbiamo seguire per offrire ai nostri clienti la migliore qualità” Ecologica La Olivilla's Juan Ignacio Valdés Alcocer ha detto in a News Update sulla Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo dopo aver vinto un Gold Award per il terzo anno consecutivo.

I produttori spagnoli hanno inviato 159 campioni di olio al NYIOOC quest'anno, il loro secondo maggior numero di iscrizioni alla competizione mondiale.


7 aprile 11:29 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Produttori nel United States hanno insaccato dieci premi nei primi tre giorni del 2022 NYIOOC poiché i risultati continuano a essere pubblicati. Azienda Agricola Il Fiorello ha portato a casa un Oro per il suo Moraiolo biologico e due Argenti per il suo Pendolino e il suo Frantoio biologico. Proprietà di Cobram è stato premiato con un Oro per la sua Coratina di media intensità, un Argento per la sua Arbequina e un altro per una delicata Arbequina. Showa Farm, Oh olio d'oliva, Rancho Milagro e Boschetto Frantoio ha vinto gli altri quattro premi.


7 aprile 11:26 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

"C'è "niente come un po' di competitività per concentrare la mente ", ci ha detto Nick Wilkinson, co-proprietario della Rio Largo Olive Estate in Sud Africa mentre lui e altri produttori sudafricani aspettavano i risultati delle loro voci

"Ogni anno ci prepariamo per il nostro raccolto sapendo che questa competizione sta arrivando. Abbiamo partecipato sin dall'inizio e siamo onorati che una piccola tenuta di famiglia dall'estremità meridionale dell'Africa sia in grado di distinguersi tra tutte quelle tenute internazionali che producono oli extra vergini d'oliva da generazioni. Ci tiene in gioco per produrre continuamente olio extra vergine di oliva di alta qualità anno dopo anno. "


6 aprile 18:49 UTC

Costas Vasilopoulos riporta da Atene

I produttori di Creta e del Peloponneso rappresentano finora la Grecia nei primi risultati del 2022 World Olive Oil Competition, aver vinto 5 premi (3 ori e 2 argenti) nel concorso di qualità dell'olio d'oliva più prestigioso al mondo.

Molti altri olive oil proi territori produttori del Paese, tuttavia, hanno già consolidato una pluripremiata tradizione nel concorso.

L'isola di Lesbo nel Mar Egeo, Corfù e Cefalonia nel Mar Ionio, la Grecia centrale, la Calcidica e l'area di Makri nel nord della Grecia, tra gli altri, hanno avuto successo con i loro eccellenti EVOO nelle precedenti edizioni, e i produttori concorrenti di queste aree sono ansiosi di vedere se trionferanno anche quest'anno.


6 aprile 17:30 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Quattordici Gold Awards in sette anni sono stati raccolti da due oli extra vergini di oliva prodotti da Rafael Alfonso Aguilera vicino al bellissimo deserto di Tabernas, in Spagna.

Il monovarietale Oro del Desierto Picual e l'Oro del Desierto Organic Coupage si fondono ciascuno ha vinto un nuovo Gold Award Al 2022 NYIOOC.

Tanto sole, temperature costanti e una rapida estrazione al momento della raccolta, sono gli ingredienti principali del monovarietale Picual vincente le cui sensazioni gustative regalano fiori, banana, carciofo, mandorla ed erbe aromatiche.

La posizione unica nel deserto fa da cornice all'approccio biologico e sostenibile dell'azienda all'agricoltura e all'extravergine di alta qualità olive oil produzione.

"Un'adeguata gestione dell'oliveto necessita di cure per ottenere una corretta fertilità, produzione e mantenimento dell'ambiente, ottenendo anche un prodotto privo di chimica ", ha affermato l'azienda dopo aver appreso della loro lunga serie di vittorie al World Olive Oil Competition.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Un tour in bicicletta al Castello Monte Vibiano Vecchio

Amanti della natura e del cibo, viaggiatori, escursionisti, motociclisti...

6 aprile 15:14 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

Il profondo legame tra la bellezza del territorio e la qualità dei prodotti è ormai un dato di fatto.

Negli ultimi decenni, la consapevolezza è cresciuta tra gli agricoltori italiani che solo un ambiente salubre può produrre un ottimo olio extravergine di oliva. Questa realizzazione ha promosso un circolo virtuoso in cui la tutela dell'ambiente, compreso il suo patrimonio storico e naturale, e il miglioramento delle caratteristiche sensoriali e nutrizionali dei prodotti vanno di pari passo.

Si consideri, ad esempio, Nino Centonze, il cui podere nella Valle del Belice della Sicilia occidentale conserva reperti archeologici risalenti all'800 aC. O, Tamia nella Tuscia, che costeggia l'antico sentiero di pellegrinaggio noto come Via Francigena. ora Kali Toscano IGP Biologico – il primo olio extravergine di oliva toscano a ricevere a Premio d'Oro a 2022 NYIOOC – che viene prodotto proprio accanto alle splendide spiagge della Toscana.

"Crediamo da sempre che la vera qualità possa venire solo da un ambiente sano”, ha affermato Lorenzo Fasola Bologna, produttore umbro dietro il pluripremiato Castello Monte Vibiano Vecchio. "Abbiamo il privilegio di vivere in una terra così bella che la nostra missione è valorizzarla e preservarla”.

La Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo include a Sezione Turismo — un luogo felice per gli amanti della natura e del cibo lungimiranti, i viaggiatori, gli escursionisti e i ciclisti che troveranno il migliori oli extra vergine di oliva e le straordinarie esperienze ad esse collegate.


6 aprile 13:15 UTC

Daniel Dawson riporta da Montevideo

Un Gold Award per L'azienda vinicola della famiglia Škegro marca KRS significa che la Bosnia ed Erzegovina sono sulla mappa di NYIOOC vincitori per il quinto anno consecutivo. Funzionari e produttori locali dell'Erzegovina sperano che i loro risultati stimoleranno la nascente industria dell'olio d'oliva della regione.

Mentre i risultati del Day 3 continuano a rivelarsi, 46 premi sono già stati assegnati a produttori di nove paesi e altri costantemente verranno annunciati nel corso delle prossime settimane.


Quarantasei e oltre...

6 aprile 13:12 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Finora sono stati rivelati solo 46 vincitori. Se la percentuale di successo è coerente con quella recente NYIOOC conteggi, possiamo aspettarci che nelle prossime settimane verranno annunciati fino a 800 premi in più in questo, il più grande concorso di olio d'oliva di sempre.


6 aprile 11:36 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Nei primi risultati, i produttori neozelandesi hanno preso il volo portando a casa due Gold e un Silver Award. Blue Earth Olive Oil e Totara Tunnel hanno vinto rispettivamente i Gold Awards per la loro miscela media e Frantoio medio. Kapiti Olives è stata premiata con un Argento per la sua delicata miscela.


6 aprile 11:32 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Produttore tunisino Olivko ha reso orgoglioso il paese nordafricano vincendo cinque premi per i suoi oli biologici. L'azienda è stata premiata con Golds per il suo Chetoui robusto, Chemlali medio e Cultivar Wild medio e Silver Awards per il suo Chetoui delicato e Chetoui medio.


6 aprile 11:28 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Palazzo di Varignana ha iniziato a produrre olio extravergine di oliva di alta gamma solo di recente, nel 2017, e ora, e per il secondo anno consecutivo, è biologico Stiffonte ha vinto un Gold Award al 2022 NYIOOC. Questo monovarietale di Correggiolo è commosso dalla particolare intensità del suo sapore speziato e amaro con note di carciofo, eucalipto e mandorla.

Le drupe di Correggiolo sono facilmente riconoscibili dalle popolazioni dell'Emilia-Romagna del nord Italia in quanto sono caratterizzate da una forma tipicamente asimmetrica e allungata. Man mano che maturano, i frutti di Correggiolo assumono una patina parzialmente nera illuminata da riflessi violacei.

Palazzo di Varignana è stato premiato con altri due Gold Awards per le sue miscele, Miscela Verde e Miscela Blu, che ha impressionato il NYIOOC giudica con le loro note floreali e fruttate.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Foto: Ylenia Granito

I produttori della Capitale aspettano con ansia i risultati

5 aprile 17:05

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

I produttori del Lazio, la regione del centro Italia sede della capitale Roma, seguono con impazienza la presentazione dei vincitori del 2022 NYIOOC. La loro crescente partecipazione nel tempo al World Olive Oil Competition ha corrisposto ad un numero sempre crescente di riconoscimenti e ad a presenza più forte anno dopo anno sulla scena mondiale.

Essendo passati da 9 Gold Awards ottenuti collettivamente nel 2020 a 12 Gold Awards nel 2021, le loro aspettative per l'edizione in corso sono alte.

La regione ha un territorio bello e vario, dalla montagna al mare, compresi i laghi vulcanici. Ciò si riflette in una ricca biodiversità olivicola che, a sua volta, viene esaltata dagli agricoltori attraverso eccezionali oli extravergini di oliva.

Tra i tanti, troviamo il blend A1980 prodotto da Alessandra Nicolai sul Lago di Bolsena, l'assortimento di monovitigni e blend prodotti a Vetralla da Francesca Boni presso la tenuta Traldi, la Sabina DOP e la nuova Roma IGP del Frantoio Narducci, e i monovarietali prodotti da Lucia Iannotta nella zona delle Colline Pontine.

Spaziando dalle erbacee della varietà Caninese alle note di pomodoro di Itrana, passando per i sentori floreali della Salviana, quest'anno saranno in mostra i migliori oli extravergini di oliva della regione Guida ufficiale.


5 aprile 14:45 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Per la quarta volta consecutiva, Agri Olive Shodoshima ha vinto un premio al NYIOOC con uno dei suoi monovarietali: Mission. Proviene da un'isola giapponese incastonata nel mare interno di Seto, dove i venti e le piogge nutrono alcuni degli ulivi più belli e fruttiferi del paese.

Molti credono che qui siano stati coltivati ​​i primi ulivi giapponesi poiché l'isola è benedetta da un clima di tipo mediterraneo, che la rende una culla ideale per l'olivicoltura.

Questo è uno dei motivi alla base della produzione di EVOO di alta qualità AOS, ma l'azienda cita anche un approccio sostenibile all'olivicoltura e alla concimazione fatta con acqua di oliva e compost ottenuti dalla fermentazione dei rami d'ulivo potati dei frutteti.

La cultivar Mission, ampiamente conosciuta in California, mantiene il suo alto contenuto di polifenolici sull'isola di Shodo e bilancia quello con una sensazione gustativa dominante di carciofo.


5 aprile 14:01 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Tre bottiglie eleganti, tre blend, tre 2022 NYIOOC Premi d'oro per Farchioni Olii oli extravergine di oliva, provenienti dall'Umbria, la regione del centro Italia rinomata per la sua cucina unica.

Racchiuso in un contenitore alla moda con il tappo bianco, è andato a un Gold Award Olivicoltura Eroica or coltivazione eroica, così chiamato in quanto deriva da ulivi secolari coltivati ​​su pendii e terrazze scoscesi e difficilmente raggiungibili.

Quegli alberi non sono solo difficili da mantenere e curare, ma sono anche testimoni del tempo in un paesaggio mozzafiato, un luogo ideale per un'azienda che iniziò a produrre olio d'oliva nel 1780.


5 aprile 10:57 UTC

Lisa Anderson da Cape Town

Quest'anno sarà l'esibizione più forte di Israele al NYIOOC World Olive Oil Competition finora?

produttore israeliano Kerem Zait è stato premiato con due ori, ricevendo in un giorno il maggior numero di premi che il paese mediorientale abbia mai ricevuto ogni anno NYIOOC. Se c'è di più per Israele al concorso di quest'anno, incoraggerà più produttori israeliani a introdurre i loro oli nell'arena globale?

Finora la maggior parte del petrolio israeliano è stato prodotto per il consumo interno.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Ganga Lupo

Il primo premio arriva in Puglia con GangaLupo

4 aprile 23:53

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

"Vincere il quarto Gold Award consecutivo ci rende orgogliosi e ci dice che stiamo andando costantemente nella giusta direzione", ha detto Vito Girone non appena ha visto il suo Ganga Lupo monovarietale di Coratina sul ufficiale NYIOOC sul risultato.

Il successo del produttore pugliese segue un forte impegno per la qualità. La sua azienda di famiglia gestisce un boschetto di 22 ettari situato nella zona costiera pianeggiante di Santo Spirito, a nord di Bari. I frutti di 5,000 piante di Coratina vengono raccolti al momento opportuno e poi frantumati in un mulino di ultima generazione. Grande cura è dedicata all'ottenimento dell'eccezionale profilo sensoriale del monovarietale.

"L'ultima campagna olivicola è stata complessa a causa della siccità ", ha sottolineato Girone. "È stata dura, ma alla fine siamo riusciti a superare questo problema e ad ottenere un ottimo prodotto. Ora siamo ancora più soddisfatti di come abbiamo affrontato le sfide che abbiamo dovuto affrontare e intendiamo continuare il nostro lavoro con la stessa determinazione”.


4 aprile 23:36 UTC

Costas Vasilopoulos riporta da Atene

Ci sono voluti solo pochi istanti per Alexis Karabelas AMG Karabelas con cui condividere il suo entusiasmo Olive Oil Times dopo aver ricevuto due Gold Awards al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition.

"La nostra gioia è immensa", ci ha detto Karabelas. "Vincere a NYIOOC è il culmine della stagione della raccolta e il massimo riconoscimento del nostro duro lavoro. È stata una stagione impegnativa con cinque mesi di siccità e temperature estreme che hanno rappresentato sfide significative per i coltivatori, ma alla fine abbiamo raggiunto ciò che ci eravamo prefissati: produrre i nostri EVOO di qualità premium".

Un partecipante per la prima volta a NYIOOC World Olive Oil Competition, AMG Karabelas ha fatto un debutto impressionante con una percentuale di successo del 100 percento: l'azienda ha ricevuto due Gold Awards da due voci: la sua Laurel & Flame Fresh da olive precoci della varietà locale Tsabidolia e la Laurel & Flame Olympia IGP, una miscela premium a base di l'onnipresente Koroneiki e la varietà Kolireiki.

La famiglia Karabelas sono olivicoltori e produttori di quarta generazione, che coltivano 5,000 ulivi a conduzione familiare nella fertile terra dell'antica Olimpia nel Peloponneso occidentale.

Lavorano le loro olive nel loro frantoio all'avanguardia che hanno chiamato "The Olive Temple", ed è stato progettato da Alexis e suo fratello Francesco.

"È solo la seconda stagione in cui il nostro nuovo mulino è operativo e la nostra prima partecipazione in assoluto NYIOOC, ma ne abbiamo colpiti due su due", ha detto Karabelas. "Torneremo per saperne di più".


Svelato il primo vincitore d'Italia: Rastrello dall'Umbria

4 aprile 17:37 UTC

Ylenia Granitto in cronaca dalla Roma

"È un tale onore ricevere l'oro quest'anno", ha detto Christiane Wassmann Olive Oil Times pochi istanti dopo aver appreso la notizia del Gold Award ottenuto al World Olive Oil Competition.

La quintessenza della biodiversità olivicola del Lago Trasimeno – Moraiolo, Frantoio, Leccino, Pendolino, Dolce Agogia, Rosciola dell'Umbria e Nero di Panicale – è espressa da Rastrello Unifamiliare, il primo olio extravergine italiano ad essere premiato dal vivo nutriti della Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo.

Rastrello unisce uliveti biologici di 1,300 piante e un boutique hotel nel Palazzo Grossi di Panicale, in Umbria, risalente a 500 anni fa.

È un'azienda a conduzione familiare che gestisce sia i propri terreni che le strutture ricettive secondo principi di sostenibilità. Hanno implementato sistemi di riutilizzo e risparmio delle risorse, nonché metodi di coltivazione che impiegano pratiche a basso impatto.

"Dopo tanto duro lavoro e dedizione nel cercare di rendere possibile l'olio extra vergine di oliva della massima qualità, è molto gratificante ricevere questo riconoscimento ", ha aggiunto Wassmann. "Sembra che siamo un passo più vicini a rendere la nostra zona del Lago Trasimeno più famosa per la nostra eccellenza nella qualità nell'arena globale dell'olio extra vergine di oliva.


4 aprile 17:35 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Mancano poche ore al 2022 NYIOOC risultati del lancio, le fattorie stanno già mostrando come l'ospitalità si mescola con EVOO di qualità superiore.

Il termoprotettore "L'azienda agricola Le Balze di Fontisterni ha appena ricevuto un Silver Award per le sue Balze biologiche, una miscela di varietà di olive Moraiolo (70%), Leccino (20%) e Frantoio (10%) - tre rinomate cultivar che il produttore raccoglie a mano.

Balze è un piccolissimo produttore biologico i cui ulivi sono sparsi su due ettari delle bellissime colline toscane vicino a Firenze.

Balze utilizza i suoi EVOO per caratterizzare i pasti offerti agli ospiti. "Il moraiolo, con le sue note leggermente amare di carciofo, melanzana e pepe, sarà esaltato da una ribollita toscana, fegato arrosto e cavolo nero, o tortelli al ragù”, scrive lo chef del Balze.


Gli EVOO della California già in mostra nei primi risultati

4 aprile 17:31 UTC

Paolo DeAndreis riporta da Roma

Gli EVOO della California già in mostra nei primi risultati. Il Fiorello Olive Oil Company ha appena ottenuto due Silver Awards e un Gold per il suo Moraiolo, un monovarietale di media intensità da una delle cultivar toscane più amate. In California questo significa assaporare sensazioni di erbe, mandorla, noce, carciofo ed eucalipto, il NYIOOC hanno notato i giudici.

L'azienda ha vinto i Silver Awards per Pendolino e Frantoio, altri due monovarietali realizzati dal produttore californiano che si prende cura di 13 diverse cultivar nei suoi frutteti di Green Valley e Suisun Valley.


4 aprile 13:06

Daniel Dawson riporta da Montevideo

AMG Karabelas è il primo produttore greco ad essere premiato al 2022 NYIOOC. I produttori di Olympia hanno vinto un Gold Award per il suo marchio Laurel & Flame Fresh, un monovarietale medio di Botsikoelia.

Nel frattempo, Rastrello è diventato il primo produttore italiano a rivendicare la vittoria all'edizione 2022 della più grande competizione mondiale di olio d'oliva. I produttori umbri si sono aggiudicati il ​​Gold Award per il marchio Unifamiliare, un blend medio biologico da olive Moraiolo, Frantoio, Leccino, Pendolino, Dolce Agogia, Rosciola dell'Umbria e Nero di Panicale.


I produttori croati attendono con impazienza i risultati, si aspettano un anno record

4 aprile 13:04 UTC

Nedjeljko Jusup riporta da Zara

Gli olivicoltori e i produttori di olio dell'Istria e della Dalmazia sono soddisfatti di quanti campioni di olio extravergine di oliva hanno presentato al NYIOOC World Olive Oil Competition quest'anno e attendo con ansia i risultati.

L'anno scorso, i produttori croati hanno ottenuto 87 premi al NYIOOC. Quest'anno, molti sono convinti che almeno eguaglieranno i risultati dell'anno scorso e, si spera, li supereranno.

"Dimostreremo di avere la produzione da boutique della più alta qualità al mondo", ha affermato Ivica Vlatković, un precedente NYIOOC vincitore. "Non abbiamo il maggior numero di uliveti al mondo, ma ciò che produciamo e mettiamo in bottiglia è di altissima qualità”.


E il primo premio va a...

4 aprile 12:01 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Tra i produttori di 27 paesi che hanno registrato oltre 1,400 marchi nel World Olive Oil Competition, qualcuno doveva essere il primo.

Oggi a mezzogiorno (UTC) quando sono stati svelati i primi risultati sul feed live del Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo, era il Società cooperativa olivicola Valdepeñas (Colival) che, per loro Arbosana monovarietale, si sono guadagnati il ​​primo dei premi più ambiti del settore per l'anno, ripetendo il loro Gold Award nel 2021.

"Siamo assolutamente convinti che la qualità sia il nostro segno distintivo, anche se il percorso è difficile, faticoso ea volte poco riconosciuto dal settore, e si pensa che tanta fatica non valga la pena. Ma proprio quella continuità, raccolto dopo raccolto, l'ottenimento della qualità è ciò che ci rende qui oggi", ha affermato sul suo sito web l'azienda, che ha sede nel comune di Valdepeñas, nella provincia spagnola di Ciudad Real.


3 aprile 23:56 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Mancano poco meno di 12 ore prima che i primi vincitori del premio vengano rivelati sul Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo. I primissimi risultati inizieranno a essere disponibili domani (4 aprile) alle 12:00 (UTC).

Sarà la presentazione più lunga di sempre per il World Olive Oil Competition, con i risultati di oltre 1,250 voci provenienti da 28 paesi rilasciati in tempo reale man mano che i risultati delle giurie sono certificati. Il lancio dovrebbe continuare fino a maggio.


risultati-concorso-mondiale-di-oliva-live-aggiornamenti-tempi-di-olio-d-oliva

Olive Koroneiki

Quale varietà di oliva appare di più NYIOOC Voci 2022? Koroneiki

1 aprile 14:25 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Tra i 1,267 oli extravergine di oliva entrati nel 2022 World Olive Oil Competition, contengono più olio di olive Koroneiki rispetto a qualsiasi altra varietà, hanno sottolineato gli organizzatori del concorso, seguiti da Picual, Arbequina, Frantoio, Leccino e Coratina. Esistono infatti 151 varietà di olive (o cultivar) rappresentato nei monovarietali e nelle miscele in competizione per il premio più ambito dell'industria dell'olio d'oliva quest'anno.

NYIOOC Il capo panel Kostas Liris ha spiegato che il Koroneiki è spesso indicato come il pacificatore. "Il livello relativamente basso di amarezza e piccantezza e il carattere morbido rendono questa varietà una base ideale per costruire un ottimo olio d'oliva ", ha affermato, "mentre la quantità relativamente elevata di polifenoli della varietà aiuta a mantenere la qualità nel tempo”.


La registrazione si chiude con 1,267 voci, battendo il record precedente

1 aprile 12:47 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Registrazione per 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition chiuso oggi a mezzogiorno (UTC), pochi giorni prima della pubblicazione dei primi risultati sul Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo.

I produttori di 28 paesi hanno registrato 1,267 marchi, superando la partecipazione record dello scorso anno di 1,171.

I primi risultati dell'edizione 2022 saranno pubblicati lunedì 4 aprile e continueranno fino a quando ogni voce presentata sarà stata giudicata e certificata, a volte a maggio.


30 marzo 19:19 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Poiché le iscrizioni continuano ad arrivare, l'Italia è in testa con 213 marchi presentati finora. Le iscrizioni dalla Spagna sono 167. Ci sono già il 20 percento in più di iscrizioni (132) dagli Stati Uniti rispetto allo scorso anno, 140 dalla Grecia, 112 dalla Turchia, 110 dalla Croazia e 59 dal Portogallo in questi ultimi giorni di registrazione aperta. Sono rappresentati ventisette paesi.


L'incertezza globale torna a fare da sfondo NYIOOC

30 marzo 15:30 UTC

Daniel Dawson riporta da Montevideo

Ancora una volta, la NYIOOC World Olive Oil Competition prende il via in un contesto di incertezza globale.

Nel 2020, la più grande competizione mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva è passata rapidamente a un formato di giudizio a distanza mentre la pandemia di Covid-19 ha inghiottito il mondo. Quest'anno, la guerra in Ucraina e l'incertezza sul futuro dell'Europa saranno nelle menti di molti produttori in trepidante attesa dei risultati della competizione la prossima settimana.

"Siamo ottimisti sul fatto che il mondo sia concentrato su una competizione per l'olio d'oliva ", ha affermato Hadas Lahav, CEO di Sindyanna of Galilee.

I produttori arabo-israeliani guidati da donne hanno vinto un Silver Award al 2021 NYIOOC e hanno presentato due oli extra vergini d'oliva all'edizione di quest'anno del concorso, ha affermato Lahav. Vuole vincere più premi, ma si rende conto che alcune cose sono più importanti.

"Tutti coloro che ora stanno combattendo per un mondo migliore, contro la guerra, tutto ciò che non è spargimento di sangue e violenza è buono, sono assolutamente ottimisti”, ha affermato. "Facciamo gare per l'olio d'oliva e non guerre".


30 marzo 14:06 UTC

Personale OOT che riporta da New York

Il termoprotettore NYIOOC ha affermato oggi che sarà un altro anno da record in termini di numero di iscrizioni alla più grande competizione mondiale di olio d'oliva, con richieste superiori a 1,200 e chiusura delle registrazioni venerdì.


Il primo NYIOOC i risultati verranno trasmessi lunedì, dicono gli organizzatori

30 marzo 12:26 UTC

Personale OOT che riporta da New York

NYIOOC gli organizzatori hanno affermato che i primi risultati dell'edizione 2022 saranno pubblicati lunedì 4 aprile e continueranno fino a quando ogni voce presentata sarà stata giudicata e certificata, a volte a maggio.

"Per dare ai produttori più tempo per pubblicizzare i loro risultati e spostare l'inventario, ora pubblicheremo i risultati non appena arriveranno, invece di aspettare che tutte le voci siano state giudicate", hanno affermato. Le iscrizioni al concorso di quest'anno si chiuderanno il 1 aprile.

I marchi vincitori saranno svelati sulla Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo e in sezioni speciali di Olive Oil Times.


Questa è una storia in evoluzione. Controlla di nuovo per gli aggiornamenti. (18 maggio 14:24 UTC)


Più NYIOOC Copertura

Man mano che arrivano i risultati, controlla questa pagina per gli aggiornamenti degli autori di OOT in tutto il mondo e trova maggiori informazioni attraverso i link sottostanti.