La campagna a Creta sollecita gli stabilimenti di ospitalità a scegliere oli d'oliva locali

Funzionari e olive oil proi professionisti dell'isola vogliono incoraggiare gli imprenditori alimentari a utilizzare l'olio d'oliva prodotto localmente in taverne, ristoranti e hotel.
Può. 3, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Sulla scia della crisi degli oli da cucina causata dalla guerra in Ucraina, è stata lanciata una campagna Creta per l'ampio uso dell'olio d'oliva cretese nei ristoranti e in altri esercizi di ristorazione sull'isola.

La campagna mira a convincere i proprietari di ristoranti, taverne e gestori di hotel a optare per l'olio d'oliva invece del olio di girasole attualmente costoso e scarso e altri oli vegetali regolarmente utilizzati in cucina.

L'obiettivo della campagna è promuovere i benefici dell'olio d'oliva e convincere i consumatori e i proprietari di strutture alimentari che utilizzando correttamente l'olio d'oliva in cucina e nella frittura, l'uso di oli vegetali non è l'unica opzione.- Stavros Tzadakis, Associazione Sinergia Agroalimentare

Un gruppo di enti regionali e locali, tra cui l'amministrazione regionale di Creta, l'Università di Creta e l'Università del Mediterraneo, il club degli chef cretesi e l'associazione Agrifood Synergy dell'isola, hanno approvato l'iniziativa.

"Lavorando insieme, possiamo trasformare il problema in un'opportunità per i nostri produttori locali [di olio d'oliva]", ha affermato Stavros Tzadakis, capo dell'associazione agroalimentare, riferendosi alla scarsità di olio di girasole sul mercato a causa della guerra russo-ucraina .

Vedi anche:I greci seguono una dieta mediterranea ibrida, scoprono i ricercatori

Secondo Fediol, l'associazione dell'industria dell'olio vegetale e delle farine proteiche dell'Unione europea, la mancanza di disponibilità di olio di girasole "sarà sentito fino al livello dei consumatori” in Europa. L'associazione ha affermato che circa il 35-45% dell'olio di girasole consumato nell'UE proviene dall'Ucraina. Le importazioni sono state attualmente sospese a causa della guerra.

"Consumo di olio d'oliva può essere notevolmente aumentato negli hotel e in altri esercizi di ristorazione, non solo crudo sulle insalate ma anche per friggere", ha aggiunto Tzadakis. "La ricerca ha dimostrato, dopotutto, che, quando si tratta di friggere, l'olio d'oliva presenta molti vantaggi rispetto agli oli vegetali.“

pubblicità

Maria Antonakaki, dell'associazione delle strutture di ristorazione di Creta, ha sottolineato che il prezzo dell'olio d'oliva è stato il principale fattore limitante per il suo più ampio utilizzo nel settore.

"È importante che gli imprenditori [alimentari] siano convinti a iniziare a utilizzare l'olio d'oliva tramite un sussidio o altri modi e inizino a collaborare con i produttori locali ", ha affermato Antonakaki, aggiungendo che il settore ha deciso di fare una svolta completa alla cucina cretese con prodotti locali compreso l'olio d'oliva cretese.

"L'obiettivo della campagna è promuovere il benefici dell'olio d'oliva e convincere i consumatori e i proprietari di strutture alimentari che utilizzando correttamente olio d'oliva in cottura e la frittura, l'uso di oli vegetali non è l'unica opzione", ha aggiunto Tzadakis.

"Al contrario, l'olio d'oliva, il 'l'oro della terra cretese, è l'opzione più sana e attualmente la più economicamente valida”, ha concluso.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti