Sperimenta con le varietà di olive nordafricane che danno frutti in Croazia

Un produttore ha scoperto che i suoi alberi Chemlali e Picholine marocchini prosperano nel clima sempre più caldo e secco della Dalmazia.

Ivica Vlatkovic
Agosto 11, 2022
di Nedjeljko Jusup
Ivica Vlatkovic

Notizie recenti

Varietà di olive originari del Nord Africa stanno diventando tra i più adatti al clima nel sud della Croazia, ha scoperto uno dei principali produttori del paese.

Ivica Vlatkovic, an produttore pluripremiato e presidente dell'Associazione degli olivicoltori della contea di Zara, ha trascorso l'ultimo decennio innestando ulivi Chemlali e Picholine marocchini con la varietà locale Oblica.

Mi sono reso conto che le varietà africane crescono in condizioni climatiche più favorevoli per una migliore differenziazione delle cime, il che significa una migliore fertilità.- Ivica Vlatković, titolare, OPG Vlatković

Il suo uliveto di 500 alberi, situato sopra la pittoresca città di Novigrad, nella Dalmazia settentrionale, comprende principalmente varietà locali, combinate con alcune italiane, greche e nordafricane.

"Le varietà di olive africane di Chemlali e Picholine marocchina hanno prodotto il meglio quest'anno ", ha affermato Vlatković. "Studiando le varietà di olive, mi sono reso conto che le varietà africane stanno crescendo in condizioni climatiche più favorevoli per una migliore differenziazione delle gemme, il che significa una migliore fertilità".

Vedi anche:Svelare il mistero dietro la drammatica goccia di frutta della Slovenia

Ha aggiunto che i suoi alberi Chemlali e Picholine marocchini avevano dimostrato "fertilità straordinaria”, uniforme per l'assenza del ciclo di fruttificazione alternativo in queste varietà.

Vlatković ha anche elogiato la resilienza dei suoi alberi Chemlali. Dopo che i forti venti hanno danneggiato i rami esposti a nord di alcuni dei suoi alberi, Vlatković è stato ancora in grado di raccogliere un raccolto modesto dai rami esposti a sud di quegli stessi alberi.

pubblicità

Insieme alla loro robustezza, anche Vlatković crede in questo cambiamento climatico ha reso particolarmente adatte alla Dalmazia le varietà Chemlali e Picholinhe marocchine.

Le temperature medie annuali hanno continuato a riscaldarsi ogni anno e ora assomigliano a quelle tipiche del Nord Africa in estate. Anche i periodi di clima primaverile secco si sono trasformati in periodi di siccità più estesi durante l'estate.

Tuttavia, gli ulivi possono far fronte a questo clima arido in Nord Africa a causa della differenza di temperatura durante il giorno e la notte. Le temperature notturne significativamente più fresche hanno provocato la formazione di rugiada, fornendo l'acqua tanto necessaria agli alberi.

A differenza del Nord Africa, le temperature rimangono costanti durante il giorno e la notte sulla terraferma dalmata e le sue isole costiere. Di conseguenza, Vlatković ha installato l'irrigazione ogni mattina per sostituire l'assenza di rugiada.

"Non irrigo le olive. Li spruzzo", ha detto. "In questo modo viene utilizzata 10 volte meno acqua e gli effetti sono migliori. L'olivo è un raccolto di un clima arido e secco e richiede umidità al momento giusto, che è l'estate.

"Ha sviluppato la capacità di assorbire rapidamente l'umidità attraverso le foglie", ha aggiunto Vlatković. "Così queste olive vivono e portano frutto senza pioggia”.

Insieme alla loro resilienza al clima sempre più arido della Dalatia, Vlatković ha affermato che anche l'olio d'oliva risultante ha un sapore distinto. "L'olio di Chemlali ha una piccantezza pronunciata e una piacevole amarezza", ha detto.

Vlatković ha ricevuto le sue prime piantine Chemlali dall'Istituto di Cultura Adriatica vicino a Spalato, dove un ingegnere residente gli ha regalato piantine dall'albero genitore.

Secondo Vlatković, l'albero genitore Chemlali è stato portato in Croazia - allora parte della Jugoslavia - dopo che l'ex presidente Josip Broz Tito ha visitato una collezione di olivi in ​​Marocco e ha deciso di portare con sé alcuni campioni.

"Leggendo il valore di queste nuove olive, mi sono reso conto che sono le più abbondanti nei paesi del Maghreb e che sono buoni semi oleosi ", ha detto Vlatković. "Probabilmente risalgono al lontano passato della rotta fenicia della diffusione degli ulivi nel Mediterraneo”.

Insieme alle varietà nordafricane, è anche ottimista sul fatto che la rara varietà israeliana, Barnea, prospererà in Dalmazia. Gli fu regalato per la prima volta un albero di Barnea da un collega croato che viveva in Francia e piantò l'albero nel suo boschetto per onorare lo scienziato israeliano, Shimon Lavee.

Mentre la Croazia è molto lontana dalla produzione di olio d'oliva da varietà nordafricane e mediorientali su scala commerciale, Vlatković ha rivolto la sua attenzione alla prossimo raccolto.

Crede che sarà fruttuoso se pioverà entro la fine di questo mese. Lo stesso si può dire per la maggior parte degli oliveti croati irrigati durante il precedente periodo di siccità. I noccioli sono diventati marroni e ora l'olio si sta accumulando nel frutto.

"Se le piogge cadono, tutto sarà salvato e sarà un buon anno olivicolo sopra la media ", ha concluso Vlatković. "Se la siccità durerà fino a settembre, non gioverà né alla resa né alla qualità dell'olio".


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti