`L'olio d'oliva ad alto prezzo alimenta i furti in Grecia, gli agricoltori rispondono - Olive Oil Times
1104

Affari

L'olio d'oliva ad alto prezzo alimenta i furti in Grecia, gli agricoltori rispondono

Di Costas Vasilopoulos
26 ottobre 2023 14:10 UTC

Mentre la raccolta delle olive è già iniziata in alcune parti della Grecia, le previsioni di a resa ridotta di 215,000 tonnellate più prezzi da record hanno reso l’olio d’oliva un bene prezioso sia per i produttori che per i consumatori.

I prezzi all'origine sono saliti tra 8.50 e 9.20 euro al chilogrammo di bassa acidità olio extravergine d'oliva. Nei supermercati e in altri rivenditori, i consumatori devono affrontare prezzi che vanno da € 9.00 a € 16.00 per un litro di olio extravergine di oliva confezionato.

Episodi di furto di olio d'oliva si sono sempre verificati in Grecia e ovunque si produca olio d'oliva. Tuttavia, i furti sono più comuni ora che il petrolio è molto più costoso.- Evangelos Panagakos, produttore di olio d'oliva

Gli estremi della stagione hanno anche scatenato un'ondata di furti di olio d'oliva e pratiche illecite in tutto il paese quest'autunno.

Presso l'associazione agricola Polygyros nella Calcidica, secondo quanto riferito, ben 37 tonnellate di olio d'oliva del raccolto della scorsa stagione sarebbero state rubate dai locali dell'associazione, con alcune stime che stimano la quantità di olio d'oliva mancante a oltre 50 tonnellate.

Vedi anche:Furti di olio d'oliva in aumento nei frantoi e nei supermercati in tutta la Spagna

I produttori locali membri dell'associazione hanno presentato una denuncia ufficiale contro gli amministratori dell'associazione, accusandoli di appropriazione indebita dell'olio d'oliva immagazzinato e sostenendo che il furto era un lavoro interno.

"Stiamo parlando di affari molto grandi ", ha affermato Manolis Yiannoulis, capo dell'EDOE, l'associazione nazionale interprofessionale dell'olio d'oliva.

"Trentasette tonnellate sul mercato attuale varrebbero più di 300,000 euro”, ha aggiunto. "Quando i prezzi dell'olio d'oliva nell'ultimo anno sono aumentati del 200% a causa dei bassi rendimenti, c'è molto denaro da guadagnare.

Nel villaggio di Geraki vicino a Heraklion a Creta, i ladri hanno preso di mira la casa di un uomo anziano, rubando 200 chilogrammi di olio d'oliva.

Nella Messenia, nel Peloponneso meridionale, gli intrusi hanno fatto irruzione in un frantoio ad Analipsi, rubando circa 100 chilogrammi di olio d'oliva e attrezzature e danneggiando le strutture del frantoio.

Nella regione di Pella, nel nord della Grecia, la polizia ha arrestato il proprietario di un minimarket locale per aver venduto olio d'oliva di dubbia provenienza e qualità senza avere documenti legali di acquisto.

Circa 500 litri di olio d'oliva etichettati extra vergine sono stati ritrovati nel minimarket e confiscati dalle autorità.

"Episodi di furto di olio d'oliva si sono sempre verificati in Grecia e ovunque venga prodotto olio d'oliva ", ha detto Evangelos Panagakos, un mugnaio con sede a Skala, nella regione della Laconia Olive Oil Times.

"Tuttavia i furti sono più comuni ora che il petrolio è molto più caro”, ha aggiunto. "I coltivatori e i produttori locali non hanno ancora fatto ricorso ad alcuna misura, ma con prezzi così alti, c'è una diffusa preoccupazione tra loro per l'olio d'oliva della stagione e su come salvaguardarlo meglio.

Panagakos ha inoltre osservato che si prevede che la produzione di olio d'oliva a Skala e nei territori limitrofi si allineerà alla tendenza generale del paese di produzione ridotta e di gran lunga inferiore rispetto allo scorso anno.

"Ci aspettiamo una riduzione del 25-30% nella nostra zona e nella maggior parte della Laconia meridionale in questa stagione”, ha affermato. "Ciò è dovuto principalmente al fatto che l'allegagione degli ulivi è incompleta a causa dell'inverno mite.

pubblicità

Si prevede un calo della produzione di olio d'oliva anche per la regione della Laconia, da 25,000 tonnellate nella campagna 2022/23 a meno di 20,000 tonnellate in quella attuale.

A Creta, i produttori locali sono determinati a proteggere il raccolto limitato ma prezioso di olive di quest'anno.

Vedi anche:Tempeste in Grecia allagano uliveti e danneggiano alberi

"Potrebbero esserci casi in cui le olive vengono raccolte da persone che non sono i legittimi proprietari ", ha affermato Vaggelis Protegerakis, capo dell'associazione dei produttori di olio d'oliva di Heraklion.

"Ciò è accaduto anche negli anni precedenti, quando i prezzi non erano così alti come lo sono adesso”, ha aggiunto. "Stiamo valutando l'utilizzo Localizzatori GPS che ricordano i frutti di oliva per rintracciare eventuali olive rubate, simili a quelle che i nostri colleghi spagnoli hanno già utilizzato nei loro oliveti.

pubblicità

Protogerakis ha affermato che i produttori della regione stanno valutando la possibilità di assumere agenzie di sicurezza e di pattugliare gli uliveti di notte per prevenire qualsiasi furto di olive.

Si prevede che la produzione di olio d'oliva a Creta crollerà quest'anno rispetto alle 130,000 tonnellate prodotte nel 2022/23, raggiungendo una stima compresa tra 30,000 e 35,000 tonnellate per l'intera isola.

A parte i furti e il previsto calo della produzione, il settore dell'olio d'oliva del paese deve far fronte a un forte calo del consumo interno. Nell'ultimo anno, la domanda dei consumatori di olio d'oliva è diminuita del 30% nel paese.

"La nostra più grande paura è il calo [del consumo] che abbiamo visto in Grecia ", ha affermato Yiorgos Economou, direttore generale di Sevitel, l'associazione degli imbottigliatori greci di olio d'oliva.

"Le persone optano per gli oli di semi perché costano un terzo del prezzo”, ha aggiunto. "Poi c'è l'esitazione di paesi come il Regno Unito, che ora ci stanno pensando due volte prima di importare i [nostri] oli d'oliva a causa dell'impennata dei costi.

Tuttavia, alcuni esperti del settore hanno identificato un'asimmetria nel mercato, esprimendo preoccupazione che i prezzi sempre in aumento dell'olio d'oliva potrebbero alla fine ritorcersi contro.

"I produttori del paese che oggi applaudono [ai prezzi elevati] dovrebbero affrontare le cose in modo più realistico e cercare di equilibrare la situazione”, ha affermato Myron Hiletzakis, vice capo dell'associazione agricola di Heraklion.

"I produttori hanno venduto il raccolto di olio d'oliva dell'anno scorso a 4.50-5 euro al chilogrammo, e questi oli ora valgono 13.50 euro al litro sugli scaffali", ha aggiunto Hiletzakis.

"Con i prezzi alla produzione di 8.50 euro al chilogrammo, che saliranno a 10 euro con l'imposta aggiuntiva, i prezzi al consumo alla fine aumenteranno ulteriormente, forse fino a 20 o 25 euro al litro", ha concluso. "Tutto ciò potrebbe spingerci fuori dal mercato”.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati