Lo studio mette in dubbio l'accuratezza dei metodi di datazione degli olivi

Utilizzando la datazione al radiocarbonio, i ricercatori hanno concluso che un albero di 1,100 anni in Libano è l'olivo più antico del mondo. Altri esperti ritengono che il metodo potrebbe essere difettoso.

Di Paolo DeAndreis
21 marzo 2024 12:59 UTC
482

Una nuova studio pubblicato sulla rivista scientifica Dendrochronologia sta facendo scalpore nella comunità degli incontri sull’età degli ulivi.

Ricercatori provenienti da Stati Uniti, Spagna e Libano hanno concluso che un olivo nel Libano settentrionale, stimato in circa 1,100 anni, è l'olivo vivente più antico secondo la datazione al radiocarbonio.

L'aspetto maestoso di alcuni ulivi secolari trasmette sensazioni forti, e non capita spesso che anche ulivi monumentali vengano scambiati per alberi millenari.- Mauro Bernabei, dendrocronologo, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Hanno aggiunto che la maggior parte degli ulivi che si ritiene abbiano più di 1,000 anni sono stati datati in modo errato utilizzando metodi meno precisi.

"La maggior parte degli ulivi monumentali sono centenari ma non millenari, con alberi molto vecchi probabilmente limitati a siti difficili dove gli alberi mostrano tassi di crescita lenti ", hanno scritto i ricercatori.

Vedi anche:Agricoltori e funzionari in Giordania lavorano per proteggere gli ulivi millenari

Tuttavia, alcuni scienziati e storici ritengono che numerosi ulivi nel bacino del Mediterraneo siano molto più antichi. In Cisgiordania, a Creta, Sicilia or Sardegna, per citarne alcuni, si possono facilmente trovare ulivi grandi e maestosi che spesso si ritiene abbiano tra i 2,500 ed i 4,000 anni.

Le comunità locali venerano questi alberi come monumenti storici naturali. Questa venerazione è dovuta alla loro profonda e unica integrazione nel tessuto sociale, culturale, religioso ed economico delle loro regioni.

Il ruolo significativo svolto da questi straordinari alberi può influenzare un approccio non scientifico per determinarne l’età. Ad esempio, un albero di 500 anni può essere facilmente considerato molto più vecchio.

I ricercatori hanno scritto, "Le stime di età pubblicate indicano che la maggior parte delle età dei vecchi ulivi varia tra 200 e 700 anni.

Sostengono che uno dei malintesi più comuni è la dimensione degli ulivi più antichi del mondo. Tronchi grandi e larghi, chiome imponenti e rami forti che si estendono in direzioni casuali danno forma a un aspetto selvaggio e selvaggio. L'immaginazione degli spettatori sull'età di creature così impressionanti si innesca facilmente.

"L’aspetto maestoso di alcuni ulivi secolari trasmette sensazioni forti, e non capita spesso che anche gli ulivi monumentali vengano scambiati per alberi millenari”, Mauro Bernabei, dendrocronologo dell’Istituto degli alberi e del legno del Consiglio nazionale delle ricerche italiano (CNR). -IVALSA), raccontato Olive Oil Times.

"Per quasi tutti questi ulivi non è così", ha aggiunto. "Tuttavia, ciò non diminuisce in alcun modo la loro magnificenza, importanza storica o significato culturale”.

I ricercatori ritengono che gli ulivi potrebbero vivere più a lungo di qualsiasi altra specie di latifoglie. Questi alberi sono caratterizzati da foglie larghe e piatte che differiscono dalle foglie aghiformi o squamate delle conifere.

"Sappiamo di conifere che vivono fino a 4,000 anni. Il famoso Pinus Aristata del Nord America può vivere fino a 4,800 anni. Quando si tratta di latifoglie, però, gli scienziati tendono a considerare 1,000 anni come un limite approssimativo”, ha detto Bernabei. "L’olivo datato in Libano sta probabilmente raggiungendo il limite della durata della vita delle latifoglie.

"Diversi fattori determinano la dimensione di un albero”, ha aggiunto. "Esempi sono l'ambiente in cui si trova l'albero, la fertilità del terreno, l'esposizione al sole o l'altitudine della sua collocazione, ed altro ancora. Tra tutti i fattori che influenzano lo sviluppo degli ulivi, l'età è quello che lo influenza meno.

Il metodo storico per determinare l’età degli alberi – contare gli anelli nel tronco – rimane il modo più accurato per stimare l’età di molte specie.

"Ci sono citazioni di questo nella Bibbia; Leonardo da Vinci ne ha scritto; è una conoscenza antica”, ha detto Bernabei. "A tutti i bambini viene detto che la regola è uno squillo all’anno”.

pubblicità
pubblicità

Lo sviluppo di questi anelli, il loro numero e dimensione dipendono da molti fattori, tra cui le specie vegetali e il clima.

Gli anelli degli alberi consentono all'analisi scientifica di individuare con una certa precisione quanti anni sono trascorsi dalla nascita dell'albero. Di solito, un'operazione di carotaggio degli alberi può rivelare gli anelli di crescita e sostenere una stima della data credibile.

Tuttavia, il metodo non funziona per gli ulivi. "C'è un problema con l'olivo, poiché i suoi anelli non sono chiaramente visibili ", ha detto Bernabei. "Quando guardi il legno d'ulivo, puoi individuare forme scure che spesso vengono scambiate per anelli. Non sono."

Alcuni alberi longevi, come le conifere, sviluppano anelli distinti che possono essere direttamente collegati ai cambiamenti stagionali dell'inverno e dell'estate.

Molti alberi ritirano tutti i loro liquidi durante l'inverno in preparazione alle imminenti temperature sotto lo zero. Questo processo aiuta a prevenire l'espansione e il congelamento dei liquidi, che altrimenti potrebbero causare danni significativi all'albero.

Anno dopo anno, questo comportamento autoprotettivo lascia un'impronta chiara nel processo di crescita del legno e contribuisce alla formazione degli anelli.

Tuttavia, gli ulivi – piante mediterranee che prosperano in un clima più caldo – non subiscono questo processo. Invece, le stagioni secche potrebbero lasciare segni ad anello sull'olivo, che non sono particolarmente utili per determinare l'età dell'albero.

"Questo tipo di anello potrebbe significare qualcosa sui diversi momenti di una stagione vissuta dall’albero, ma non può dire molto sugli anni trascorsi”, ha detto Bernabei.

"L’unico modo per osservare gli anelli nell’olivo è fare dei vetrini, così da osservare il tessuto legnoso a livello microscopico”, ha aggiunto. "Anche in quel caso, però, tale analisi potrebbe non fornire i risultati desiderati”.

Altri problemi nella datazione dell'età degli ulivi derivano dalla loro forma. "La forma del tronco è raramente perfettamente circolare negli alberi molto vecchi”, ha detto Bernabei.

"Quegli alberi hanno forme bellissime fatte di svolte, rientranze e deformazioni che impediscono una visione chiara dell’anello di legno”, ha aggiunto. "Questa morfologia rende complicato anche il campionamento”.

Il campionamento e il carotaggio per datare l'età di un albero vengono effettuati con attrezzature specializzate. Il processo prevede l'estrazione di tessuto utile da diverse parti dell'albero.

Bernabei ha citato precedenti ricerche basate su campioni, che mostravano come diversi campioni dello stesso olivo fossero stati inviati a diversi laboratori per l'analisi, il che ha prodotto risultati di datazione altamente variabili.

"Non ci sono stati due risultati simili, e ciò è dovuto al fatto che gli anelli semplicemente non possono essere visti", ha detto. "Quando si tratta di olivi, il campionamento è ostacolato dal fatto che dopo il primo strato esterno di cinque-dieci centimetri, la porzione interna è secca e super dura.

"L’attrezzatura per il carotaggio non può andare oltre senza rompersi”, ha aggiunto. "Se usi un trapano, sviluppa un calore tale da bruciare sia il campione che il legno interno”.

Un metodo utilizzato in Libano, inizialmente sviluppato da Bernabei, prevede la datazione al radiocarbonio del legno di olivo.

La tecnologia di datazione al radiocarbonio misura la quantità di carbonio-14 nel materiale organico. Confrontando la quantità rimanente dell'isotopo radioattivo del carbonio con il tempo noto del suo decadimento, i ricercatori possono stimarne l'età.

Applicando queste tecniche a più campioni prelevati da diversi ulivi, Bernabei stima l'età di tre ulivi nel Giardino del Getsemani in 2015.

La sfida per la datazione di questi alberi era che i tronchi degli alberi erano cavi, quindi mancava il legno centrale più vecchio. A causa di questa limitazione non è stato possibile analizzare molti più alberi.

"In diversi alberi, un grande vuoto al centro del tronco ha portato alla sua divergenza in diversi ceppi, il che rende molto difficile ricostruire la forma della zona basale di ciascuno", ha scritto Bernabei. "Alla fine, solo tre ulivi su un totale di otto sono stati datati con successo.

Sulla base dei suoi anni di ricerca, Bernabei ritiene che sia impossibile conoscere la vera età degli ulivi più antichi del mondo.

Ha concluso, "Attualmente non è possibile determinare una stima scientificamente valida dell’età degli ulivi”.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati