L'Europa lancia nuove regole che disciplinano la qualità dell'olio d'oliva

Bruxelles ha esaminato le classificazioni, l'etichettatura e la commercializzazione dell'olio d'oliva. Le norme semplificate mirano a un mercato dell'olio d'oliva dell'UE più omogeneo.
Di Paolo DeAndreis
30 novembre 2022 14:32 UTC

A fine novembre sono entrate in vigore le nuove normative dell'Unione Europea in materia di qualità ed etichettatura dell'olio d'oliva.

I due documenti approvati pochi mesi fa e recentemente pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell'Ue integrano principalmente le precedenti normative per migliorare l'efficienza.

La Commissione Europea ha spiegato che nasce la necessità di un aggiornamento completo "l'esperienza acquisita nell'ultimo decennio [che] dimostra che alcuni aspetti del quadro normativo devono essere semplificati e chiariti.

Vedi anche:La nuova etichetta europea riconosce i benefici per la salute degli EVOO ad alto contenuto di polifenoli

La corretta adozione dei metodi di classificazione dell'olio di oliva e l'etichettatura veritiera dell'olio di oliva sono tra i principali punti contemplati dall'art Regolamento Delegato 2022/2104 e Regolamento di esecuzione 2022/2105.

Quando hanno introdotto il regolamento, la Commissione europea ha affermato che sono necessari controlli di conformità e conformità.

La commissione ha rilevato come la qualità dell'olio di oliva, in termini espliciti di profilo organolettico e chimico, lo distingua dagli altri oli vegetali e di semi. Ha aggiunto che le qualità uniche del prodotto rendono la necessità di prevenire le frodi particolarmente sentita nel settore.

Secondo la commissione, olive oil proi file devono essere analizzati utilizzando i protocolli elaborati dal Consiglio oleicolo internazionale, di cui l'UE è membro. I protocolli del CIO richiedono la formazione di panel di assaggiatori selezionati e formati.

"Per garantire l'uniformità nell'attuazione, dovrebbero essere stabiliti i requisiti minimi per l'approvazione dei panel", ha scritto la commissione. "In considerazione delle difficoltà che alcuni Stati membri incontrano nell'istituire panel di assaggio, dovrebbe essere autorizzato l'uso di panel in altri Stati membri.

Altre aree cruciali in cui i regolamenti integrano le norme precedenti includono l'etichettatura. L'obiettivo della commissione è quello di imporre etichette che siano altamente visibili, facili da leggere e contengano tutte le informazioni necessarie sul contenuto del prodotto.

L'etichetta dovrebbe anche informare i consumatori circa il condizioni di archiviazione del prodotto, come "numerosi studi scientifici hanno dimostrato che la luce e il calore influiscono negativamente sulla qualità dell'olio d'oliva.

"La normativa in materia di etichettatura ha lo scopo di garantire che un'adeguata e corretta informazione sul prodotto consenta al consumatore di scegliere», spiegano Roberta Capecci e Roberto Ciancio, funzionari dell'Ispettorato centrale italiano per la tutela della qualità e la prevenzione delle frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF). Olive Oil Times.

"A volte i marcatori utilizzano messaggi che attirano l'attenzione del consumatore, sottolineando caratteristiche del prodotto non coperte dalle… regole e che potrebbero non essere conformi alle disposizioni comunitarie e nazionali”, hanno aggiunto.

"L'etichettatura, quindi, è il punto d'incontro di due diverse esigenze: quella del produttore, che vuole promuovere adeguatamente il proprio olio di oliva differenziandolo dagli altri, e quella dei consumatori, che vogliono sapere esattamente cosa stanno acquistando, Continuano Capecci e Ciancio.

Le attuali normative europee sulla sicurezza alimentare vietano informazioni fuorvianti sulle etichette relative alla qualità, al processo di produzione o all'origine degli alimenti.

"Per quanto riguarda il settore dell'olio di oliva, il regolamento UE… ora recepito nel regolamento 2022/2014 prevede norme più specifiche relative all'origine dell'olio di oliva, le modalità relative alla fornitura di alcuni dati obbligatori, le norme che disciplinano le indicazioni facoltative relative al metodo di produzione, come ad es spremuto a freddo, estratto/prima spremitura e per le caratteristiche chimiche e organolettiche dell'olio e l'annata di raccolta”, hanno affermato Capecci e Ciancio.

La commissione ha scritto che le etichette dovrebbero sempre informare il consumatore dell'origine del prodotto, incluso se si tratta di una miscela di olive o oli d'oliva provenienti da diverse regioni o paesi.

pubblicità

Se la raccolta delle olive e la trasformazione delle olive avvenissero in paesi diversi, tale informazione dovrebbe essere riportata in etichetta, con poche eccezioni.

"Come risultato delle tradizioni agricole e delle pratiche di estrazione e miscelazione locali, gli oli di oliva vergini commercializzabili direttamente possono avere un gusto e una qualità molto diversi a seconda del loro luogo di origine ", ha scritto la commissione.

"Ciò può comportare differenze di prezzo all'interno della stessa categoria che disturbano il mercato", ha aggiunto. "Non ci sono differenze sostanziali legate all'origine in altre categorie di olio di oliva commestibile, quindi l'indicazione del luogo di origine sulla confezione di tale olio può indurre i consumatori a ritenere che esistano differenze di qualità.

Le uniche indicazioni regionali molto specifiche ammesse in etichetta sono quelle relative alle certificazioni DOP (Denominazione di Origine Protetta) e IGP (Indicazione Geografica Protetta). Tutti gli altri prodotti devono essere etichettati secondo il paese di origine, non le sue regioni o province.

"Se vuoi oli extra vergine di oliva, l'origine è un'indicazione obbligatoria”, hanno detto Capecci e Ciancio. "Quando un olio di oliva è identificato in etichetta come italiano, significa che è stato prodotto in Italia solo con olive italiane”.

Tuttavia, non è raro trovare etichette solo parzialmente conformi alle normative vigenti. Nell'esperienza dell'ICQRF, ciò accade soprattutto quando si tratta dell'indicazione di origine.

"Per promuovere il loro prodotto, a volte il produttore include non solo l'origine nazionale dell'olio ma anche l'origine specifica regionale, provinciale o comunale delle olive ", hanno detto Capecci e Ciancio.

"In tal caso, l'operatore sarà multato, e se la provenienza di quelle olive non risulta essere quella indicata sulle etichette, allora il tutto diventa frode nell'esercizio del commercio che appartiene alla sfera criminale ", dicono aggiunto.

Le norme europee sull'etichettatura non regolano le informazioni sulle cultivar utilizzate olive oil produzione. Tuttavia, alcuni paesi hanno adottato le proprie regole al riguardo.

"A livello nazionale (in Italia) sono state introdotte alcune normative specifiche”, hanno detto Capecci e Ciancio. "Garantiscono che le informazioni fornite sull'etichetta siano veritiere.

"[Tali strumenti sono] l'indicazione delle cultivar nel profilo aziendale ufficiale [dell'azienda agricola] e la tracciabilità dettagliata dei singoli lotti di olio d'oliva riportati nel registro telematico degli oli", hanno aggiunto.

In molti paesi dove olive oil produzione fa parte di una lunga tradizione familiare, una percentuale significativa della produzione nazionale complessiva viene consumata in casa. In molti casi, famiglie e piccoli coltivatori con un'eccedenza di olio d'oliva possono venderlo localmente.

Tuttavia, le attuali normative vietano questa pratica in quanto tutti i prodotti in vendita per i consumatori o per i ristoranti devono essere confezionati ed etichettati secondo le nuove regole. Ciò significa che le operazioni di confezionamento devono essere condotte da un operatore legalmente sanzionato i cui lotti di olio d'oliva sono segnalati nel registro nazionale.

"Attualmente sono previste sanzioni specifiche per tali violazioni, come la multa da € 800 a € 4,800 per la vendita di olio d'oliva confezionato in contenitori che non dispongono di un adeguato sistema di bloccaggio della chiusura ", avvertono Capecci e Ciancio.

"Infatti, le normative dell'Unione Europea e le normative nazionali sul settore dell'olio d'oliva definiscono regole molto specifiche quando si tratta di etichettatura, con l'obiettivo di offrire ai consumatori informazioni trasparenti e veritiere ", hanno aggiunto.

Altri aspetti coperti dai nuovi regolamenti UE includono il "età del prodotto” dichiarata in etichetta.

"Gli operatori dovrebbero essere autorizzati a indicare l'anno di raccolta sull'etichetta degli oli extra vergini e vergini di oliva, ma solo quando il 100 percento del contenuto del contenitore proviene da un singolo anno di raccolta ", ha scritto la commissione.

"Poiché la raccolta delle olive inizia solitamente durante l'autunno e termina entro la primavera dell'anno successivo, è opportuno chiarire come etichettare l'anno di raccolta ", ha aggiunto.

Con un 13 ottobreth decisione (2022/2103), l'UE ha anche annunciato la posizione ufficiale sulla prevista eliminazione del "olio di oliva vergine ordinario” dal CIO.

L'UE sosterrà la decisione del CIO di rimuovere "olio di oliva vergine ordinario” in qualità di funzionario categoria olio d'oliva, in quanto già escluso dalle precedenti norme comunitarie e dai loro più recenti aggiornamenti.

Il precedente standard IOC specificato "olio di oliva vergine ordinario” come olio di oliva vergine definito dalla presenza di acido oleico in quantità non superiore a 3.3 grammi per 100 grammi.


Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti