L'Europa riconsidera il divieto dei pesticidi mentre incombe la crisi alimentare globale

La Commissione aveva proposto un piano ambizioso per ridurre della metà l'uso di pesticidi entro il 2020. Quasi la metà degli Stati membri dell'UE si oppone alla mossa.

Irrorazione della vite in Francia
Giu. 25, 2022
Di Paolo DeAndreis
Irrorazione della vite in Francia

Notizie recenti

I ministri dell'Agricoltura hanno avvertito che la riduzione significativa dell'uso di pesticidi nell'Unione europea potrebbe influire sui raccolti in un periodo di grande incertezza.

Un obiettivo ambizioso proposto dalla Commissione europea di dimezzare l'uso di pesticidi entro il 2030 è stato criticato dagli Stati membri al Consiglio Agricoltura e Pesca (Agrifish), che si è svolto di recente a Bruxelles.

Controllare una malattia senza molecole sintetiche potrebbe essere difficile, ma è necessario.- Gennaro Sicolo, presidente, Italia Olivicola

All'incontro, hanno sottolineato i ministri "la necessità di valide alternative sostenibili ai pesticidi chimici prima di fissare obiettivi di riduzione obbligatori”.

Hanno aggiunto che anche le nuove normative dovrebbero prendere in considerazione "le differenze di geografia, clima e punti di partenza nei diversi Stati membri” prima di imporre restrizioni.

Vedi anche:I ricercatori reintroducono i pipistrelli negli uliveti andalusi per combattere i parassiti

Lo hanno ulteriormente sottolineato "la sostenibilità non va ricercata spesa per la sicurezza alimentare o della competitività dell'agricoltura dell'UE, soprattutto nell'attuale contesto dell'aggressione russa contro l'Ucraina".

Le divisioni emergenti tra i 27 ministri dell'agricoltura avranno probabilmente un impatto significativo sulla nuova regolamentazione su cui sta lavorando la Commissione europea. L'obiettivo del regolamento è ridurre l'uso di sostanze chimiche in agricoltura.

pubblicità

La proposta di regolamento chiede ai governi di fissare obiettivi nazionali di riduzione e di farli rispettare disinfestazione rispettosa dell'ambiente attraverso pratiche integrate di gestione dei parassiti con pesticidi utilizzati come misura di ultima istanza.

Le regole prevedono anche un divieto assoluto di uso di pesticidi nei parchi, nei parchi giochi, nelle scuole e nelle aree ecologicamente sensibili.

Infine, le regole proposte consentono ai governi di utilizzare i fondi del Politica agricola comune (PAC) per coprire i costi degli agricoltori mentre passano ad altre forme di controllo dei parassiti.

La più forte opposizione ai regolamenti proposti è arrivata da Spagna, Portogallo, Malta, Lussemburgo, Slovacchia, Slovenia, Polonia, Lettonia, Lituania, Estonia, Bulgaria e Ungheria.

Il ministro dell'agricoltura spagnolo ha avvertito che vietare i pesticidi nelle aree ecologicamente sensibili potrebbe consentire loro di diventare terreno fertile per i parassiti. Il ministro sloveno ha aggiunto che gli agricoltori di queste zone avrebbero uno svantaggio significativo a causa dei divieti.

Tuttavia, Stella Kyriakides, Commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare, difeso la proposta e la sicurezza alimentare e la resilienza a lungo termine richiedono un cambio di rotta per quanto riguarda l'uso dei pesticidi.

"Non stiamo vietando l'uso di pesticidi", ha affermato. "La gamma di alternative biologiche ea basso rischio sta progressivamente aumentando sul mercato, con più approvazioni e regole più snelle, per aiutare la transizione degli agricoltori”.

"Anche l'uso continuo della ricerca, dell'innovazione e delle nuove tecnologie sosterrà la transizione", ha aggiunto. "L'invasione russa dell'Ucraina significa che dobbiamo adattarci alle nuove realtà. Ma non possiamo lasciare che ciò interrompa la nostra spinta alla sostenibilità”.

L'ulteriore riduzione dell'uso di pesticidi influenzerà anche gli olivicoltori, molti dei quali si sono opposti Divieto di ottobre 2021 sull'uso del dimetoato.

La sostanza chimica è ampiamente considerata l'unica linea di difesa efficace contro il mosca di frutta d'oliva negli uliveti. Alcuni contadini avevano lamentato che il divieto è stato attuato in assenza di valide strategie alternative di controllo degli insetti.

"Nel corso degli anni i principi attivi di sintesi hanno alimentato un approccio fitosanitario più incentrato sul trattamento della patologia e meno sulla prevenzione, grazie alla disponibilità sul mercato di pesticidi come il dimetoato”, ha affermato Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola, associazione di produttori, ha detto Olive Oil Times.

"Controllare una malattia senza molecole sintetiche potrebbe essere difficile, ma è necessario", ha aggiunto. "L'intero processo produttivo deve avvenire tenendo conto della protezione dell'ambiente e delle sue risorse naturali".

Sicolo sostiene che gli olivicoltori dovrebbero adottare un approccio più preventivo alla diffusione dei parassiti.

"Ciò può innescare un circolo virtuoso in cui il benessere della pianta è al centro, in armonia con il suolo e l'intero ambiente che la abita”, ha affermato. "Dobbiamo ricostruire le nostre strategie di controllo [dei parassiti]".

Vedi anche:I ricercatori identificano i composti per arginare la diffusione del Verticillium Wilt

Lo ha confermato il rapporto annuale 2021 dell'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA). l'uso di pesticidi nella produzione delle olive è piuttosto basso in Europa.

La maggior parte dei campioni – il 96 per cento di 100,000 – analizzati dall'EFSA ha mostrato che la presenza di sostanze chimiche era ben al di sotto del limite legale. Inoltre, il 57% di tutti i campioni non conteneva livelli di residui quantificabili.

"Sfortunatamente, un approccio biologico all'agricoltura non dipende solo dagli olivicoltori ", ha affermato Sicolo. "Un approccio più ampio può e deve provenire da altre aree in cui i prodotti sintetici sono ampiamente utilizzati. L'olivicoltura può fare la sua parte anche di fronte all'aumento dei costi".

Secondo la Federazione europea dell'alimentazione, dell'agricoltura, del turismo e del commercio (EFFAT), il regolamento proposto rappresenta un passo avanti ma non tiene conto degli impatti specifici dell'uso di pesticidi, come quelli sulla salute dei lavoratori.

"Il pericolo dei pesticidi in Europa è reale”, ha affermato Kristjan Bragason, segretario generale dell'EFFAT. "L'esposizione a pesticidi e prodotti chimici per l'agricoltura costituisce uno dei maggiori rischi cui devono far fronte i lavoratori agricoli, sebbene ancora ampiamente sottovalutato. Proteggere la salute e la sicurezza dei lavoratori significa puntare per un'agricoltura veramente sostenibile”.

Natalija Svrtan, attivista per l'agricoltura senza pesticidi, ha detto Olive Oil Times che invertire 80 anni di danni causati dai pesticidi al suolo, alla biodiversità e alla salute umana sarebbe un processo lungo.

"Non possiamo risolvere il problema dall'oggi al domani, applicando una soluzione semplice", ha affermato. "È necessario apportare modifiche sostanziali ai nostri sistemi di produzione alimentare e ciò deve essere fatto senza alcun ritardo".

"Biodiversità e suoli sani sono l'input di base di cui abbiamo bisogno per la produzione di qualsiasi tipo di cibo e l'agroecologia è la soluzione per preservarlo", ha aggiunto Svrtan. "Ciò è dimostrato da studi e dal numero crescente di produttori biologici, che applicano con successo la gestione integrata dei parassiti”.

Secondo Svrtan, la gestione integrata dei parassiti comprende diverse tecniche come la consociazione, la sottosemina, la multicoltura, la rotazione delle colture, l'abbandono dei campi e il monitoraggio costante della comparsa dei parassiti.

"Quando i metodi di prevenzione da soli non sono sufficienti, viene data la preferenza ad alternative non chimiche, come il controllo biologico degli insetti dannosi, la cattura fisica e il diserbo meccanico”, ha affermato.

Svrtan ha aggiunto che le pratiche agricole precedenti devono essere sostituite con nuove per ripristinare l'equilibrio naturale nei paesaggi scolpiti dall'uomo.

"Molti vecchi ulivi sono stati sostituiti con nuove cultivar soggette a malattie e attacchi di parassiti ", ha affermato. "Qualsiasi interferenza nell'ordine naturale, nei processi naturali, porterà a creare più problemi di quanti ne risolva".

"Dobbiamo essere saggi e vivere in armonia con la natura, invece di combatterla, come stiamo facendo ora, usando pesticidi e fertilizzanti minerali”, ha aggiunto Svrtan. "Anche con le nuove cultivar, tecniche come il monitoraggio dei parassiti, le trappole per parassiti, i metodi meccanici di diserbo e l'uso di repellenti possono almeno ridurre l'uso di pesticidi e fertilizzanti".

Il Consiglio Agrifish dell'UE si è concluso con un documento firmato da 12 Stati membri che chiedeva all'UE di promuovere la sostenibilità e un nuovo approccio ai pesticidi a livello globale.

Se una tale transizione globale verso la sostenibilità dovesse fallire, afferma il documento, "il dispiegamento del Green Deal e le sue strategie potrebbero provocare una perdita ambientale e un calo dei raccolti dell'agricoltura europea".

Le nuove regole sui pesticidi dovranno essere approvate sia dal Consiglio Europeo che dal Parlamento Europeo per entrare in vigore.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti