I funzionari in Puglia approvano il nuovo piano per arginare la diffusione di Xylella Fastidiosa

L'obiettivo è monitorare e combattere i focolai di batteri che distruggono gli uliveti tradizionali e monumentali da quasi un decennio.

Puglia, Italia
Marzo 17, 2022
Di Paolo DeAndreis
Puglia, Italia

Notizie recenti

Il governo regionale di Puglia ha approvato il suo nuovo piano 2022 per combattere la diffusione del micidiale patogeno dell'olivo Xylella fastidiosa.

Il piano si concentra su un aumento significativo del monitoraggio della malattia. Nei prossimi mesi saranno esaminati più di 300,000 alberi su 34,000 ettari.

Tutti i nostri sforzi, piani di investimento e contributi saranno principalmente incentrati sul rilancio e sulla protezione della nostra economia olivicola.- Donato Pentassuglia, segretario all'agricoltura, Puglia

I funzionari locali hanno affermato che il monitoraggio costante dei batteri, unito a un lungo elenco di misure per prevenire focolai e mitigare le infezioni, ha già consentito loro di identificare diverse aree che possono riprendere le normali attività di olivicoltura.

Tra questi c'è Canosa, situata nella Puglia nord-occidentale, una delle località italiane più significative per la produzione di olio d'oliva. Un anno fa è stato individuato un focolaio nel comune. Tuttavia, le autorità regionali hanno affermato che la diffusione della Xylella fastidiosa è stata interrotta, portando le autorità a dichiarare l'area indenne da Xylella.

Vedi anche:Xylella è arrivata in Italia da una fabbrica di caffè costaricana, affermano i ricercatori

La strategia di Canosa prevedeva l'esame di laboratorio di quasi 10,000 campioni nell'area del focolaio e ha consentito ai funzionari locali di confermare che il focolaio iniziale era stato un incidente isolato.

Secondo il nuovo piano, le autorità considerano ancora contagiata la regione Salento, nella parte centro-meridionale della Puglia. Anche i comuni di Monopoli, Polignano e Alberobello hanno adottato gli stessi protocolli, istituendo un'area cuscinetto di 2.5 chilometri che confina con le zone rosse di infezione.

pubblicità

Nel nuovo piano sono incluse anche maggiori informazioni agli agricoltori e un compenso per le loro opere preventive volte a limitare le opportunità per gli insetti vettori di Xylella di diffondere i batteri.

Come negli anni precedenti, i funzionari locali hanno affermato che gli agricoltori potrebbero fare alcune cose per limitare significativamente la riproduzione e la riproduzione degli insetti vettori della malattia, come il spittlebug.

"Con l'arrivo della primavera bisogna ribadire quanto siano essenziali le operazioni di lavorazione delle superfici come aratura, molitura, straziante e triturazione per fermare le giovani generazioni di insetti e, di conseguenza, l'intera popolazione di spittlebug", ha affermato Donato Pentassuglia , segretario regionale all'agricoltura.

La sezione locale dell'associazione agricola Coldiretti ha affermato che enti pubblici e privati ​​devono eseguire queste operazioni su terreni agricoli inutilizzati, aree verdi pubbliche, bordi stradali, canali e altre superfici.

Però, i Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, ha affermato che gli agricoltori dovrebbero essere rimborsati per le spese e gli sforzi per frenare la diffusione della Xylella fastidiosa.

"Così come gli enti pubblici beneficiano di finanziamenti per le attività obbligatorie, agli imprenditori agricoli, ancor di più, spettano rimborsi per sostenere le pratiche di prevenzione fitosanitaria”, ha affermato Muraglia.

L'Autorità Regionale per le Foreste e le Acque e la Divisione Carabinieri Forestali condurranno massicci interventi di monitoraggio. A tal fine, l'imaging satellitare, droni e cani da rilevamento saranno tutti usati.

Il piano regionale faceva esplicito riferimento a progetti finanziati dalle autorità nazionali, come Redox, uno sforzo per costruire nuove infrastrutture tecnologiche per interventi di prevenzione su larga scala e costanti.

A causa del rilevamento aereo e dei sensori iperspettrali montati sui droni aerei, l'obiettivo del progetto Redox è identificare gli ulivi infetti prima che mostrino i sintomi dell'infezione, con il monitoraggio che si verifica su vaste aree.

"Stiamo raggiungendo i primi risultati incoraggianti che segnalano l'opportunità di un possibile contributo nella riduzione di questa malattia", ha detto Manuela Matarrese, ricercatrice del Distretto Tecnologico Aerospaziale (DTA) di Brindisi, uno dei partner del progetto Redox. Olive Oil Times.

"Applicando i risultati ottenuti da ricerche precedenti e sviluppando la tecnologia del sensore iperspettrale, i partner scientifici Redox dovrebbero essere in grado di riconoscere la salute di un olivo e identificare con precisione la posizione dell'eventuale infezione ", ha aggiunto. "In molti casi di infezione sarà necessario rimuovere solo un ramo e non l'intero albero".

Tra i partner Redox c'è Unaprol, the olive oil proassociazione dei riduttori. Riferendosi alla nuova edizione del piano regionale, David Granieri, presidente di Unaprol, ha dichiarato: "oggi dobbiamo proteggere la Valle dell'Ulivo Monumentale che è un patrimonio per l'intero paese.

"In questo contesto, la decisione della regione di approvare gli innesti su quelle piante millenarie con rampolli di cultivar di olivo resistenti alla Xylella è un importante passo avanti", ha aggiunto.

Nella Valle dell'Ulivo Monumentale, il nuovo piano ha confermato un ampliamento del monitoraggio speciale, largo fino a 20 chilometri dal confine meridionale del Salento infetto.

"Il nostro obiettivo è creare barriere e mitigare la diffusione", ha affermato Pentassuglia.

Secondo le autorità locali, le operazioni di monitoraggio previste dal piano regionale non hanno precedenti in termini di risorse utilizzate per fermare la diffusione, azioni coordinate in tutta la Puglia e nuove strategie in atto.

"Da un lato, dobbiamo limitare un fenomeno straordinario. Dall'altro, dobbiamo sostenere il settore olivicolo e proteggere la bellezza della nostra campagna ", ha affermato Pentassuglia. "Dobbiamo lavorare con agricoltori, associazioni, comuni, ricercatori, università e autorità regionali».

"Tutti i nostri sforzi, piani di investimento e contributi saranno principalmente incentrati sul rilancio e sulla protezione della nostra economia olivicola, il cuore pulsante di una regione amata, ammirata da tutto il mondo”, ha concluso.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti