Il potenziale di grandi cambiamenti in Argentina fornisce speranza a produttori ed esportatori

L'elezione di un governo conservatore ha dato ad alcuni produttori la speranza che la situazione economica dell'Argentina, insieme alla loro, inizi a migliorare.

Il presidente Javier Milei dell'Argentina (AP)
Di Daniel Dawson
19 febbraio 2024 17:09 UTC
399
Il presidente Javier Milei dell'Argentina (AP)

Da quando è entrato in carica a dicembre, il presidente Javier Milei non ha perso tempo a mantenere le sue promesse di fomentare un cambiamento radicale in Argentina.

Nel giro di poche settimane emanò una serie di decreti esecutivi e inviò un disegno di legge omnibus al Congresso. La proposta originale modificava più di 300 leggi, con l’obiettivo di deregolamentare le leggi sul lavoro, privatizzare le aziende statali e imporre restrizioni alle proteste.

I nostri costi di produzione diventeranno molto più elevati e la situazione potrebbe peggiorare a medio termine. Tuttavia, l’Argentina aveva bisogno di un cambiamento.- Julián Clusellas, presidente, Valle de la Puerta

Mentre i decreti entrano in vigore – provocando una rapida svalutazione della valuta mentre il peso argentino scende dal suo valore artificialmente ancorato più vicino al valore di mercato effettivo – il progetto di legge omnibus non è riuscito a superare il voto iniziale del Congresso, e i negoziati sono in corso.

Produttori ed esportatori di olio d'oliva intervistati do olive oil Times sono cautamente ottimisti – alcuni addirittura rialzisti – sul fatto che le riforme del presidente Milei aiuteranno il settore. Tuttavia, nel breve termine si prevedono sfide significative.

Vedi anche:I gruppi agricoli chiedono al governo spagnolo di intensificare la risposta al cambiamento climatico

"Il problema continua ad essere inflazione, il carico fiscale e le leggi sul lavoro non salariato”, ha affermato Mario Bustos Carro, direttore generale della Camera di Commercio Estero di Cuyo. "Ma c'è grande fiducia nel governo del presidente Milei. Occorre approvare le sue leggi e i suoi decreti per poter dire che si può cominciare ad andare avanti”.

Ha citato le riforme proposte dal governo Milei per le leggi sul lavoro non salariale e per ridurre la spesa pubblica come politiche che aiuterebbero il settore dell'olio d'oliva. Sebbene le riforme fiscali siano state abbandonate dalla legislazione originale, Bustos Carro ha aggiunto che avrebbero contribuito a rendere le esportazioni di olio d'oliva più competitive.

Guillermo Kemp, il direttore commerciale di Solfrut e un membro del consiglio della Federazione olivicola argentina (AOF). Olive Oil Times che i produttori e gli esportatori devono aspettare e vedere quali modifiche verranno apportate al disegno di legge omnibus al Congresso.

Mentre il governo ha proposto una tassa del 15% su alcune esportazioni agricole per contribuire a chiudere un significativo deficit fiscale, l’olio d’oliva non è stato incluso.

Kemp ha affermato che l’omissione continuerà a incoraggiare i produttori a esportare, soprattutto perché il divario tra il tasso di cambio ufficiale peso-dollaro USA e il tasso di cambio non ufficiale, noto come Dollaro blu, è sceso da oltre il 120% a circa il 20%.

La discrepanza tra i due ha rappresentato una sfida significativa per gli esportatori, che hanno dovuto rimpatriare le vendite estere effettuate in dollari statunitensi ed euro al tasso di cambio ufficiale molto più basso, mentre acquistavano molti input produttivi – spesso in dollari – al tasso di cambio più elevato del dollaro blu.

"Ciò migliora notevolmente la situazione per gli esportatori", ha dichiarato Julián Clusellas, presidente di Valle de la Puerta, un importante esportatore, e membro del consiglio direttivo dell'AOF. Olive Oil Times.

Ha convenuto che nessuna nuova tassa aiuterebbe il settore. Tuttavia, altre misure di riduzione dei costi aumenteranno i costi dei fattori produttivi per coltivatori e produttori.

Clusellas ha avvertito che i costi di produzione raddoppieranno dopo che il governo avrà eliminato i sussidi per l’elettricità, con un conseguente aumento dei prezzi fino al 150%, e saranno colpiti in modo più acuto dagli agricoltori dipendenti dall’irrigazione.

"I costi dell’elettricità diventeranno molto più alti in Argentina una volta che il governo eliminerà tutti i sussidi”, ha affermato. "Di conseguenza, i nostri costi di produzione diventeranno molto più elevati e la situazione potrebbe peggiorare a medio termine. Tuttavia, l’Argentina aveva bisogno di un cambiamento e spero che migliorino il Paese”.

Anche se è ancora troppo presto per dire come i decreti e le proposte legislative funzioneranno per domare l’inflazione – che ha raggiunto un nuovo massimo del 254% su base annua a gennaio – e avviare l’economia argentina sulla strada della ripresa, Clusellas è ottimista .

È d'accordo con Bustos Carro sul fatto che il cambiamento delle leggi sul lavoro renderebbe più facile per i manager assumere e licenziare i lavoratori. Con il sistema attuale, le imprese di solito devono pagare generose indennità di fine rapporto, limitando la loro capacità di assumere un sostituto.

pubblicità
pubblicità

Nel frattempo, la privatizzazione della compagnia ferroviaria statale potrebbe aprire la porta agli investimenti tanto necessari per migliorare la logistica e l’efficienza dei trasporti nel paese, cosa che fanno i maggiori produttori di olio d’oliva sostengono da tempo.

"C’è molto lavoro da fare sulle infrastrutture ferroviarie per ridurre i costi di trasporto verso il porto”, ha affermato Clusellas.

Con il progetto di costruire a corridoio biooceanico collegando l'Argentina con i principali porti cileni in fase di stallo a tempo indeterminato, praticamente tutte le esportazioni di olio d'oliva dell'Argentina - stimate dal Consiglio oleicolo internazionale in 26,500 tonnellate nell'anno raccolto 2022/23 - viaggiano per circa 1,200 chilometri dal nord-ovest e dall'ovest del paese su strada o ferrovia ai porti di Buenos Aires.

I sostenitori del corridoio credevano che avrebbe facilitato le esportazioni di olio d'oliva argentino verso i redditizi mercati dell'Asia orientale, come Cina, Giappone e Corea del Sud. La maggior parte delle esportazioni sono destinate a Brasile, Europa e Stati Uniti.

Mentre vi è ottimismo sulle prospettive del settore, nessuno nega che c'è ancora molto lavoro da fare per migliorare la situazione economica degli olivicoltori e dei produttori.

"C’è bisogno di molto di più, come il miglioramento delle infrastrutture – rotte, porti, mezzi di trasporto competitivi – la stimolazione delle economie regionali e promozione di [olio extra vergine di oliva argentino] ", ha detto Kemp.

"Non sarà facile”, ha concluso Bustos Carro.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati