In Grecia, i Miller chiedono sussidi per attenuare l'impatto dell'aumento dei costi

I proprietari di frantoi vogliono gli stessi sussidi energetici concessi ai fornai e ai produttori di pane per coprire il costo dell'aumento delle bollette energetiche.

Di Costas Vasilopoulos
31 ottobre 2022 13:58 UTC

I prezzi dell'energia sono in aumento in Grecia come ovunque in Europa, minacciando di far deragliare i bilanci dei proprietari di frantoi del paese prima di un raccolto abbondante quest'anno.

L'obiettivo non è quello di sconvolgere gli equilibri di produttori, mugnai, commercianti e consumatori a scapito del prodotto e delle sue prospettive future.- Rappresentante, associazione degli agricoltori di Kritsa

Superare l'aumento dei costi di produzione a carico del settore, le associazioni di mugnai e produttori di tutto il paese hanno chiesto al governo greco di dare più soldi ai mulini dai fondi europei stanziati per la transizione energetica delle industrie e degli impianti manifatturieri.

On Creta, l'associazione degli agricoltori di Kritsa, una grande cooperativa di 1,350 olivicoltori e olive oil producers con 300,000 ulivi, gestisce un moderno mulino vicino alla città di Agios Nikolaos, nella parte orientale dell'isola.

Nonostante l'anticipo di un'elevata resa di olio d'oliva nella zona, l'associazione è fortemente preoccupata per l'aumento dei costi di produzione.

Vedi anche:Semaforo verde UE Sovvenzione di 100 milioni di euro per i frantoi italiani

"Ci aspettiamo un raccolto abbondante, ma prevediamo anche che il costo dell'estrazione dell'olio d'oliva aumenterà notevolmente in questa stagione a causa dei prezzi più elevati dell'energia ", ha detto Yianna Peraki, membro dell'associazione Olive Oil Times. "Abbiamo inviato una lettera ai ministri dell'agricoltura e delle finanze chiedendo loro di aumentare i fondi destinati ai mulini per ridurre i costi energetici”.

"In caso contrario, saremo costretti ad aumentare i nostri diritti per l'olio d'oliva [una percentuale del olive oil proprodotto da ogni lotto di olive con cui vengono pagati i mugnai in Grecia], il che renderà insoddisfatti i nostri produttori ", ha aggiunto.

Nella lettera ai due ministri, che è stata vista do olive oil Times, l'associazione Kritsa ha affermato che i frantoi sono in una situazione di stallo, dovendo assorbire il costo aggiuntivo della lavorazione delle olive o, in alternativa, trasferire il costo ai produttori.

"L'aumento dei costi avrà una serie di effetti collaterali indesiderati", ha scritto l'associazione. "L'unica soluzione realistica ed equa è sovvenzionare il consumo energetico dei frantoi d'oliva in modo simile ai panifici per il periodo di cinque mesi da novembre a marzo".

"L'obiettivo non è quello di sconvolgere l'equilibrio di produttori, mugnai, commercianti e consumatori a scapito del prodotto e delle sue prospettive future", hanno aggiunto.

Da settembre, le panetterie e i grandi impianti di produzione del pane in Grecia sono stati finanziati con un sussidio statale aumentato di 604 euro per kilowattora, che copre l'89% dell'aumento delle loro bollette energetiche.

La richiesta dei produttori cretesi di aiuti finanziari più forti da parte dello stato è stata ripresa dalle loro controparti in altre regioni produttrici di olio d'oliva del paese.

Vedi anche:I produttori in Grecia generano elettricità con le acque reflue del frantoio

In Laconia, nel Peloponneso meridionale, anche i mugnai locali hanno chiesto sussidi simili a quelli delle industrie del pane per assicurarsi un "vita dignitosa”.

Hanno affermato che i costi operativi dei frantoi sono aumentati del 50 percento quest'anno rispetto al 2019, nonostante i prezzi dell'olio d'oliva relativamente più alti all'origine quest'anno.

"I frantoi devono affrontare il dilemma di aumentare i diritti per l'olio d'oliva che ricevono [dai produttori] o di sospendere la loro attività, il che comporterà un onere aggiuntivo per i produttori che devono già affrontare un aumento dei costi nelle loro operazioni di coltivazione e raccolta ", il hanno detto i rappresentanti dei mugnai.

Mugnai e produttori che rappresentano quasi tutte le regioni produttrici di olio d'oliva in Grecia hanno presentato richieste simili per un aumento dei finanziamenti, comprese le regioni di Ilia e Messenia nel Peloponneso, Etolia-Acarnania e Magnesia nella Grecia centrale, Calcidica e Kavala nella Grecia settentrionale e il isola di Lesbo nel Mar Egeo orientale.

Nel frattempo, Yiorgos Georgantas, il ministro dell'agricoltura greco, ha spinto gli agricoltori e i coltivatori del paese a formare cooperative come mezzo per ridurre i costi di produzione e ottenere prezzi migliori.

"C'è solo una soluzione al problema delle fattorie frammentate per non alterare la tradizione greca e spezzare i legami che la popolazione urbana ha da anni con la propria terra d'origine", ha detto Georgantas in una fiera agricola a Salonicco. "E la soluzione sono gli schemi cooperativi”.

Il ministro ha aggiunto che la cooperazione tra gli agricoltori promuove il commercio e consente un uso estensivo delle nuove tecnologie, che possono ridurre i costi e aumentare la quantità di produzione.

"Il futuro dell'economia rurale greca risiede negli schemi di cooperazione", ha concluso Georgantas.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti