1479

Affari

Le autorità pugliesi confermano il colpevole della devastazione degli ulivi

I funzionari hanno respinto un recente studio che implicava che la Xylella fastidiosa non fosse la principale responsabile dei milioni di alberi devastati.
(AP)
Di Paolo DeAndreis
14 marzo 2024 18:22 UTC

Le autorità della regione meridionale italiana della Puglia hanno pubblicato l'intero set di dati utilizzato per monitorare e controllare la diffusione della malattia causata da Xylella fastidiosa.

L'amministrazione regionale ha affermato che i dati mostrano chiaramente che il pauca sottospecie di Xylella fastidiosa è la principale causa della sindrome del declino rapido dell'olivo (OQDS), che ha ucciso decine di milioni di ulivi nella regione.

Se andassimo a testare gli olivi nella zona infetta, troveremmo Xylella fastidiosa pauca nel 90-100% dei casi.- Donato Boscia, direttore, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Prima dell’arrivo della Xylella fastidiosa, l’Italia produceva abitualmente più di 500,000 tonnellate di olio d’oliva all’anno. Oggi, un raccolto superiore alle 300,000 tonnellate è considerato un raccolto abbondante.

I dati coprono le prime operazioni di monitoraggio dal 2013 al 2022, e la loro pubblicazione arriva poco dopo a studio pubblicato sul Journal of Phytopathology indicando che Xylella fastidiosa era responsabile solo di una minoranza di casi di OQDS.

Vedi anche:Il nuovo spray potrebbe proteggere gli ulivi dalla Xylella

Negli ultimi dieci anni, la Xylella fastidiosa pauca si è diffusa nel sud della Puglia a causa di insetti vettori, come la sputacchina, che trasportano i batteri da un olivo all’altro.

L’epidemia ha spinto le autorità italiane ed europee a definire e aggiornare continuamente i confini delle aree infette e limitrofe, attuando numerose misure di contenimento per prevenire la diffusione del batterio.

Di conseguenza, i funzionari hanno affermato che le parti più monitorate della Puglia si trovavano lungo i confini di queste zone di contenimento, dove si prevedeva che la percentuale di ulivi e altre piante infette da Xylella fastidiosa fosse minima.

Man mano che la Xylella fastidiosa pauca si diffondeva a nord della penisola più meridionale della Puglia, si espandevano anche i confini delle aree infette e quelle cuscinetto.

"L’obiettivo delle operazioni di monitoraggio… non è quello di inventariare le piante infette ma di anticipare il batterio e identificare e contenere o eliminare fin dall’inizio nuovi focolai per ridurre la pressione di inoculazione sulla zona indenne e rallentare l’espansione dell’area infetta il più possibile”, hanno scritto le autorità in a nota pubblicata su un sito web dedicato al monitoraggio della diffusione della Xylella fastidiosa.

"Pertanto, i dati di monitoraggio non possono fornire indicazioni sulla frequenza del batterio nella zona infetta, poiché la maggior parte della sua superficie non è più soggetta alla sorveglianza dell’Osservatorio fitosanitario”, hanno aggiunto.

La dichiarazione contesta esplicitamente le conclusioni dello studio Journal of Phytopathology, che ha rilevato che solo una frazione degli ulivi colpiti da OQDS erano infetti da Xylella fastidiosa pauca.

Sindrome da declino rapido dell'oliva

La sindrome del declino rapido dell'olivo (OQDS) è una malattia del deperimento degli ulivi che provoca la morte delle foglie, dei ramoscelli e dei rami in modo che gli alberi non producano più olive. È opinione diffusa che la causa della malattia sia il batterio Xylella fastidiosa. I sintomi dell'OQDS includono bruciatura delle foglie e disseccamento di ramoscelli e rami, a partire dalla parte superiore della corona e diffondendosi al resto dell'albero. La malattia è particolarmente diffusa nella regione meridionale italiana della Puglia, ma è stata rilevata anche in Argentina, Brasile, California, Grecia e Spagna. Alcuni esperti prevedono che potrebbe costare al settore dell’olio d’oliva fino a 5.6 miliardi di euro nei prossimi 50 anni.

Supponendo che l'OQDS abbia ucciso milioni di ulivi non infetti da Xylella fastidiosa pauca, gli autori della ricerca hanno lasciato intendere che i due non erano in gran parte correlati.

Secondo le autorità regionali e i maggiori esperti del settore questa conclusione non è corretta.

"La lettura dei dati da parte degli autori di quella ricerca non è attendibile - spiega Donato Boscia, direttore dell'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) Olive Oil Times.

pubblicità
pubblicità

"Se andassimo a testare gli ulivi nella zona infetta, troveremmo Xylella fastidiosa pauca nel 90-100% dei casi ", ha aggiunto.

Boscia, il cui lavoro lo ha reso possibile identificare la presenza di Xylella fastidiosa pauca nel 2013, ha affermato che i dati analizzati nello studio per confermare che Xylella fastidiosa è raramente presente negli ulivi colpiti da OQDS semplicemente non possono essere utilizzati per raggiungere tale conclusione.

"È vero che in dieci anni sono state analizzate circa un milione di piante”, ha detto Boscia. "Ma quasi tutti si trovavano dove meno ci si aspettava la presenza di batteri, la cosiddetta zona cuscinetto e l’estremità superiore dell’area infetta. È normale trovare lì percentuali molto basse di piante infette da Xylella fastidiosa pauca”.

Secondo Boscia, gli autori di tale studio hanno anche erroneamente interpretato i sintomi sugli ulivi monitorati come prova della presenza di OQDS, che il loro articolo ha paragonato alla presenza di Xylella fastidiosa.

"Se guardi il database, ad un certo punto, vedrai che per ogni pianta monitorata esiste una definizione di 'sintomi presenti' o 'sintomi assenti", ha detto. "Questa è solo un'indicazione per i ricercatori. I sintomi presenti non sono sinonimo della sindrome del declino rapido dell’olivo, come hanno scritto i miei colleghi nel loro studio.

Boscia ha aggiunto che lo studio controverso non ha considerato i diversi metodi applicati durante le operazioni di monitoraggio nel corso degli anni.

"Se consideriamo i dati del 2015, parliamo di un periodo in cui sono state effettuate analisi anche nelle zone in cui il disseccamento degli ulivi era già chiaramente visibile", ha affermato. "Ciò significa che in quell'anno la percentuale di piante con 'sintomi presenti” potrebbe raggiungere il 70%”.

I dati potrebbero essere stati ulteriormente distorti dalla rapida diffusione della malattia nei primi anni, portando le autorità a spostare le zone cuscinetto e di contenimento più a nord, dalle aree densamente popolate di ulivi a quelle meno popolate.

Di conseguenza, molti ulivi di questa zona morti a causa dell'OQDS non sono mai stati testati per la Xylella fastidiosa. "Queste percentuali scendono a circa il 20%”, ha detto Boscia.

"Se si guardano i dati del 2021, si vede che tale percentuale scende ulteriormente. Il motivo è che nel 2020 le normative UE dimezzato l’area di contenimento da monitorare. Invece di monitorare gli ultimi dieci chilometri della zona rossa, si è ridotta ai chilometri”, ha aggiunto Boscia.

"Se si considera il quadro complessivo, le conclusioni vanno nella direzione opposta a ciò che hanno scritto gli autori dello studio", ha concluso. "Se oggi, nelle zone confinanti con la zona infetta, abbiamo a incidenza molto bassa di Xylella fastidiosa, ciò significa che la strategia di contenimento adottata dall’Unione Europea sta funzionando”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati