I greci seguono una dieta mediterranea ibrida, secondo i ricercatori

I greci per lo più aderiscono agli standard della dieta con l'aggiunta di carne rossa e snack.
Atene, Grecia
Marzo 16, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Un'indagine sui consumatori ha esaminato le abitudini alimentari dei greci e ha misurato l'importanza che attribuiscono a un'alimentazione sana.

Ha scoperto che una dieta sana ed equilibrata non è una priorità assoluta per i consumatori greci, con la maggioranza che consuma cibo senza riserve.

I greci continueranno a seguire le moderne tendenze alimentari, aggiungendo più snack e carne al loro modello alimentare ibrido mediterraneo.- Athanasios Krystallis, assistente professore, American College of Greece

I risultati dell'indagine, pubblicati online dall'Istituto di salute pubblica e dal Centro di eccellenza in cibo, turismo e tempo libero dell'American College of Greece, hanno anche dimostrato che la dieta dei greci moderni si è discostata da un modello alimentare tipico mediterraneo per includere cibi più elaborati cibo e carne rossa.

Vedi anche:I greci consumano meno olio extra vergine di oliva

"La dieta dei greci è una miscela", ha affermato Athanasios Krystallis, assistente professore presso l'American College of Greece che ha condotto il sondaggio. "È un ibrido di prodotti di base mediterranei e piatti pronti".

I ricercatori hanno intervistato 510 adulti greci nel novembre 2021, documentando il loro stile di vita, lo stato di salute e le abitudini quotidiane e sono giunti alle seguenti conclusioni:

pubblicità
  • Un greco su due pesa più del normale;
  • Otto su 10 consumano cibo senza alcun vincolo;
  • Uno su quattro sono fumatori sistematici;
  • Tre su 10 soffrono di una malattia correlata alla dieta;
  • Due su 10 consumano una porzione di alcol ogni giorno.

I risultati dell'indagine hanno anche mostrato che il consumo di olio d'oliva, frutta e verdura è alta tra i consumatori in Grecia. Tuttavia, anche gli alimenti trasformati, grandi quantità di carne rossa, snack, bibite e dessert hanno trovato il loro posto nella routine alimentare dei greci.

Inoltre, la stragrande maggioranza dei partecipanti al sondaggio era ignara del Dieta mediterranea, anche se le loro abitudini alimentari sono rimaste in gran parte all'interno dei principi della dieta.

"Solo una persona su 10 che abbiamo intervistato era consapevole che il proprio schema alimentare aderisce al regime mediterraneo", ha detto Krystallis Olive Oil Times. "Il resto di loro non è stato in grado di definire la MedDiet. Tuttavia, si attengono ad esso istintivamente".

"È una scoperta impressionante poiché la dieta mediterranea è stata definita diversi decenni fa e ci aspettavamo persone in Grecia, un paese mediterraneo con tradizione culinaria secolare, per conoscerlo", ha aggiunto.

Il sondaggio ha anche mostrato che molti greci consumano cibo in modo non pianificato, mentre dimostrano un'attenzione media alla prevenzione delle malattie e alla promozione della salute.

Circa un terzo dei partecipanti ha affermato che la salute è definita dal destino e mangiano quello che vogliono senza pensarci due volte, mentre il 40% crede di avere poca capacità di prevenire le malattie.

Melpomeni Peppa, professore di endocrinologia all'Università di Atene che ha partecipato alla presentazione dell'indagine, ha sottolineato l'importanza del cibo di qualità nella prevenzione e nel controllo delle malattie.

"Varie malattie tra cui diabete mellito, obesità, malattia neurodegenerativa e il cancro spesso raggiunge proporzioni epidemiche nel nostro tempo", ha detto Peppa Olive Oil Times. "La nostra dieta è un importante fattore ambientale associato al mantenimento della salute o all'insorgenza di una malattia".

"La quantità e la qualità del cibo sono ugualmente importanti, così come le molteplici fasi della catena alimentare, tra cui l'origine, la sterilizzazione, il trasporto e la conservazione del cibo", ha aggiunto. "Ci sono molti ambientali 'distruttori' che possono avere un impatto sulla qualità del cibo e renderlo dannoso”.

Peppa ha anche sottolineato che, secondo la guida nutrizionale nazionale della Grecia, un piano alimentare mediterraneo equilibrato dovrebbe includere alimenti di base come frutta fresca, verdura, pesce e legumi, insieme a quattro o cinque porzioni di olio d'oliva o olive al giorno (una porzione equivale a un cucchiaio di olio d'oliva o da 10 a 12 olive).

Krystallis, d'altra parte, ha affermato che, nonostante la maggior parte degli intervistati abbia una buona comprensione del valore del cibo, ha mostrato "menti ristrette” quando si trattava dei pasti quotidiani.

"Sembra che nulla possa persuaderci a cambiare le nostre abitudini alimentari", ha detto. "I greci continueranno a seguire le moderne tendenze alimentari, aggiungendo più snack e carne al loro modello alimentare ibrido mediterraneo".

"Il consumo di carne rossa è aumentato significativamente in Grecia quando il paese è entrato a far parte dell'Unione Europea nel 1981", ha aggiunto Krystallis. "È diventato molto più facile importare carne dai paesi produttori europei da quando sono state abolite le procedure burocratiche e le tasse”.

Per quanto riguarda il futuro, Krystallis prevede una trasformazione radicale delle abitudini alimentari delle persone.

"Dobbiamo essere preparati a cambiamenti rivoluzionari nelle nostre preferenze alimentari", ha affermato. "Semplicemente non c'è abbastanza cibo sul pianeta per tutto il bestiame necessario al consumo umano, quindi dovremo allontanarci dalle proteine ​​animali e rivolgerci ad altre fonti proteiche come insetti, alghe e alghe".

"Questo non è uno scenario sulla carta", ha aggiunto. "La ricerca pertinente all'interno dell'UE è progredita in modo significativo negli ultimi anni e diventerà una realtà in un futuro molto prossimo. Quando c'è anche un solo prodotto di questo tipo sugli scaffali dei supermercati, la corsa è iniziata per misurare le reazioni dei consumatori e alla fine avviare la produzione di massa".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti