Monitoraggio dell'aumento dell'olio d'oliva in Giappone

La crescente quantità e qualità della produzione di olio d'oliva in Giappone offre opportunità sia agli agricoltori locali che agli esportatori europei.

(Foto: Fattoria Crea)
Di Cristoforo Argentino
12 giugno 2023 10:44 UTC
1627
(Foto: Fattoria Crea)

Con una ricca storia che risale al periodo Edo, che terminò nel 1867, l'industria giapponese dell'olio d'oliva ha assistito a una notevole crescita e successo, sfidando le sfide uniche poste dall'ambiente del paese e condizioni meteo.

Spinti dall'aumento della domanda e dall'evoluzione dei modelli di consumo, molti produttori dell'undicesimo paese più popoloso del mondo e della terza economia più grande hanno abbracciato la coltivazione dell'olivo.

Il crescente interesse per l'olivicoltura può essere misurato dall'aumento delle iscrizioni al più grande concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva, il NYIOOC World Olive Oil Competitione la crescita del concorso locale Olive Japan.

Vedi anche:Il Giappone potrebbe riconoscere alcuni oli d'oliva DOP e IGP dai paesi europei

Dal 2015, il numero di iscrizioni e premi per i produttori giapponesi al NYIOOC ha costantemente aumentato, passando da una singola partecipazione nella terza edizione del concorso a 10 nel 2023.

L'edizione 2023 di Olive Japan è stata anche una potente piattaforma per i produttori giapponesi per mostrare il loro olio d'oliva a un pubblico nazionale, consolidando ulteriormente la loro posizione nel mercato globale.

"Mentre ci si aspetta che questi giovani pionieri si concentrino sulla coltivazione dell'olivo e sulla lavorazione dell'olio d'oliva, i problemi di costo dovrebbero essere i prossimi ostacoli dopo il controllo ambientale ", ha affermato Toshiya Tada, direttore generale di Olive Japan.

Mentre l'isola di Shodoshima, immersa nell'idilliaco mare di Setonaikai, rimane il centro principale con oltre 30 produttori dedicati che contribuiscono a oltre il 95% del volume di produzione totale del paese, i produttori di olio d'oliva in Giappone hanno iniziato a esplorare anche altre regioni.

L'area di Kyushu segue da vicino l'esempio con 11 importanti produttori e produttori emergenti hanno lasciato il segno in regioni come Kagawa e Okayama, portando a una visibile diversificazione dei siti di produzione.

Sebbene la produzione di olive stimata in Giappone ammonti a circa 600 tonnellate, risultando in circa 30 tonnellate di olio d'oliva, la presenza di quasi 100 produttori a livello nazionale indica un crescente interesse e una partecipazione attiva all'interno del settore.

Le aziende olivicole sono germogliate in tutta la nazione, gestite principalmente da piccoli produttori, compresi pensionati e giovani pionieri ambiziosi guidati dalla passione per l'eccellenza.

Crea Farm nella prefettura di Shizuoka ha ottenuto un riconoscimento e un successo significativi tra i leader emergenti del settore dell'olio d'oliva giapponese.

L'azienda ha dedicato oltre 10 ettari alla coltivazione di ulivi ai piedi del maestoso Monte Fuji, con un'impressionante produzione annua di 30 tonnellate di olive.

business-produttivo-asiatico-monitoraggio-dell-aumento-dell-olio-d-oliva-in-giappone-olive-oil-times

(Foto: prefettura di Kyoto)

Takeda Olive Farm, situata nella prefettura settentrionale di Kyoto, è emersa come un notevole contendente nonostante le sfide presentate dalle abbondanti nevicate durante l'inverno, mettendo in mostra la loro incrollabile dedizione con oltre 2 ettari di coltivazione dell'olivo.

"Il prezzo di vendita medio approssimativo di Shodoshima olio extravergine d'oliva è di oltre $ 60 per 250 millilitri, meno competitivo dell'olio extra vergine di oliva premium spagnolo importato ", ha affermato Tada.

Tuttavia, mentre l'industria prospera, i produttori giapponesi devono affrontare notevoli ostacoli legati ai costi. Il prezzo medio di vendita dell'olio d'oliva prodotto da Shodoshima lo rende meno competitivo rispetto agli oli d'oliva spagnoli importati.

Per superare questa sfida, giovani pionieri e produttori affermati si stanno impegnando attivamente per migliorare le misure di controllo ambientale e attuare strategie economicamente vantaggiose nelle tecniche di coltivazione e lavorazione.

pubblicità

La crescita delle competizioni nazionali e l'aumento dei premi sulla scena internazionale rappresentano pietre miliari cruciali per l'industria giapponese dell'olio d'oliva, fornendo riconoscimento e un'importante piattaforma per la promozione.

Con una partecipazione crescente, tecniche di coltivazione raffinate e una base di consumatori in crescita, l'industria giapponese dell'olio d'oliva è pronta a sostenere la sua fiorente traiettoria anche in futuro.

business-produttivo-asiatico-monitoraggio-dell-aumento-dell-olio-d-oliva-in-giappone-olive-oil-times

Promuovere l'olio d'oliva giapponese in Europa all'evento Very International Marche

In Giappone, la produzione interna annuale di olio d'oliva è stata limitata a circa 45 tonnellate nel 2020, rendendo il paese dipendente dalle importazioni per soddisfare la domanda dei suoi consumatori.

Solo nel 2020, il Giappone ha importato circa 70,000 tonnellate di olio d'oliva, con l'Unione Europea come principale fornitore, rappresentando il 96% delle importazioni totali. Spagna e Italia, i principali esportatori dell'UE, dominano il mercato, vantando una quota di mercato combinata di circa il 94%.

Nonostante l'inizio relativamente basso, il consumo di olio d'oliva in Giappone è stato in costante crescita, raggiungendo circa 0.57 chilogrammi pro capite nel 2019.

La tendenza in aumento può essere attribuita alla crescente popolarità della cucina mediterranea in Giappone dall'inizio degli anni '1990 e alla crescente consapevolezza del benefici alla salute di olio d'oliva.

Nell'ultimo decennio, le importazioni di olio extra vergine di oliva sono più che raddoppiate, conquistando una quota del 77% delle importazioni totali nel 2020.

Tuttavia, a causa della pandemia di Covid-19, le importazioni hanno registrato un temporaneo calo di circa il 4% quell'anno. Nonostante il calo, i consumi delle famiglie sono aumentati poiché più persone si sono rivolte alla cucina casalinga, compensando in parte l'impatto negativo sul settore della ristorazione.

Il segmento al dettaglio giapponese del mercato dell'olio d'oliva dovrebbe continuare la sua traiettoria di crescita, presentando opportunità lucrative per le piccole e medie imprese (PMI) europee interessate ad entrare nel mercato giapponese.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati