`Svelare il mistero dietro la drammatica goccia di frutta della Slovenia - Olive Oil Times

Svelare il mistero dietro la drammatica goccia di frutta della Slovenia

Giu. 25, 2022
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

La gioia dell'abbondante fioritura è stata seguita dalla tristezza un mese dopo la fecondazione quando le olive sono diventate marroni e sono cadute dai loro rami. Questa è una sintesi della stagione olivicola di quest'anno in Slovenia.

Stretto tra le Alpi e il Mare Adriatico, l'olivo è coltivato fin dall'antichità nelle zone costiere di Brdi, Goriška, Valle del Vipava, Carso e Istria slovena.

"L'olivicoltura ha un grande potenziale, sia dal punto di vista di un sistema alimentare sostenibile che dal punto di vista della conservazione della qualità dell'ambiente e del turismo sostenibile", ha affermato Maja Podgornik, capo dell'Istituto per l'olivicoltura presso ZRS Koper .

Vedi anche:Le siccità sono più frequenti, durano più a lungo e accelerano la carenza d'acqua, afferma l'ONU

sloveno olio extravergine d'oliva è regolarmente riconosciuto per la sua qualità in concorsi internazionali. Al NYIOOC World Olive Oil Competition, il più grande concorso di qualità al mondo, i produttori sloveni hanno vinto premi ogni anno sin dal suo inizio nel 2013.

Le olive sono coltivate su 2,389 ettari in Slovenia da circa 4,200 coltivatori. Il reddito totale generato dal settore raggiunge i 10-15 milioni di euro ogni anno. Di conseguenza, gli olivicoltori cercano disperatamente risposte alla caduta dei frutti di quest'anno.

produzione-svelare-il-mistero-dietro-la-slovenia-drammatico-frutta-goccia-tempi-di-olio-d'oliva

"L'attuale appassimento e caduta dei frutti non può essere collegato con gli attacchi di malattie e parassiti", ha risposto con decisione l'Istituto Forestale Agrario di Nova Gorica.

A causa della mancanza di precipitazioni e delle condizioni di estrema siccità che ne derivano, quest'anno sono stati segnalati pochi focolai di malattie.

pubblicità

Mentre alcuni casi di occhio di pavone (Spilocaea oleagina) e macchia d'oliva (Mycocentrospora cladosporioides), sono state segnalate due malattie fungine, l'irrorazione tempestiva ha impedito il verificarsi di danni. Il fenomeno è stato meno pronunciato rispetto agli anni precedenti.

Con l'ausilio di trappole a feromoni, gli allevatori hanno anche potuto seguire il volo e i cicli riproduttivi della tignola dell'olivo (prega oleae). Hanno affermato di non aver notato molte differenze nel tempo e nel numero di focolai di parassiti rispetto agli anni precedenti.

"Da diversi anni monitoriamo regolarmente la presenza della cimice marmorea (Halyomorpha halys) negli uliveti", hanno scritto i funzionari dell'istituto nel loro rapporto. "Il parassita è stato regolarmente osservato nei singoli oliveti, ma in numero inferiore rispetto all'anno scorso".

"Le olive autoctone (normalmente sviluppate, essiccate e cadute) vengono regolarmente campionate e ispezionate per eventuali danni causati da punture di insetti neri ", hanno aggiunto. "Non abbiamo notato alcun danno da parassiti”.

Pertanto, hanno concluso che la durante e la caduta dei frutti non era collegata ad attacchi dell'insetto marmoreo o alla presenza di altri parassiti negli uliveti.

Dall'inizio di quest'anno, il più importante parassita dell'olivo – il mosca di frutta d'oliva (Bactrocera oleae) – è stato monitorato in dozzine di località con l'aiuto di trappole a feromoni.

La mosca è stata individuata in numero maggiore da fine marzo a inizio maggio, periodo prima della fioritura degli ulivi. Successivamente, le popolazioni di moscerini della frutta dell'olivo sono diminuite in modo significativo.

Le condizioni meteorologiche attuali non sono favorevoli alla comparsa di parassiti, come confermato dal numero esiguo individuato nelle trappole a feromoni. Tuttavia, i funzionari raccomandano ancora agli agricoltori di posizionare trappole nei loro boschetti per scoraggiare potenziali infestazioni.

Secondo gli esperti, al momento non sono necessarie ulteriori misure contro i parassiti.

Invece, ritengono che la causa dell'essiccazione e della caduta sia più correlata a fattori abiotici come la temperatura dell'aria, la temperatura del suolo e le precipitazioni.

produzione-svelare-il-mistero-dietro-la-slovenia-drammatico-frutta-goccia-tempi-di-olio-d'oliva

Nel periodo dalla fioritura alla maturazione, una quantità sufficiente di acqua è molto importante per lo sviluppo dei frutti dell'olivo. È stato scientificamente provato che sugli alberi esposti a temperature più elevate è presente un aumento della caduta di frutta e di conseguenza un raccolto minore.

Sulla base del monitoraggio delle precipitazioni, gli esperti sloveni hanno affermato che l'inverno e la primavera del 2022 sono stati i più secchi dal 1993. Nel complesso, si aspettano che il 2022 sarà l'anno più secco degli ultimi tre decenni.

Nei primi sei mesi del 2022 in Slovenia sono caduti solo 193 millimetri di pioggia. Da settembre 2021 ad aprile 2022, la quantità totale di precipitazioni è stata di circa 300 millimetri. Per uno sviluppo ottimale delle olive sono necessari almeno 500 millimetri di pioggia.

"La portata della siccità di quest'anno supera quella del 2003, 2012 e 2017, quando gli olivicoltori hanno prodotto dal 40 al 70% in meno di olive e la siccità è stata dichiarata un disastro naturale a livello statale ", hanno affermato i funzionari.

La mancanza di precipitazioni in inverno e in primavera porta molti mal di testa agli olivicoltori poiché l'umidità non si accumula nel terreno. Entro la fine della primavera, nel periodo prima e durante la fioritura, una piovosità insufficiente significa che gli alberi non sono in grado di concimare normalmente i fiori e di ricevere i nutrienti.

Gli esperti ritengono che ciò abbia portato a uno sviluppo più debole degli organi floreali e alla completa fertilizzazione, che potrebbe aver provocato l'imbrunimento e la caduta dei frutti.

Un'altra conseguenza della continua siccità nel paese sono stati gli incendi dilaganti che hanno bruciato in tutta la Slovenia.

Secondo dati dal Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS), cinque incendi hanno bruciato 2,384 ettari in Slovenia nei primi sei mesi del 2022. Dal 2008 al 2021, 10 incendi hanno bruciato 1,095 ettari, meno della metà dei danni di quest'anno.

Nella regione del Carso, al confine occidentale della Slovenia con l'Italia, l'incendio del Carso sta attualmente devastando. Le foto dei media locali suggeriscono che alcuni ulivi sono bruciati e il fumo ha costretto i residenti locali a fuggire.

Secondo EFFIS, il 2022 è pronto per essere il peggiore stagione degli incendi in Europa da quando sono iniziate le registrazioni.

Daniel Dawson ha contribuito a questo rapporto.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti