Il maltempo smorza il raccolto della Nuova Zelanda

I produttori hanno iniziato il 2022 con ottimismo per un altro raccolto eccellente, ma la pioggia e le malattie hanno portato alcuni produttori a non produrre olio.

(Foto: Olive Kapiti)
Settembre 21, 2022
Di Lisa Anderson
(Foto: Olive Kapiti)

Notizie recenti

All'inizio di quest'anno, gli olivicoltori in Nuova Zelanda lo erano ottimista in vista della vendemmia. Tuttavia, alcune speranze sono state deluse, con più di un quarto dei coltivatori su piccola scala che non ha raccolto affatto.

Secondo i dati diffusi da Olive Nuova Zelanda, 180,000 litri di olio extravergine d'oliva sono stati prodotti quest'anno, rispetto ai 200,000 litri della campagna 2019/20 e 270,000 litri nel 2020/21.

Circa il 26 per cento di questi boschi non aveva raccolto. È evidente che i boschi ben gestiti sono più resistenti ai problemi meteorologici.- Gayle Sheridan, Olive Nuova Zelanda

"Nel complesso, il nostro raccolto è diminuito del 17% rispetto al 2021 ", ha detto Gayle Sheridan, direttore esecutivo di Olives New Zealand Olive Oil Times. "I nostri coltivatori commerciali sono rimasti soddisfatti del raccolto del 2022. Tuttavia, i nostri coltivatori boutique hanno dovuto affrontare varie sfide in corso con la gestione delle malattie e problemi meteorologici".

"Circa il 26 percento di questi boschi non ha avuto raccolto", ha aggiunto. "È evidente che i boschi ben gestiti sono più resistenti ai problemi meteorologici e gestiscono in modo proattivo le malattie, il che elimina praticamente il cuscinetto biennale".

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

All'inizio di quest'anno, Sheridan ha affermato che i coltivatori locali stavano studiando metodi di coltivazione, oltre alla raccolta anticipata, che migliora il conteggio dei polifenoli – per esaltare le proprietà salutari dei loro oli.

"Questo è in corso e sarà oggetto di ricerche future", ha detto Sheridan dopo il recente raccolto. "A questo punto, l'unica misura efficace è stata la raccolta anticipata".

pubblicità

Sheridan ha aggiunto che la qualità delle olive e degli oli quest'anno è stata eccellente.

"È in corso la valutazione dei Premi per l'olio extra vergine di oliva della Nuova Zelanda e si prevede una buona diffusione di oro e argento, in particolare ", ha affermato. "Ma forse non tanti oli d'oro come nel 2021".

Andrew Liley, comproprietario di Juno Olives nella regione di Wairarapa, a est di Wellington, ha descritto il suo raccolto come povero.

"Ci si aspettava un calo rispetto al raccolto dell'anno scorso, ma abbiamo avuto una scarsa allegagione e abbiamo finito per non raccogliere affatto il nostro Frantoio o Moraiolo ", ha detto Olive Oil Times.

Le forti piogge hanno contribuito ai guai di Giunone Olive. "Era bagnato per tutto il nostro raccolto, rendendo problematico l'accesso", ha detto. "Ha anche influenzato il momento in cui avremmo potuto raccogliere quest'anno, portandoci a raccogliere il nostro Leccino tre settimane prima di quanto non lo avessimo raccolto prima".

Un altro produttore della regione di Wairarapa, Ross Vintiner, co-proprietario di Tenuta Dalì, Ha detto Olive Oil Times che il 2022 è stato il loro peggior raccolto in 10 anni.

Vedi anche:I produttori neozelandesi godono di un'ottima performance alla competizione mondiale

"Dali Estate ha visto aumentare la produzione negli ultimi cinque anni", ha affermato. "Il nostro raccolto del 2021 è stato un record e nel percentile più alto per produzione e resa in tutta la Nuova Zelanda, con i migliori polifenoli per il paese. Dali ha vinto i massimi riconoscimenti nazionali e internazionali con questi oli.

"Il nostro raccolto è stato un evento agrodolce e breve, con bel tempo, basso volume di frutta e rese di olio", ha affermato Vintiner. "Anche i nostri polifenoli normalmente alti erano principalmente a livelli medi".

"Con la promessa di un'infiorescenza primaverile, il Wairarapa meridionale ha sofferto per due settimane di pioggia costante, condizioni fresche e poco vento per asciugare i fiori", ha aggiunto. "Frantoio e Picual hanno sofferto di più all'allegagione. Leccino, Koroneiki e Kalamata se la sono cavata solo leggermente meglio”.

"Nonostante questa battuta d'arresto quest'anno", ha continuato Vintiner, "siamo fiduciosi che il nostro regime di coltivazione biodinamica e biologica renderà sempre più il nostro suolo, il nostro bioma e gli alberi più resilienti, produttivi e durevoli”.

Contrariamente a Liley e Vintiner, un altro produttore della regione di Wairarapa, Margaret Hanson, co-proprietaria di Blue Earth Olive Oil, si è detta contentissima del raccolto. "Sebbene la resa in olio fosse diminuita, il volume della frutta era aumentato e la qualità era ottima", ha affermato.

"Il raccolto di quest'anno è stato il nostro più grande di sempre, avendo coltivato olive da oltre 20 anni ", ha aggiunto Hanson. "Una gestione più aggressiva del boschetto sta pagando i dividendi".

"La nostra sfida quest'anno è stata destreggiarsi tra riprese, mietitrici, tempo e Covid", ha continuato. "Avevamo le riprese finali per un programma televisivo nazionale, quindi tutto doveva essere sistemato a fondo. Il tempo ha collaborato per alcuni giorni, ma non tutti".

"L'abbiamo complicato facendo in modo che il Covid fosse a metà”, ha aggiunto, "così il resto della messe fu diretto da lontano. Ma tutto ha funzionato. Siamo felici."

australia-e-nuova-zelanda-produzione-aziendale-il-mondo-sfavorevole-ammortizza-nuova-zelanda-raccolto-olio-d-oliva-tempi

(Foto: Olive Kapiti)

Più a ovest, sulla costa di Kāpiti del paese, anche Kapiti Olives ha prodotto risultati positivi.

"Kapiti Olives ha avuto un buon raccolto", ha detto la proprietaria Diana Crosse Olive Oil Times. "Eravamo 400 litri in più rispetto alla scorsa stagione. Questo è ottimo per le nostre vendite che entrano nella nuova stagione".

Crosse, che ha descritto la quantità di pioggia che hanno ricevuto come senza precedenti, ha affermato che ciò ha ritardato il loro raccolto di quasi un mese, il che ha richiesto loro di essere più vigili con i loro spaventapasseri. "Abbiamo avuto un giorno alla fine di maggio e non siamo tornati fino al 25 giugno", ha detto.

"Ciò ha avuto un effetto di flusso fino a quando potremmo quindi imbottigliare il nostro nuovo olio ", ha detto. "Abbiamo venduto l'ultimo olio d'oliva della stagione precedente il giorno in cui abbiamo iniziato a imbottigliare il nostro nuovo olio.

"Abbiamo avuto una sessione di degustazione con il Kapiti Branch of Olives New Zealand e pensiamo di aver prodotto ancora una volta dell'ottimo olio extra vergine di oliva ", ha concluso Crosse.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti