Segni promettenti di un raccolto robusto in Grecia

Contrariamente ad altri principali produttori europei, la Grecia prevede un aumento sostanziale della resa del raccolto. Tuttavia, sfide significative potrebbero ostacolare il conteggio finale.

Creta, Grecia
Settembre 29, 2022
Di Costas Vasilopoulos
Creta, Grecia

Notizie recenti

Dopo una moderata resa di 227,000 tonnellate di olio d'oliva l'anno scorso, un aumento significativo di olive oil produzione è previsto in Grecia nella campagna 2022/23.

Secondo alcune stime, l'importo di olive oil proprodotto a livello nazionale sarà probabilmente vicino o addirittura superiore a 300,000 tonnellate, cinque anni dopo la stagione del raccolto 2017/18, quando il paese ha prodotto 346,000 tonnellate.

La resa di questa stagione sarà da record, soprattutto lungo la zona costiera (di Creta). Tuttavia, la mancanza di lavoratori sul campo è un grosso problema.- Yiorgos Motakis, capo, associazione agricola Palea Roumata

La Grecia ha vissuto un'estate mite, a differenza dell'eccezionale condizioni climatiche calde e secche che hanno prevalso in gran parte dell'Europa occidentale e meridionale, causando stime del raccolto nei principali paesi produttori come Spagna e Italia da rivedere al ribasso.

Diverse regioni produttrici di olio d'oliva della Grecia, tra cui Ilia nel Peloponneso, Etolia-Acarnania nella terraferma occidentale e Magnesia nella Grecia centrale, sono dovrebbe rimbalzare dalla produzione bassa a quella media dell'anno scorso e puntare verso un raccolto robusto.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

Tuttavia, la manifestazione di mosca di frutta d'oliva popolazioni in alcune zone di produzione, principalmente nel Peloponneso e Creta, i due centri dell'industria greca dell'olio d'oliva, è motivo di preoccupazione per i coltivatori e i produttori locali.

Nel Peloponneso meridionale, le regioni della Messenia e della Laconia sono entrambe destinate a incrementi della produzione a doppia cifra, secondo i dipartimenti locali dell'agricoltura.

pubblicità

Le stime provvisorie della produzione dei dipartimenti collocano la resa in olio d'oliva di Messenia vicino a 40,000 tonnellate (in aumento del 20 percento) mentre la vicina Laconia prevede circa 30,000 tonnellate (con un aumento del 50 percento).

I produttori locali prevedono anche un raccolto eccezionale di olio d'oliva, di gran lunga migliore del precedente raccolto mediocre.

"Ci aspettiamo che la nostra area produca circa 4,500 tonnellate quest'anno, il che si traduce nel 90% della capacità produttiva dell'area", ha detto Panayiotis Batzakis, capo dell'associazione agricola Agioi Apostoloi in Laconia Olive Oil Times. "L'anno scorso siamo riusciti a raggiungere solo la metà della nostra capacità produttiva".

"Finora non abbiamo avuto problemi con la mosca della frutta e le abbondanti piogge invernali sono state benefiche per gli ulivi ", ha continuato Batzakis. "Coltiviamo principalmente alberi della varietà Athinolia, che dà alcuni oli d'oliva molto aromatici".

Batzakis ha aggiunto che una sfida significativa per i produttori locali è la scarsità di manodopera e l'alto costo dell'assunzione di lavoratori ancora disponibili.

"La maggior parte dei lavoratori stranieri è partita per l'Italia", ha detto. "In anticipo, i salari sono aumentati ei produttori devono pagare tutte le tasse per ogni lavoratore che impiegano. Considerando tutte le altre spese, i costi del raccolto sono saliti alle stelle. Lo Stato deve intervenire per fornire una soluzione”.

Batzakis ha anche osservato che i prezzi dei produttori rimangono attualmente a livelli soddisfacenti, con un chilogrammo di fresco olio extravergine d'oliva vendo da 4.80€ a 4.90€ in zona.

Lo hanno raccontato altri produttori delle due regioni Olive Oil Times che la fruizione degli ulivi sia soddisfacente.

Tuttavia, hanno aggiunto che la mosca dell'olivo, un importante parassita, ha fatto sentire la sua presenza in alcune zone, aiutata dalla mancanza di significative ondate di caldo estive (con temperature superiori ai 35 °C), che impedirebbero all'insetto di riprodursi.

A Creta, olivicoltori e produttori puntano su un raccolto record di olio d'oliva di oltre 100,000 tonnellate, sebbene esistano preoccupazioni per l'impatto della mosca della frutta sulla produzione.

"La resa di questa stagione sarà da record, soprattutto lungo la zona costiera”, ha affermato Yiorgos Motakis, produttore e capo dell'associazione agricola Palea Roumata vicino a Chania. "Alcuni produttori hanno già iniziato a raccogliere le olive. Tuttavia, la mancanza di lavoratori sul campo è un grosso problema”.

Motakis ha aggiunto che nell'area sono state registrate popolazioni di moscerini della frutta in numero maggiore, criticando le azioni per contenere il parassita come inefficaci.

"Gli insetti stanno prosperando", ha detto. "Le operazioni di spolveratura del raccolto sono state eseguite utilizzando un solo tipo di pesticida, il che è inaccettabile. I pesticidi dovrebbero essere alternati e le operazioni dovrebbero essere completate prima. Il problema sarà evidente durante la vendemmia”.

Anche l'isola di Lesbo nel Mar Egeo orientale, un tradizionale territorio greco per la produzione di olio d'oliva, dovrebbe andare molto meglio quest'anno rispetto ai precedenti raccolti, con una produzione di circa 15,000 tonnellate di olio d'oliva.

Nella Grecia settentrionale, i produttori della Calcidica sono ottimisti su una forte resa di olio d'oliva in questa stagione.

"Sembra un buon anno", ha affermato Yiorgos Routos, produttore e mugnaio con sede nella penisola. "Finora non ci sono stati problemi con il moscerino della frutta poiché non ci sono state piogge, solo alcuni temporali si sono verificati a fine agosto, quindi ci aspettiamo [olio d'oliva] di altissima qualità".

Nel distretto nord-orientale di Alexandroupolis, la fioritura primaverile senza ostacoli degli ulivi ha portato a rami sovraccarichi di drupe di olivo.

Tuttavia, nella vicina zona di Makri, la tignola degli ulivi ha già messo a dura prova gli ulivi della zona.

"La falena delle olive ha causato una caduta prolungata di frutti d'oliva nella nostra zona ", Valia Kelidou di Kyklopas, un'azienda produttrice con sede a Makri e ripetuta vincitrice al NYIOOC World Olive Oil Competition, Ha detto Olive Oil Times. "Il moscerino della frutta non si vede da nessuna parte per il momento".

Kelidou ha aggiunto che Makri se la sarebbe cavata meglio rispetto agli anni precedenti in termini di quantità di olio d'oliva. Tuttavia, ha identificato l'aumento dei costi di produzione come un serio ostacolo a un raccolto gratificante.

"Nonostante si aspettino una resa elevata, i produttori non possono essere soddisfatti a causa dell'aumento dei costi", ha affermato. "I prezzi di energia, carburante, fertilizzante e le attrezzature stanno aumentando notevolmente. Anche i lavoratori sono difficili da trovare e le loro tariffe giornaliere stanno aumentando”.

"Nonostante i problemi, il nostro frantoio inizierà a funzionare all'inizio di questa stagione e speriamo che sia una buona stagione dell'olio d'oliva sia in termini di qualità che di quantità ", ha infine affermato. "Dopotutto, l'area di Makri è ampiamente riconosciuto per l'olio d'oliva di prima qualità che produce.



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti