`Gli olivicoltori italiani hanno tempo fino alla fine di marzo per richiedere nuovi fondi - Olive Oil Times

Gli olivicoltori italiani hanno tempo fino alla fine di marzo per richiedere nuovi fondi

Marzo 17, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Gli olivicoltori italiani hanno tempo fino alla fine di marzo per chiedere la loro quota di a Fondo da 30 milioni di euro destinati al recupero e all'innovazione nei boschi esistenti e alla creazione di nuovi in ​​tutto il paese.

L'Agenzia per i pagamenti all'agricoltura (Agea) destinerà un massimo di 25,000 euro in tre anni a ciascun progetto, coprendo fino al 70 per cento dei costi totali di ciascun progetto. Per ogni ettaro interessato dai progetti, il pagamento sarà compreso tra 8,000 e 17,000 euro. Tutti i progetti finanziati dovranno comprendere almeno due ettari.

Dobbiamo preparare un piano strategico duraturo per il rilancio dell'olivicoltura italiana e il bando da 30 milioni di euro per l'ammodernamento degli oliveti è il primo passo.- David Granieri, presidente, Unaprol

Di questi fondi, 20 milioni di euro saranno dedicati alla modernizzazione degli uliveti esistenti, con gli altri 10 milioni di euro destinati alla piantumazione di nuovi oliveti. L'obiettivo dei nuovi fondi è rafforzare i raccolti di olive in Italia, che negli ultimi anni sono notevolmente diminuiti.

Italiano olive oil proriduzione per la stagione in corso è dovrebbe raggiungere le 315,000 tonnellate, significativamente più del 255,000 tonnellate prodotte in 2020 / 21.

Vedi anche:Costi di produzione in forte aumento in Italia

Tuttavia, la produzione ha avuto una tendenza al ribasso nell'ultimo decennio, con una produzione media negli ultimi cinque anni che ha raggiunto 281,000 tonnellate, rispetto alla media di 502,000 tonnellate registrata tra le campagne 2010/11 e 2012/13.

Per accedere al fondo, gli olivicoltori dovranno aderire a un'organizzazione ufficiale di produttori e adottare tecniche di agricoltura di precisione, compresa l'installazione di sensori nei loro boschi. Inoltre, la nuova piantumazione di alberi finanziata dall'Agea sarà limitata alle varietà locali.

pubblicità

Tutte le richieste saranno esaminate da Agea a partire da aprile. Sarà data una priorità speciale alle richieste di fondi per aiutare a recuperare aree più grandi.

L'agenzia darà anche la priorità ai boschetti a densità più elevata, preferendo i boschetti piantati con 389 alberi per ettaro invece dei tradizionali 250 per ettaro. Anche la disponibilità di irrigazione per i nuovi impianti sarà considerata un fattore chiave per l'approvazione da parte dell'ente pubblico.

I nuovi fondi si aggiungono al 300 milioni di euro dedicati lo scorso anno al recupero degli olivicoltori colpiti da Xyella fastidiosa in Puglia.

I fondi si aggiungeranno anche alla recente introduzione del pegno revolving, uno strumento finanziario che potrebbe aiutare olive oil proproduttori per innovare e diventare più competitivi sul mercato.

L'impegno è dedicato solo a quei produttori il cui olio extravergine di oliva è certificato Denominazione d'origine protetta (DOP) o Indicazione geografica protetta stato (IGP).

Con il nuovo strumento, oltre 9,000 produttori italiani potranno firmare nuovi contratti con le banche locali per avere accesso immediato alla liquidità in cambio di olio d'oliva di recente produzione o immagazzinato.

Gli impegni possono essere rinnovati ogni anno sostituendo la produzione più vecchia con la produzione più recente, consentendo ai produttori di non vendere il proprio olio d'oliva a prezzi scontati e attendere le migliori offerte.

I produttori italiani ritengono che il nuovo strumento possa avere un impatto significativo sul settore.

"Il pegno revolving è già operativo e crediamo sia uno strumento che esprime ricchezza”, David Granieri, presidente della olive oil proassociazione dei produttori, Unaprol, ha detto Olive Oil Times.
"Il fatto che l'olio possa essere dato in pegno per modulare un introito finanziario è una novità per il nostro settore. Significa dare valore al prodotto e ricchezza al territorio.

"L'impatto potrebbe essere decisivo perché, grazie all'impegno, possiamo concentrare il prodotto della stagione in corso ed evitare speculazioni", ha aggiunto. "Le reazioni dei produttori non possono che essere positive perché il nuovo strumento potrebbe ridurre notevolmente le difficoltà commerciali e consentire a chi produce qualità di valorizzare il proprio lavoro”.

L'impegno revolving è stato precedentemente messo a disposizione del settore vitivinicolo.

Secondo Giuseppe L'Abbate, membro della commissione agricoltura alla Camera dei Deputati ed ex sottosegretario all'agricoltura, "l'estensione [del pegno revolving] al settore dell'olio d'oliva è molto recente e siamo in attesa di misurarne gli effetti dalle prime operazioni appena iniziate".

"In pochi mesi tale strumento ha avuto un impatto molto rilevante nel settore vitivinicolo, dove ha superato di poco i 60 milioni di euro anche se i produttori avevano già accesso a molti altri strumenti finanziari attivati ​​durante il Pandemia di covid-19”, ha detto L'Abbate Olive Oil Times.

Secondo Granieri, "siamo sulla strada giusta. Dobbiamo preparare un piano strategico duraturo per il rilancio dell'olivicoltura italiana e il bando da 30 milioni di euro per l'ammodernamento degli oliveti è il primo passo”.

"Altre iniziative devono necessariamente seguire per recuperare il tempo perso e rilanciare come merita la produzione italiana di qualità olio extravergine d'oliva", ha concluso.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti