I ricercatori avvertono che potrebbero essere innescati più punti di svolta climatica da 1.5 ºC di riscaldamento globale

Una nuova ricerca indica che lo scioglimento del ghiaccio marino, lo scioglimento del permafrost e il cambiamento della corrente oceanica sarebbero accelerati.

Settembre 12, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Una nuova ricerca indica che il mondo è sull'orlo del cinque "disastrosi” punti di svolta climatica poiché le temperature globali hanno superato la media preindustriale di 1.1 ºC.

"I punti critici climatici sono condizioni oltre le quali i cambiamenti in una parte del sistema climatico si autoperpetuano", hanno scritto i ricercatori nel studio pubblicato su Science, che ha valutato più di 200 studi precedenti.

"Questi cambiamenti possono portare a impatti bruschi, irreversibili e pericolosi con gravi implicazioni per l'umanità", hanno aggiunto.

Vedi anche:L'Europa resiste all'estate più calda mai registrata

Tra i cinque punti critici superati quando le temperature globali hanno raggiunto la soglia di 1.1 ºC ci sono i crolli della calotta glaciale in Groenlandia e nell'Antartide occidentale, i cambiamenti in una significativa corrente dell'Oceano Atlantico settentrionale, la perdita di biodiversità nelle barriere coralline tropicali e la brusca perdita di permafrost.

I ricercatori hanno affermato che questi eventi avrebbero un profondo impatto sul clima. Si prevede che la perdita di massa di ghiaccio ai poli comporterà un aumento significativo del livello del mare, mentre i cambiamenti nella corrente del Labrador altereranno profondamente il clima dell'Europa. Si prevede inoltre che lo scongelamento del permafrost rilascerà tonnellate di carbonio nell'atmosfera.

Quando le temperature raggiungono la soglia di 1.5 ºC, l'aumento minimo ora previsto, i ricercatori hanno indicato che quattro di questi cinque punti di non ritorno si sarebbero spostati da "possibile” a "probabile”, mentre diventerebbero possibili cinque nuovi punti di svolta. Questi includono la perdita dei ghiacciai di montagna e la migrazione delle foreste più a nord.

tempi-mondo-dell'olio d'oliva

"Ciò fornisce un supporto scientifico davvero forte per una rapida riduzione delle emissioni in linea con l'obiettivo di 1.5 °C", ha detto a New Scientist David Armstrong McKay, ricercatore climatico presso l'Università di Exeter e autore principale dello studio.

"Ma più ci si avvicina a 2°C, più è probabile che alcuni di questi punti di non ritorno si aggiungano", ha aggiunto. "Il punto in cui ci stiamo dirigendo in questo momento è qualcosa come 2.6°C, che sicuramente colpirà molti punti di non ritorno".

Alla soglia di 2 ºC, i ricercatori hanno avvertito che anche altri sei punti di non ritorno sarebbero diventati più probabili.

Hanno concluso che lo studio ha fornito ulteriori prove per un'azione urgente mitigare il cambiamento climatico, aggiungendo che sarebbero necessari ulteriori studi per approfondire ogni punto critico.

"Il mondo si sta dirigendo verso 2 ºC-3 ºC di riscaldamento globale", ha detto al Guardian Johan Rockström, direttore del Potsdam Institute for Climate Impact Research e coautore dello studio.

"Questo mette la Terra sulla buona strada per attraversare molteplici punti di svolta pericolosi che saranno disastrosi per le persone in tutto il mondo", ha concluso. "Per mantenere condizioni di vita vivibili sulla Terra e consentire società stabili, dobbiamo fare tutto il possibile per evitare di attraversare punti di svolta".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti