La Tunisia adotta misure per abbassare i prezzi dell'olio d'oliva in patria mentre i ricavi delle esportazioni diminuiscono

I bassi prezzi fissi per le esportazioni sfuse tunisine verso l'Europa significano che gli agricoltori tunisini non stanno beneficiando dell'impennata dei prezzi globali dell'olio d'oliva.
Sousse, Tunisia
Di Ofeoritse Daibo
18 dicembre 2023 13:09 UTC

Secondo TNI, un istituto di ricerca internazionale, le entrate dell'olio d'oliva tunisino sono diminuite. Gli agricoltori producono meno olio d'oliva a causa delle condizioni climatiche e la maggior parte dell'olio prodotto viene esportato all'estero a un prezzo fisso economico di 1.85 euro al litro.

Nell'ambito del suo accordo di partenariato con l'Unione Europea, la Tunisia esporta il 90% dell'olio d'oliva sfuso prodotto localmente verso il blocco dei 27 membri, lasciando solo il 10% per il consumo interno.

Questi sono modelli emersi nelle colonie passate. UNIONE EUROPEA. gli acquirenti mescolano oli tunisini con altri oli e li imbottigliano. La maggior parte dei consumatori non è consapevole del fatto che queste miscele sono prevalentemente tunisine.- Sarah Ben Romdane, fondatrice di KAÏA

L’accordo di cooperazione firmato dall’U.E. con il paese nordafricano consente alla Tunisia di esportare fino a 56,700 tonnellate di olio d'oliva esente da dazi nell'UE. Stati membri ogni anno. In questo processo la Tunisia ha perso un notevole valore aggiunto.

"Il sistema commerciale dominante in Tunisia è un sistema sfuso, in cui la maggior parte dell'olio d'oliva viene esportata nell'UE. a un prezzo economico", ha detto Sarah Ben Romdane, fondatrice di KAÏA Olive Oil Times.

Vedi anche:La Tunisia ha un piano per potenziare la sua industria dell'olio d'oliva

"Questi sono modelli emersi nelle colonie del passato”, ha aggiunto. "UNIONE EUROPEA. gli acquirenti mescolano oli tunisini con altri oli e li imbottigliano. La maggior parte dei consumatori non è consapevole del fatto che queste miscele sono prevalentemente tunisine. Il mio obiettivo nel lanciare KAÏA era quello immagina un nuovo sistema e sfidare quello vecchio.

Nell'ultimo mezzo decennio, la Tunisia ha prodotto una media di 257,000 tonnellate di olio d'oliva all'anno.

Secondo fonti locali, Si prevede che la produzione di olio d’oliva riprenderà a 220,000 tonnellate nella campagna 2023/24, dopo un raccolto deludente di 180,000 tonnellate nel 2022/23.

In effetti, la maggior parte dell'olio d'oliva tunisino viene esportato sfuso in Spagna e Italia, miscelato e poi riesportato con marchi spagnoli e italiani.

Ben Romdane ha affermato che i produttori europei realizzano buoni profitti in questo modo, vendendo olio d'oliva tunisino a buon mercato a scapito degli agricoltori tunisini, che sono costretti a fare i conti con guadagni inferiori in un contesto di crescente inflazione (all'8.3% a novembre).

"Dal punto di vista economico, gli agricoltori non guadagnano abbastanza denaro e le persone nelle zone rurali non beneficiano delle entrate derivanti dall’olio d’oliva. Gli agricoltori vendono olio d'oliva sfuso e non esiste alcuna nozione di provenienza, terroir, trasparenza o tracciabilità ", ha affermato. "Ciò che vendo è orgogliosamente tunisino. Implica lo storytelling, il branding e il packaging e mi consente di entrare nel mercato attraverso un percorso diverso."

"Questo è il motivo per cui sono stata ispirata a creare un'eredità familiare, a riconnettermi con le mie radici tunisine e a potenziare la cultura e il terroir tunisini", ha aggiunto.

Ciò che Ben Romdane vende è un marchio e, gradualmente, "In aumento le esportazioni “made in Tunisia”. – circa 27,000 tonnellate di olio imbottigliato in Tunisia sono state spedite in tutto il mondo nel 2020, rispetto alle sole 400 tonnellate del 2006.

I progressi, tuttavia, sono lenti. "Non è facile intraprendere questa strada. Inoltre, non è facile rompere il modello di dipendenza da una potenza coloniale formale", ha affermato Ben Romdane. "Se non hai un passaporto francese, non hai la possibilità di viaggiare, partecipare a fiere e incontrare potenziali clienti."

"È anche questione di poter parlare inglese e francese, oltre ai privilegi del visto, che facilitano i viaggi. Ma non esiste un modo per essere tunisino", ha aggiunto. "Alcuni tunisini stanno gradualmente vendendo olio d'oliva di prima qualità, ma si tratta ancora di un mercato di nicchia. Tuttavia, ci sono molte ragioni per credere nell'olio d'oliva tunisino.

Il 9 dicembre 2023 l'Osservatorio economico tunisino ha lanciato un appello revisione della quota annuale di esportazione di olio d’oliva della Tunisia. Ha osservato che l’attuale accordo di libero scambio dimostra una relazione sbilanciata tra la Tunisia e l’UE.

"Il sistema di massa è rimasto a causa di sfide strutturali, inclusa la valuta, che sono difficili da smantellare”, ha affermato Ben Romdane. "Inoltre, l’U.E. non ha interesse a sostenere l'olio d'oliva prodotto in Tunisia.

pubblicità
pubblicità

"In passato il governo ha tentato di rinegoziare i prezzi delle materie prime”, ha aggiunto. "L’intenzione c’è sicuramente”.

Recentemente, il governo tunisino ha annunciato l'intenzione di offrire un prezzo preferenziale per l'olio d'oliva sul mercato interno di 15 dinari tunisini (4.45 euro) al litro per garantire che i tunisini non siano danneggiati dalla diminuzione delle scorte in patria.

In un comunicato stampa congiunto, due enti governativi tunisini, il Ministero dell'Agricoltura, delle Risorse Idriche e della Pesca e il Ministero del Commercio e del Commercio, hanno annunciato che 10,500 tonnellate di olio extravergine d'oliva verrebbero tenuti da parte per le vendite al dettaglio destinate ai consumatori del mercato interno.

L'olio sarà confezionato in bottiglie da un litro e commercializzato in Tunisia a partire dal 15 dicembreth.

L’orientamento del settore incentrato sull’esportazione fa sì che gli agricoltori non possano vendere molto al mercato locale. Successivamente, la scarsa offerta di olio d'oliva ha aumentato i prezzi a livello nazionale.

Nell'ottobre 2023, il ministro tunisino, Abdelmonem Belati, ha indicato che il prezzo dell'olio d'oliva è balzato da 15 dinari (4.53 euro) al chilogrammo nel marzo 2023 a circa 25 dinari (7.54 euro) al chilogrammo in ottobre, con un aumento dell'80%.

All'epoca, Fawzi Al-Zayani, capo dell'Unione degli agricoltori tunisini, stimava che i prezzi dell'olio d'oliva sul mercato interno avrebbero dovuto raggiungere i 30 dinari (9 euro) al chilogrammo, causando preoccupazione per il governo di Tunisi.

Di conseguenza, il presidente tunisino Kais Saïed è intervenuto raccomandando la nuova misura di prezzo preferenziale.

Questa vendita sul mercato interno a un prezzo preferenziale offre ai consumatori locali quantità sufficienti di olio extra vergine di oliva tenendo conto del loro potere d'acquisto.

Dato che il reddito familiare medio mensile in Tunisia è compreso tra 201 e 500 dinari (da 60 a 150 euro circa) e che la disoccupazione ha raggiunto il 16.2% nel primo trimestre del 2023, questa misura mira ad alleviare il peso economico sui cittadini.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati