Dopo due cattivi raccolti, i produttori neozelandesi prevedono una ripresa

La diminuzione delle precipitazioni in Nuova Zelanda ha dato speranza ai coltivatori del paese, ma il clima più secco ha comportato un'altra serie di problemi.

Il comproprietario di Blue Earth Mike Hanson cammina attraverso l'oliveto prima del raccolto. (Foto: Terra Blu)
Di Lisa Anderson
10 marzo 2024 17:39 UTC
311
Il comproprietario di Blue Earth Mike Hanson cammina attraverso l'oliveto prima del raccolto. (Foto: Terra Blu)

Con i coltivatori neozelandesi che si preparano a iniziare la raccolta a fine marzo, alcuni si aspettano un risultato migliore dopo una seconda raccolta consecutiva. calo della produzione lo scorso anno.

La Nuova Zelanda ha prodotto 125,000 litri di olio d'oliva nel 2023, in calo rispetto a 180,000 litri nel 2022. Gli scarsi raccolti sono arrivati ​​dopo i raccolti eccezionali del 2020 e del - 2021, quando il paese ne produceva rispettivamente 200,000 e 270,000 litri.

La quantità di frutta potrebbe non essere così elevata come negli ultimi due grandi anni, ma il clima finora suggerisce che torneremo a rese di olio e polifenoli molto più elevate.- Margaret Hanson, comproprietaria, Blue Earth

Nel dicembre 2023, l’Istituto nazionale per la ricerca sull’acqua e sull’atmosfera (NIWA) ha segnalato precipitazioni ben al di sopra dei livelli normali in alcune aree, a fronte di livelli inferiori alla norma in altre.

Secondo i dati NIWA, i produttori non dovranno fare i conti con le precipitazioni estreme che hanno rovinato il loro raccolto lo scorso anno, l'ottavo più piovoso mai registrato nel paese.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2024

"Dopo un paio di stagioni umide, in particolare l'anno scorso, quando era così umido che due terzi dei nostri coltivatori non riuscivano a mettere i macchinari nei loro oliveti, siamo tranquillamente ottimisti che questa stagione sarà migliore", Emma Glover, Olives New Lo ha detto l'ufficiale esecutivo della Zelando olive oil Times.

Tuttavia, ha aggiunto che le regioni dell'Isola del Sud con un raccolto eccezionale lo scorso anno probabilmente produrrebbero meno olive a causa del ciclo naturale di produzione alternata dell'olivo.

Il risultato, però, non è scolpito nella pietra. Nel marzo 2022, i produttori erano ottimisti per un terzo anno di alta produzione. Tuttavia, le forti piogge e le condizioni fresche durante la raccolta si sono combinate per abbassare le rese finali.

Glover ha affermato che i prossimi mesi saranno cruciali man mano che i frutti matureranno. Poiché la stagione della raccolta inizierà presto per le regioni precoci, la maggior parte inizierà a raccogliere leggermente più tardi, da fine maggio a metà luglio.

"L'allegagione, in generale, sembra buona, ma la situazione è irregolare tra boschetti e varietà di alberi poiché si riprendono in modo diverso rispetto agli ultimi anni", ha affermato.

Diana Crosse, comproprietaria di Kāpiti Olives nell'Isola del Nord a nord di Wellington, ha espresso ottimismo in vista del raccolto, che inizierà nei suoi oliveti all'inizio di giugno.

"Il raccolto sugli alberi sembra molto buono e speriamo in un rendimento elevato", ha detto Crosse. "Il tempo è stato bello”, ma ha aggiunto che vorrebbero più sole.

attività-produttiva-australia-e-nuova-zelanda-dopo-due-brutti-raccolti-i-produttori-in-nuova-zelanda-prevedono-una-ripresa-dei-tempi-dell'olio-d'oliva

Dopo due anni di forti piogge, gli uliveti del Wairarapa stanno ora affrontando condizioni simili alla siccità. (Foto: Vintiner's Grove)

Nel frattempo, Ross Vintiner, comproprietario di Vintiner's Grove nella regione di Wairarapa, nell'Isola del Nord, ha affermato che il brusco passaggio da troppa pioggia a troppo poca pioggia sta mettendo a dura prova i suoi uliveti.

"Dopo due anni di piogge abbondanti e costanti, gli alberi si stanno rigenerando, utilizzando la maggior parte della loro energia per far ricrescere rami e fogliame”, ha affermato. "Ora siamo in una fase quasi di siccità. La fruttificazione ha subito un duro colpo a causa dello stress continuo.

"Come per un certo numero di uliveti locali nel Wairarapa, i volumi di frutta e la resa di olio saranno inferiori rispetto allo scorso anno", ha aggiunto Vintiner. "La qualità dell'olio sarà probabilmente molto buona, con un livello elevato polifenoli previsto da un’estate molto calda e da un probabile autunno.”

Aveva predetto che la raccolta sarebbe iniziata all'inizio di maggio. "Gli alberi sembrano fantastici e rispondono bene allevamento biodinamico e biologico", ha detto Vintiner.

Margaret Hanson, comproprietaria di Blue Earth, anch'essa della regione di Wairarapa, si aspetta risultati simili a quelli di Vintiner.

"Dopo gli ultimi due anni piovosi, la sfida quest’anno finora è quanto sia secco”, ha detto. "È stato fatto molto lavoro per riparare l’irrigazione che non è stata utilizzata da molto tempo”.

Hanson ha affermato che la resa delle loro olive Barnea diminuirà in modo significativo quest'anno. "Non ha goduto degli anni piovosi ed è esausto dopo cinque grandi raccolti consecutivi”, ha detto. "Quindi stiamo cogliendo l’occasione per fare alcune importanti ristrutturazioni sui nostri alberi”.

"Il resto sembra fantastico", ha aggiunto Hanson. "La quantità di frutta potrebbe non essere così elevata come negli ultimi due grandi anni, ma il clima finora suggerisce che torneremo a rese di olio e polifenoli molto più elevate. Buone notizie."



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati