Sentenze del tribunale greco a favore dei produttori di olive della Messenia

La corte ha stabilito che solo i produttori messeni possono utilizzare il termine "Olive Kalamata" per commercializzare le loro olive Kalamon.
Messinia, Peloponneso, Grecia
Giu. 22, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Il Consiglio di Stato greco, il tribunale amministrativo supremo del paese, ha stabilito che solo i produttori di Kalamon olive da tavola nella regione della Messenia, nel Peloponneso sudoccidentale, hanno il diritto di commercializzare le loro olive sotto il 'Marchio di Kalamata.

Il tribunale ha abrogato il decreto ministeriale del 2018, che aveva aggiunto il termine 'Olive Kalamata/Elia Kalamatas' nell'elenco nazionale greco delle varietà vegetali come sinonimo della cultivar Kalamon.

Siamo soddisfatti perché le nostre affermazioni iniziali sull'utilizzo del nome Kalamata sono state confermate dalla decisione del tribunale.- Yiannis Pazios, SYMEPOP

Il decreto ha consentito ai produttori greci di olive della varietà Kalamon con sede al di fuori della Messenia di promuovere le loro olive come 'Olive Kalamata', ottenendo riconoscimenti tra i consumatori globali.

D'altra parte, le loro controparti messiniane hanno continuato a commercializzare le loro olive Kalamon sotto il 'Il marchio Kalamata Olives e ha mantenuto il vantaggio aggiuntivo del Denominazione d'origine protetta etichetta, che è stata attribuita alle olive di origine messinese dall'Unione Europea nel 1996.

Vedi anche:I produttori greci si godono un altro spettacolo trionfante nella competizione mondiale

Nella sua decisione, la Corte Suprema ha anche affermato che i produttori greci di olive Kalamon al di fuori della Messenia devono utilizzare il 'Termine di Kalamon' accompagnato dal luogo di origine per commercializzare le proprie olive.

La causa era al vaglio del tribunale da oltre due anni dopo il ricorso di SYMEPOP, l'associazione a sostegno dei produttori di olive DOP della Messenia, contro il decreto ministeriale.

pubblicità

Nel ricorso, l'associazione ha sostenuto che l'art Regolamento della Commissione 1151/2012 relativa ai prodotti DOP vieta qualsiasi uso diretto o indiretto di un nome registrato a fini commerciali. Nel caso specifico, il termine protetto 'Kalamata' era stato usato come sinonimo della varietà.

I produttori messeni hanno anche affermato che lo avrebbe fatto il decreto del ministero dell'Agricoltura greco consentire ai produttori di olive in qualsiasi parte del mondo per promuovere le loro olive Kalamon con il marchio 'Calamata.'

"Con l'ordinanza ministeriale del 2018, lo stesso stato aveva legalizzato le olive della varietà Kalamon prodotte in qualsiasi parte del mondo per essere commercializzate come olive Kalamata ", ha detto Yiannis Pazios di SYMEPOP Olive Oil Times. "Siamo soddisfatti perché le nostre affermazioni iniziali sull'utilizzo del nome Kalamata sono state confermate dalla decisione del tribunale".

"Allo stesso tempo, siamo delusi perché abbiamo perso molto tempo in attesa del giudizio della corte su un prodotto che necessita di una strategia promozionale da elaborare il prima possibile”, ha aggiunto. "Lo Stato e le associazioni interprofessionali finora non sono riuscite a farlo”.

Pazios ha anche suggerito che tutte le parti si stabiliscano su una soluzione comunemente accettata.

"Riteniamo che la decisione del tribunale offra l'opportunità a tutte le parti interessate, produttori, esportatori, associazioni olivicole e allo stato greco di trovare un terreno comune e elaborare un piano nazionale per le nostre olive ", ha affermato. "Naturalmente, la soluzione deve rientrare nel quadro normativo e scientifico esistente".

Tra le altre varietà di olive da tavola, le olive Kalamon sono coltivate in diverse regioni della Grecia con una produzione media annua di circa 60,000 tonnellate. La resa di quest'anno, tuttavia, dovrebbe scendere a circa 50,000 tonnellate per l'intero paese.

Vedi anche:Slip di importazione di olio d'oliva e olive da tavola

La più grande regione produttrice di olive Kalamon del paese è l'Aetolia-Acarnania nella Grecia occidentale, con una produzione annuale che di solito supera le 25,000 tonnellate.

Altri produttori significativi sono le regioni di Laconia e Fthiotida, con un raccolto compreso tra 10,000 e 15,000 tonnellate e 6,000 a 10,000 tonnellate di olive, rispettivamente, mentre la produzione di Messenia ammonta a 2,500 a 3,000 tonnellate all'anno.

Circa l'80 percento della produzione di olive Kalamon/Kalamata del paese viene esportato con un valore superiore a 200 milioni di euro.

I produttori non messinesi di olive Kalamon hanno protestato contro la sentenza del Consiglio di Stato, sostenendo che il settore olivicolo del paese sarebbe stato gravemente colpito.

"Dobbiamo tutti capire che dopo la decisione del tribunale, nessun impianto [di produzione di olive da tavola] in Grecia o in Europa può esportare olive con il nome 'Kalamata Olives è separata da [piante situate in] Messenia", hanno affermato cinque associazioni agricole di tutto il paese in una dichiarazione congiunta.

"Viceversa, altri paesi extra UE (Egitto, Turchia, Marocco e Cile) possono esportare liberamente le proprie olive come 'Olive Kalamata'", si legge ulteriormente nella dichiarazione.

Le associazioni hanno anche chiesto al Ministero dell'Agricoltura di intervenire e fornire una soluzione alla questione della denominazione Kalamata.

"Altrimenti, un divario di 80,000 tonnellate nei mercati mondiali sarà coperto da [olive Kalamon di] altri paesi ", hanno affermato.

Al momento della pubblicazione, l'organizzazione interprofessionale nazionale greca delle olive da tavola (DOEPEL) non aveva risposto a una richiesta di Olive Oil Times per commentare la sentenza del tribunale.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti