`La Grecia aggiunge ancora una volta le olive Kalamata all'elenco nazionale delle varietà vegetali - Olive Oil Times

La Grecia aggiunge ancora una volta le olive Kalamata all'elenco nazionale delle varietà vegetali

Settembre 21, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

In Grecia, il termine olive Kalamata è stata nuovamente iscritta nell'elenco nazionale delle varietà vegetali come sinonimo della cultivar Kalamon.

Ancora una volta, i produttori di tutto il paese possono usare il nome Kalamata per il loro Kalamon olive da tavola. Storicamente, il termine Kalamata è stato riservato all'uso delle olive Kalamon prodotte in Messenia e Laconia nella penisola del Peloponneso meridionale.

A Decreto ministeriale 2018 originariamente consentiva che il termine fosse usato in modo più ampio per le olive Kalamon in tutto il paese. Tuttavia, il decreto è stato revocato dall'art corte suprema del paese lo scorso giugno dopo un ricorso dei produttori messinesi per presunto uso improprio del termine legalmente tutelato 'Calamata.'

Vedi anche:La siccità, il caldo ha colpito la raccolta delle olive da tavola in Spagna

"[La corte suprema ha abrogato la decisione del 2018] in quanto non legalmente giustificato per mancanza di un giudizio tecnico essenziale degli organi competenti", ha affermato il ministero in un comunicato stampa. "Il ministro Georgios Georgantas si è mosso per riemettere la decisione dopo la raccomandazione positiva del competente Comitato tecnico per i materiali di propagazione”.

"Il ministero sostiene la DOP/IGP [Denominazione d'origine protetta e Indicazione geografica protetta] e tutti gli altri prodotti iconici del nostro paese", ha aggiunto il comunicato. "Promuovono la Grecia nei mercati internazionali e contribuiscono in modo decisivo al nostro obiettivo di identificare i prodotti greci con qualità, alto valore nutritivo e il nostro patrimonio culturale”.

pubblicità

I produttori di olive Kalamon nel paese possono ora commercializzare le loro olive come 'Olive Kalamata,' in modo simile alle loro controparti nella regione della Messenia.

I produttori messiniani possono invece utilizzare l'etichetta della Denominazione di Origine Protetta, che l'Unione Europea ha attribuito alle olive Kalamon di origine messinese nel 1996.

Tuttavia, la abisso tra i produttori di Kalamon con sede in Messenia e le loro controparti nel resto del paese rimangono.

"Il decreto ministeriale normalizza il mercato interno delle olive in una stagione in cui è prevista una produzione record nel paese ", hanno affermato in una dichiarazione congiunta cinque associazioni di olive da tavola di tutto il paese.

"I produttori di olive greci hanno investito molto in capitale vegetale, attrezzature e strutture negli ultimi decenni per produrre un prodotto di qualità di cui oltre l'80% viene esportato sotto il nome 'Olive Kalamata'", hanno aggiunto.

Tuttavia, i produttori e le autorità locali in Messenia hanno protestato contro la liberalizzazione del termine 'Kalamata", affermando che gli olivicoltori dall'estero potrebbero usurparlo.

"Il decreto ministeriale consente ai coltivatori di olive Kalamon in qualsiasi parte del pianeta di commercializzare le loro olive nell'Unione europea e laddove l'Unione ha accordi [commerciali] rilevanti sotto il nome di Kalamata ", hanno affermato in un annuncio dopo l'incontro per discutere la situazione.

" 'La denominazione di origine di Kalamata è protetta dalla legislazione greca ed europea", hanno aggiunto. "È un bene immateriale dei produttori ed è legato ad altri due prodotti che portano il nome della città di origine, il Kalamata DOP olio extravergine d'oliva e il Kalamata IGP ouzo.

Secondo alcune stime, la produzione di olive da tavola in Grecia quest'anno, tra cui la Kalamon/Kalamata e altre varietà di olive da tavola come la Halkidiki e Amfissas, dovrebbe ammontare a circa 223,000 tonnellate, con un aumento del 35 per cento rispetto all'annata precedente.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti