Una stagione di raccolto agrodolce per i produttori greci

L'olio d'oliva di alta qualità, quantità media e prezzi medi con costi di produzione aumentati in condizioni climatiche avverse sono state le caratteristiche principali della stagione della raccolta in Grecia.
Aprile 26, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

La campagna 2021/22 è giunta al termine in Grecia, con la resa in olio d'oliva del paese che ammonta a circa 225,000 tonnellate, una riduzione del 18% rispetto alla 275,000 tonnellate del 2020/21.

Secondo i dati ufficiali e le stime del Consiglio oleicolo internazionale, la Grecia rimane il terzo produttore dell'Unione europea dietro Spagna e Italia.

La produzione è stata limitata in termini di volume in questa stagione; tuttavia, la qualità del olive oil proprodotto nel paese era abbastanza soddisfacente.- Vasilios Frantzolas, consulente per la qualità dell'olio d'oliva

Tuttavia, se si considera la più ampia regione del Mediterraneo, il paese è al quinto posto, superato anche da Tunisia e Turchia.

Nonostante i rendimenti deludenti, i produttori hanno riferito che la qualità è rimasta elevata in tutto il paese.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2021

"La produzione è stata limitata in termini di volume in questa stagione; tuttavia, la qualità del olive oil proprodotto nel paese è stato abbastanza soddisfacente”, Vasilios Frantzolas, consulente ed esperto di qualità assaggiatore di olio d'oliva, Ha detto Olive Oil Times.

Frantzolas ha sottolineato che il tempo innaturale per tutta la stagione è stata la ragione principale della ridotta resa del paese.

pubblicità

"In generale, gli ulivi hanno avuto difficoltà a far fronte alle fluttuazioni di temperatura durante la stagione ", ha affermato. "L'inverno mite di inizio 2021 è stato seguito da due gelate a marzo e un altro ad aprile, e il ondata di caldo estivo è stato il culmine delle divertenti variazioni meteorologiche.

"Il risultato netto è stata una notevole riduzione della fruizione dell'olivo in molte aree del paese ", ha aggiunto Frantzolas.

"Creta, la Laconia nel Peloponneso e il distretto dell'Etolia-Acarnania nella Grecia occidentale hanno avuto una stagione notevolmente più produttiva rispetto a Lesbo e ai distretti di Calcidica, Messenia e Ilia.

I prezzi dell'energia, in aumento in Grecia soprattutto nella seconda metà della campagna (da gennaio a marzo), sono stati un fattore da considerare per i proprietari di mulini che hanno già iniziato a mettere in discussione la modus operandi dei mulini del paese.

"Se le cose rimangono invariate, è probabile che lo stato dei nostri diritti sull'olio d'oliva [una percentuale del olive oil proprodotto da ogni lotto di olive con cui vengono pagati i mugnai in Grecia] sarà ribaltato ", ha affermato Panayiotis Zoumboulakis, capo dell'associazione Sykia, che gestisce un frantoio in Laconia, nel Peloponneso meridionale.

Le parole di Zoumboulakis sono state riprese dalle sue controparti in altri territori produttori di olio d'oliva.

"Lo stato dovrebbe essere cambiato e dovremmo essere pagati in base alla [quantità delle] olive da lavorare dal la produzione di olio d'oliva è ridotta a causa della siccità", ha detto il proprietario del mulino Aris Christopoulos della vicina Messenia.

"Al giorno d'oggi, olive oil proi produttori non si prendono cura dei loro boschetti come facevano in passato”, ha aggiunto. "Molti di loro si limitano a raccogliere le olive, trascurando le concimazioni e altre operazioni necessarie sul campo. Finora, l'aumento dei costi di produzione è stato assorbito dai proprietari del mulino".

Nel frattempo, il governo greco ha revocato l'accisa sul gasolio per gli agricoltori fino alla fine del 2022.

Nonostante l' scossa nel mercato globale degli oli commestibili creato dalla guerra in Ucraina, prezzi dell'olio d'oliva in Grecia rimangono pressoché invariate rispetto all'inizio della stagione.

Secondo quanto riportato dalla stampa agricola, i prezzi dei produttori nella maggior parte dei territori di produzione, tra cui Laconia, Messenia, Heraklion e Chania, a Creta, vanno da 3.30 € a 3.50 € per chilogrammo di bassa acidità olio extravergine d'oliva.

Tuttavia, secondo la Commissione europea, i prezzi dei produttori per l'olio extra vergine di oliva in Grecia sono aumentati del 12% nella campagna 2021/22 rispetto al prezzo medio degli ultimi cinque anni.

Per quanto riguarda il prossimo anno agrario, le prospettive sono promettenti per una resa sostanziale di olio d'oliva nel paese.

"Abbiamo avuto basse temperature in inverno, piogge significative all'inizio della primavera e una bassa produzione in termini di quantità nella campagna 2021/22", ha affermato Frantzolas.

"Tutti questi suggeriscono un forte olive oil proproduzione per la Grecia nella prossima stagione di raccolta, a condizione che il Mosca della frutta non creerà problemi significativi”.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti