La mosca delle olive potrebbe minare il greco Olive Oil Produzione

La mosca della frutta minaccia le aspettative di un raccolto eccezionale. Gli esperti suggeriscono un cambiamento nelle pratiche consolidate di lotta contro il parassita.

Mosca di frutta olivata
Di Costas Vasilopoulos
5 dicembre 2022 16:52 UTC
Mosca di frutta olivata

Con la raccolta delle olive in pieno svolgimento in Grecia, il previsto olive oil proaumento della riduzione unitamente a prezzi alla produzione elevati, che si mantengono stabilmente sopra i 4.50 euro al chilogrammo di olio extravergine d'oliva, hanno accresciuto le speranze dei produttori per un raccolto gratificante quest'anno.

Tuttavia, la costante minaccia del mosca di frutta d'oliva è emerso ancora una volta come un puzzle impegnativo da mettere insieme per il settore dell'olio d'oliva del paese.

Il programma annuale per contenere la mosca della frutta nelle aree di produzione del paese deve uscire dallo Stato e passare nelle mani degli agricoltori stessi.- Vassilis Frantzolas, consulente per l'olio d'oliva

In estate, è stato registrato un aumento delle popolazioni di insetti in diverse aree del paese.

Alcune operazioni tardive di spolveratura delle colture per prevenire ulteriori riproduzioni di parassiti si sono verificate in diverse regioni produttrici di olio d'oliva in ottobre, comprese parti di Creta e la penisola del Peloponneso. Tuttavia, la mosca provoca ancora ansia per i produttori.

Vedi anche:L'olivicoltore croato innova per superare la siccità, i parassiti

Nella regione di Ilia, nel Peloponneso occidentale, la mosca è stata rilevata principalmente nelle zone di produzione costiere e nei piccoli uliveti, secondo il dipartimento locale dell'agricoltura.

Il dipartimento ha attribuito l'aspetto del moscerino della frutta alla combinazione di temperatura e umidità prevalente nell'area in questo periodo dell'anno. Ha avvertito i produttori di rimanere vigili e di adottare tutte le misure necessarie per proteggere la stagione olive oil produzione.

Sull'isola di Lesbo, un incontro di produttori locali, agronomi e rappresentanti dell'amministrazione locale sul programma di controllo della mosca della frutta non è riuscito a raggiungere un accordo sui prossimi passi necessari per mitigare la minaccia della mosca per le popolazioni locali olive oil produzione.

Secondo i produttori, quest'anno circa il 40 percento delle olive è andato perso dagli ulivi dell'isola a causa dell'estesa infestazione della mosca della frutta.

D'altra parte, gli agronomi dell'amministrazione hanno sostenuto che quasi un terzo degli ulivi dell'isola sono di età avanzata e dovrebbero essere rinnovati per diventare resistenti alle malattie.

A Creta, dove quest'anno è previsto un raccolto eccezionale di oltre 100,000 tonnellate di olio d'oliva, la mancanza di lavoratori ha reso le olive più suscettibili all'attacco della mosca della frutta poiché i frutti rimangono esposti sugli alberi più a lungo del solito.

"Mentre il raccolto si svolge, vediamo i vermi [dall'allevamento della mosca della frutta] lasciati sui rimorchi dei trattori quando i produttori trasferiscono le loro olive al frantoio per la lavorazione ", ha affermato Yiannis Koukakis, un mugnaio con sede vicino a Chania.

"Abbiamo bisogno di lavoratori per lavorare nei campi”, ha aggiunto, riferendosi alla scarsità di manodopera nella zona. "Ci sono persone che vogliono lavorare qui, ad esempio dipendenti pubblici e altri che prestano servizio nelle forze armate, ma lo stato non consente loro di ottenere legittimamente un secondo lavoro e devono lavorare illegalmente per aumentare il loro reddito”.

Nel vicino distretto di Apokoronas, le autorità hanno esortato i produttori locali a raccogliere le olive il prima possibile per evitare qualsiasi grave impatto della mosca della frutta sulla qualità e quantità dell'olio d'oliva prodotto.

Le analisi chimiche hanno dimostrato che l'acidità degli oli d'oliva della zona ha iniziato ad aumentare al di sopra dei livelli normali in questa stagione.

Vedi anche:In Grecia, i Miller chiedono sussidi per attenuare l'impatto dell'aumento dei costi

Nel frattempo, l'associazione degli agronomi cretesi ha rilevato che la mosca è diventata immune ai pesticidi esistenti e ha chiesto al ministero dell'agricoltura di mettere a disposizione dei produttori nuovi pesticidi a Creta e nel resto del paese.

"La lotta alla mosca della frutta dell'olivo sta incontrando molte difficoltà negli ultimi anni, principalmente a causa del ritiro delle sostanze attive precedentemente autorizzate, ma anche a causa della resistenza della mosca della frutta agli insetticidi piretroidi", ha scritto l'associazione in una lettera al ministero .

pubblicità

"Soprattutto in alcune zone di Creta, la resistenza è piuttosto elevata", hanno aggiunto. "Di conseguenza, è imperativo aumentare i pesticidi disponibili contro le mosche valutando e autorizzando nuove sostanze attive”.

Tuttavia, il modello operativo stabilito contro la mosca della frutta in Grecia è considerato inefficiente da alcuni esperti.

"Il quadro legislativo esistente relativo alla lotta contro la mosca della frutta dell'olivo è stato introdotto nel 1976 senza alcun miglioramento sostanziale per quasi 50 anni ", ha detto l'esperto assaggiatore e consulente di olio d'oliva Vassilis Frantzolas Olive Oil Times.

"Il programma annuale per contenere la mosca della frutta nelle aree di produzione del paese deve uscire dallo stato e passare nelle mani degli stessi agricoltori”, ha aggiunto.

In Grecia, l'uso di trappole e attività estensive di spolveratura contro la mosca dell'olivo è regolamentato dalle autorità regionali del paese. Quindi, le operazioni sul campo effettive vengono assegnate a operatori esterni, con gli olivicoltori che contribuiscono all'impresa con una quota del 2 percento del valore dell'olio d'oliva prodotto.

Frantzolas ha affermato che in altri paesi europei produttori di olio d'oliva, tra cui Spagna, Italia e Francia, olive oil proi produttori ricevono dati in tempo reale sulle condizioni colturali esistenti, comprese informazioni sulle manifestazioni della mosca della frutta e altre malattie dell'olivo e indicazioni su come affrontarle.

"Ancora di più, le operazioni di spolveratura delle colture contro la mosca dell'olivo in Grecia si basano su pesticidi chimici, una pratica che è sbagliata per impostazione predefinita ", ha affermato.

"La Grecia, essendo uno stato membro dell'UE, è obbligata ad applicare il direttiva 2009/128 sull'uso sostenibile dei pesticidi, tenendo conto degli approcci precauzionali e preventivi prima di qualsiasi irrorazione di pesticidi", ha concluso Frantzolas. "Questo semplicemente non è il caso nel paese”.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti