Solfrut punta sull'espansione del mercato interno man mano che la produzione cresce

Con 2,000 alberi recentemente piantati ad altissima densità e un nuovo mulino, la pluripremiata azienda di San Juan cerca di coltivare la cultura dell'olio d'oliva argentino.

(Foto: Solfrut)
Ottobre 10, 2022
Di Paolo DeAndreis
(Foto: Solfrut)

Notizie recenti

Gli uliveti prosperano a San Juan, una provincia nord-occidentale dell'Argentina, coprendo un'area vasta e producendo volumi significativi di olio extravergine d'oliva.

Il più grande del paese olive oil proi riduttori prosperano nella provincia, compreso il super-alta densità boschetti di Solfrutto.

I nuovi consumatori in Argentina guardano le etichette e ne capiscono le note erbacee e fruttate. Le opinioni dei consumatori si stanno lentamente evolvendo.- Guillermo Kemp, direttore commerciale, Solfrut

Gli oli extra vergini di oliva di punta dell'azienda hanno vinto due Gold Awards al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition, dimostrando il potenziale della ricerca e della meccanizzazione.

"Siamo così orgogliosi di tali risultati. Premi come questi ci dicono che siamo sulla strada giusta", ha detto Guillermo Kemp, direttore commerciale di Solfrut Olive Oil Times. "È stata una notizia gioiosa non solo per noi qui in sede, ma anche per tutta la nostra gente dei campi e dei mulini”.

Vedi anche:Profili del produttore

La maggior parte degli oltre 3,000 ettari di oliveti gestiti da Solfrut sono piantagioni ad altissima densità in cui gli alberi sono posti molto vicini tra loro per aumentare la produttività attraverso la meccanizzazione. Tuttavia, non tutti i frutteti Solfrut sono uguali.

"Coltiviamo olive in tre luoghi diversi, ognuno con le sue caratteristiche ", ha affermato Kemp. "Le nostre piantagioni di ulivi vanno dall'alta densità all'altissima densità. Dai 600 alberi dei primi boschetti piantati dall'azienda 25 anni fa ai 2,000 alberi dei più recenti. L'obiettivo è la massima qualità in tutti i settori".

pubblicità

I boschi ad alta e altissima densità richiedono l'irrigazione, che è stata una sfida significativa per Solfrut.

"Quando l'azienda ha iniziato, questa terra era considerata un deserto", ha detto Kemp. "La mancanza di acqua e le precipitazioni sono la norma. Abbiamo tra gli 80 e i 90 millimetri di pioggia all'anno".

In confronto, in aree olivicole altamente rilevanti del bacino del Mediterraneo, come Jaén in Spagna, da 500 a 600 millimetri di pioggia all'anno.

"Capire come procedere e come avviare al meglio la coltivazione dell'olivo in questa regione non è stato un compito facile ", ha affermato Kemp. "Quale cultivar di olive dovevamo concentrarci e quale tipo di irrigazione fosse necessaria, tutto questo richiedeva ricerche”.

profili-aziendali-sudamerica-i-migliori-oli-di-oliva-solfrut-mira-di-espandersi-sul-mercato-interno-mentre-la-produzione-cresce-volte-di-olio-d-oliva

(Foto: Solfrut)

"José Chediack [presidente della società madre di Solfrut] si è recato in Europa, Australia e California mentre ha iniziato ad operare qui”, ha aggiunto. "Venticinque anni fa, i primi pozzi d'acqua scavati dall'azienda arrivavano a 500 metri sotto terra".

Kemp ricorda come l'azienda inizialmente piantò alberi di Frantoio e Leccino, per poi passare ad Arbosana.

"Gli alberi del Frantoio erano belli, enormi, verdi, ma anno dopo anno non davano frutti. Abbiamo dovuto sostituirli", ha detto Kemp. "Grazie a una ricerca così decennale, ora sappiamo quali cultivar è meglio distribuire, di che tipo di irrigazione hanno bisogno e così via".

L'irrigazione di precisione consente a Solfrut di ridurre il consumo di acqua, assicurando che gli alberi ricevano l'acqua di cui hanno bisogno.

Piantare migliaia di alberi irrigati in un alto deserto ha avuto un impatto sull'ambiente locale e, nel tempo, nuove specie di piante e animali hanno iniziato a popolare la regione.

"È diventata qualcosa di simile a un'oasi, con animali mai visti prima, come volpi e uccelli, e un numero crescente di specie vegetali", ha detto Kemp.

In Solfrut sono in corso ricerche per comprendere il ciclo dell'acqua, ridurre l'impatto ambientale delle operazioni e promuovere un ecosistema sano.

"Ecco perché circa tre anni fa abbiamo istituito un comitato per la sostenibilità interamente dedicato alla ricerca dei modi migliori per ottimizzare la produzione, lavorando anche sulla nostra economia circolare, sulla conservazione delle risorse, come l'acqua, e sul miglioramento della biodiversità", ha affermato Kemp.

Con questo obiettivo in mente, l'azienda ha iniziato a riutilizzare il nocciolino per la produzione di energia e fertilizzante.

"Il nostro terreno è piuttosto povero, quindi è aiutato dalla concimazione. Asciughiamo anche le fosse in modo che un anno dopo la loro raccolta, possiamo usarle come combustibile per il riscaldamento", ha detto Kemp. "Ma questo è solo l'inizio, poiché miglioriamo costantemente il nostro approccio rispettoso dell'ambiente".

Ad esempio, Kemp ha affermato che le bottiglie dell'azienda sono realizzate in PET leggero, una plastica riciclata.

Solfrut produce circa 3,500 tonnellate di olio d'oliva ogni anno, che l'azienda spera aumenterà con l'espansione del numero di piantagioni.

Nel 2023 Solfrut inizierà anche la sua attività in un nuovo mulino considerato il più grande del Sud America.

"Abbiamo già la struttura, abbiamo anche installato i serbatoi in acciaio inossidabile nelle dimensioni da 35, 50 e 100 tonnellate e ora stiamo posizionando i miscelatori e i decanter", ha affermato Kemp. "L'impianto avrà una capacità di trasformazione di oltre 500,000 chilogrammi di olive al giorno. E avrà 4,000 tonnellate di capacità di stoccaggio di olio d'oliva.

La maggior parte della produzione di Solfrut viene esportata alla rinfusa in paesi come il Brasile e gli Stati Uniti. Eppure, il 20 per cento del Vendemmia 2022 viene venduto in Argentina, dove la società detiene una quota di mercato significativa.

profili-aziendali-sudamerica-i-migliori-oli-di-oliva-solfrut-mira-di-espandersi-sul-mercato-interno-mentre-la-produzione-cresce-volte-di-olio-d-oliva

(Foto: Solfrut)

"Una delle otto bottiglie di olio d'oliva consumate in Argentina è Olivita, una su quattro è una delle altre di Solfrut olive oil procondotti", ha detto Kemp.

Tuttavia, ci crede cultura dell'olio d'oliva e la consapevolezza dei consumatori sul benefici alla salute di olio extra vergine di oliva in Argentina è ancora in ritardo rispetto ad altri paesi.

"Negli ultimi 10 anni, un paese come il Cile è passato da 250 grammi di olio d'oliva consumato a persona a oltre un chilogrammo ", ha affermato Kemp. "Lo stesso è successo negli Stati Uniti. In Argentina, il consumo medio è di circa 250 grammi all'anno per persona".

"Data l'ampia quota di mercato, ci sentiamo responsabili dello sviluppo della cultura dell'olio d'oliva nel nostro paese ", ha aggiunto.

Tuttavia, Kemp ha affermato che l'affinità dell'Argentina con l'olio d'oliva sta lentamente iniziando a crescere. "I primi consumatori di olio d'oliva in Argentina non stavano cercando olio d'oliva. Stavano cercando una sorta di olio da cucina con sapori forti che potesse ricordare loro, diciamo, una pizza", ha detto.

"Oggi i nuovi consumatori in Argentina guardano le etichette e capiscono le note erbacee e fruttate", ha aggiunto. "Le opinioni dei consumatori si stanno lentamente evolvendo. L'istruzione è il primo passo che noi come azienda dobbiamo contribuire”.

A tal fine, Solfrut sta cercando di evangelizzare la qualità dell'olio extra vergine di oliva attraverso il ricco spettro della cultura alimentare argentina.

"Abbiamo stretto accordi con tutti gli istituti gastronomici dell'Argentina", ha detto Kemp. "Abbiamo mostrato loro che il prodotto che la maggior parte di loro utilizzava per educare i propri studenti non era paragonabile a un olio extra vergine di oliva di qualità.

"Quindi abbiamo dato loro il nostro gratuitamente, per aiutarli a informare correttamente i loro studenti sul profilo unico dell'olio extra vergine di oliva ", ha aggiunto. Insieme agli oli d'oliva, Solfrut ha anche fornito materiale didattico agli istruttori.

"Abbiamo anche inventato un concorso per ristoratori e ristoranti", ha affermato Kemp. "Con le loro ricette partecipano chef provenienti da tutto il Paese, dove l'olio extravergine di oliva è protagonista... Con tali azioni abbiamo iniziato a educare e sensibilizzare il consumatore”.

Oltre all'istruzione, la terribile situazione macroeconomica dell'Argentina è un'altra sfido olive oil proriduttori da superare.

"L'olio d'oliva è un prodotto costoso e non abbiamo il sostegno del governo ", ha affermato Kemp. Con gli economisti della sua banca centrale che prevedono che l'inflazione annuale supererà il 100% entro dicembre, "è facile per molti scegliere altre opzioni”.

"Quando l'economia finalmente migliorerà, prevediamo una crescita sostanziale della domanda interna di olio d'oliva ", ha concluso.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti