`I produttori greci rifiutano le restrizioni sull'uso di "Kalamata" sulle olive da tavola - Olive Oil Times

I produttori greci rifiutano le restrizioni sull'uso di "Kalamata" sulle olive da tavola

Giu. 5, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

L'associazione interprofessionale nazionale greca delle olive da tavola (Doepel) ha respinto il sentenza del Consiglio di Stato del Paese, che stabiliva che solo i produttori di olive della varietà Kalamon con sede in Messenia potevano usare il termine 'Kalamata Olives' per commercializzare le proprie olive.

Il tribunale ha abrogato l'a decreto ministeriale del 2018, che aveva effettivamente consentito ai produttori di olive Kalamon di tutta la Grecia di promuovere anche le loro olive Kalamon sotto il 'nome di Kalamata, simile alle loro controparti in Messenia.

La decisione della corte mette in pericolo il futuro commerciale dell'esportazione di prodotti agricoli primari del paese.- Doepel, 

"In merito alla decisione 1149/2022 del Consiglio... il consiglio di amministrazione del Doepel nazionale... esprime il proprio disappunto per non aver preso in considerazione le devastanti conseguenze registrate e gli incommensurabili danni inflitti ai produttori, produttori ed esportatori greci di olive da tavola", l'interprofessionale ha scritto in a lettera inviato a Olive Oil Times

"La decisione del tribunale mette in pericolo il futuro commerciale della principale esportazione di prodotti agricoli del Paese, esportata dal 1930 in quantità che superano le 73,000 tonnellate e un valore che supera i 220 milioni di euro all'anno”, ha aggiunto l'interprofessionale.

Vedi anche:I vincitori del premio in Grecia discutono di una stagione febbrile prima di un raccolto abbondante

Doepel ha affermato che le esportazioni greche di olive da tavola Kalamon / Kalamata dovrebbero aumentare a 120,000 tonnellate all'anno a causa del numero crescente di nuovi ulivi piantati, principalmente nelle regioni di Etolia-Acarnania, Laconia e Fthiotida.

L'interprofessionale ha anche analizzato le ragioni per cui respinge la decisione del tribunale e la considera dannosa per il settore delle olive da tavola del Paese.

pubblicità

"Le società esportatrici greche, comprese quelle con sede in Messenia, sono destinate al disastro [dopo la sentenza del tribunale] poiché saranno bloccate dai mercati internazionali dove i loro prodotti sono conosciuti con il nome della varietà 'Olive Kalamata'", hanno scritto.

"Anche i produttori di olive della varietà specifica, in particolare quelli in Aetolia-Acarnania, Laconia e Fthiotida, che rappresentano il 90 percento [della produzione nazionale complessiva], sono diretti verso un vicolo cieco ", ha aggiunto l'interprofessionale.

L'associazione ha affermato che si sarebbe formata una lacuna nel mercato internazionale delle olive a causa dell'incapacità dei produttori greci di esportare le loro olive Kalamon/Kalamata, con la possibilità che altre nazioni produttrici di olive da tavola riempissero l'apertura.

"Un prodotto greco non può essere esportato sui mercati internazionali, mentre i paesi terzi che hanno ottenuto campioni di olivo dalla Grecia possono esportare liberamente le proprie olive come 'Olive Kalamata", hanno scritto.

L'associazione ha aggiunto che altri paesi, tra cui Egitto, Turchia, Perù, Australia e Sud Africa, assumeranno il comando in grandi mercati come gli Stati Uniti e il Canada, che rappresentano il 35 percento delle esportazioni di olive greche Kalamon/Kalamata.

Inoltre, Doepel ha affermato che la promozione delle olive Kalamon prodotte al di fuori della Messenia come 'Le olive di Kalamata non influiscono in alcun modo sul successivo guadagno extra dei produttori messiniani dal Denominazione d'origine protetta marchio di qualità che portano le loro olive.

"I produttori e gli esportatori di Messenia possono commerciare le loro olive in base all'accreditamento che hanno ricevuto, che delimita anche la posizione geografica del prodotto ", si legge nella lettera.

Nel 1996 è stata approvata dall'Unione Europea una certificazione DOP per le olive Kalamon prodotte esclusivamente nella regione della Messenia.

"Le esportazioni delle olive Kalamon/Kalamata, iniziate nel 1930, hanno preceduto da tempo l'accreditamento delle olive di origine messinese con il 'L'etichetta DOP Elia Kalamatas", ha affermato l'associazione.

L'interprofessionale ha anche scritto che lo stato greco è diventato parte della situazione di stallo "costringendo gli esportatori di olive del paese nel 1954 a etichettare le loro olive Kalamon come 'Kalamata' e registrando erroneamente il nome di una varietà di olive [Kalamata] come DOP senza considerare le ripercussioni.

D'altra parte, i produttori messiniani sostengono che la sentenza del tribunale li ha collocati nella loro giusta posizione nel settore delle olive da tavola del paese.

"Con l'ordinanza ministeriale del 2018, lo stesso stato aveva legalizzato le olive della varietà Kalamon prodotte in qualsiasi parte del mondo per essere commercializzate come olive Kalamata ", ha detto Yiannis Pazios di Symepop, l'associazione a sostegno dei produttori DOP della Messenia Olive Oil Times in una recente intervista.

"Siamo soddisfatti perché le nostre affermazioni iniziali sull'utilizzo del nome Kalamata sono state confermate dalla decisione del tribunale”, ha aggiunto.

L'associazione interprofessionale nazionale ha infine chiesto al governo greco di intervenire e fornire una soluzione.

"Per tutti questi motivi, chiediamo un'azione rapida da parte del Ministero dello sviluppo rurale e dell'alimentazione per proteggere i produttori, i produttori e gli esportatori del paese che rappresentano il 97% della produzione nazionale di olive Kalamon dalla situazione plasmata dalla decisione del Consiglio ", hanno scritto nella loro lettera.

"La questione con la massima priorità è non bloccare assolutamente alcuna esportazione sotto il nome 'Olive Kalamata per evitare qualsiasi confusione nei mercati globali ", hanno concluso.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti