Tra la crescente inflazione, gli italiani danno la priorità agli acquisti di cibo di alta qualità

Gli italiani intendono far fronte all'aumento dell'inflazione tagliando invece altre spese.

Bologna, Italia
Può. 20, 2022
Di Paolo DeAndreis
Bologna, Italia

Notizie recenti

I prezzi dei generi alimentari in Italia sono aumentati del 6.2 per cento nell'ultimo anno, principalmente a causa delle pressioni inflazionistiche globali. Tuttavia, le famiglie italiane non sembrano interessate a limitare la spesa alimentare.

Secondo l'ultimo rapporto dell'Istituto dei servizi per il mercato agricolo e alimentare (Ismea), gli italiani intendono far fronte all'aumento dell'inflazione tagliando invece altre spese. Tra questi, alcuni spenderanno meno nei ristoranti.

Il nuovo rapporto ha mostrato che gli italiani considerano l'aumento dei costi delle materie prime e la crisi energetica innescata dall'invasione russa dell'Ucraina come le ragioni principali dell'inflazione. Inoltre, la maggior parte di loro ritiene che l'inflazione continuerà a crescere nei prossimi tre mesi.

Vedi anche:Poiché la maggior parte dei consumatori trova modi per ridurre i costi, il consumo di olio d'oliva tende a crescere

Analizzando le risposte di un sondaggio condotto su 3,000 famiglie, Ismea ha stabilito che il 20 per cento degli italiani è pronto a tagliare le spese per i viaggi nel tempo libero, il 16 per cento a ridurre gli acquisti di abbigliamento e il 12 per cento a tagliare le spese per l'intrattenimento e le attività all'aria aperta.

"Solo il 2% è pronto a tagliare il proprio carrello”, scrivono gli autori del rapporto.

pubblicità

I dati Ismea hanno mostrato che le famiglie italiane intendono continuare ad acquistare pane, latte e olio extravergine d'oliva nelle stesse quantità di prima. Tuttavia, gli intervistati erano disposti a ridurre gli acquisti di uova, frutta fresca, pesce, formaggi, vino e cibi surgelati.

Anche i ristoranti, che rappresentano uno dei canali più rilevanti per la vendita di olio extravergine di oliva, saranno probabilmente influenzati dalla risposta degli italiani all'inflazione.

Ismea ha osservato come il 24 per cento degli intervistati tra i 55 ei 64 anni e il 30 per cento delle coppie che hanno uno o più figli piccoli considererebbero di spendere meno per mangiare fuori.

I consumatori più giovani sembrano più disposti a tagliare vestiti e spese di viaggio. Tuttavia, tutti gli intervistati hanno sottolineato la loro attenzione al risparmio per salvaguardare il loro potere d'acquisto alimentare nazionale.

Ismea ha sottolineato come le famiglie continuino a tenere d'occhio il profilo sanitario degli alimenti che acquistano nell'attuale situazione. Il -% degli italiani intervistati ha affermato che non rinuncerebbe all'acquisto di cibo italiano anche se ciò abbasserebbe i costi.

Vedi anche:La campagna a Creta sollecita gli stabilimenti di ospitalità a scegliere oli d'oliva locali

Quasi la metà degli intervistati ha affermato che non smetterà di acquistare prodotti biologici e prodotti in modo sostenibile e specialità alimentari locali protette con un Denominazione d'origine protetta (DOP) o Indicazione geografica protetta certificazione (IGP).

Tuttavia, Ismea ha avvertito che questo dato varia in modo significativo a seconda del prodotto in questione.

Ad esempio, il 66 percento degli acquirenti intende esplorare le origini dell'olio extra vergine di oliva che acquista. Analoghi livelli di interesse sono stati espressi anche dai consumatori per l'origine di uova, pesce e carne.

Ismea ha notato come un numero significativo di consumatori italiani scelga i propri acquisti in base alle proprietà organolettiche del cibo, in particolare per il pane (44%), il vino (37%) e l'olio extravergine di oliva (20%).

Mentre una percentuale crescente di acquirenti dimostra che il marchio rimane rilevante nella scelta di pasta, surgelati o salsa di pomodoro, viene preso in considerazione anche il profilo di sostenibilità dei prodotti. Il -% ha affermato che cercherebbe quelle caratteristiche quando acquista uova, pane bianco o carne.

Tra le reazioni alle attuali sfide poste dall'inflazione, il 68 per cento delle famiglie italiane ha dichiarato che eviterà di sprecare cibo, mentre il 47 per cento confronterà i prezzi in modo più meticoloso.

Il 1% ha dichiarato che acquisterebbe meno cibo per continuare ad acquistare articoli di alta qualità. Al contrario, solo l'-% degli intervistati ha affermato che acquisterebbe alimenti di qualità inferiore per continuare ad acquistare la stessa quantità.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti